Contestazione differita - se indicato il motivo il verbale è legittimo

L’articolo 201 del codice della strada prevede i motivi di materiale impossibilità della contestazione immediata. Essi sono:

  1. impossibilità di raggiungere un veicolo lanciato ad eccessiva velocità;
  2. attraversamento di un incrocio con il semaforo indicante la luce rossa;
  3. sorpasso in curva;
  4. accertamento di una violazione da parte di un funzionario o di un agente a bordo di mezzo di pubblico trasporto;
  5. accertamento della violazione per mezzo di appositi apparecchi di rilevamento che consentono la determinazione dell’illecito in tempo successivo ovvero dopo che il veicolo oggetto del rilievo sia già a distanza dal posto di accertamento o comunque nella impossibilità di essere fermato in tempo utile o nei modi regolamentari;
  6. accertamento della violazione in assenza del trasgressore e del proprietario del veicolo.

L’indicazione, nel verbale di contestazione notificato, di uno dei motivi fra quelli indicati, che rendono ammissibile la contestazione differita dell’infrazione, rende ipso facto legittimo il verbale e la conseguente irrogazione della sanzione, senza che, in proposito, sussista alcun margine d’apprezzamento, in sede giudiziaria, circa la possibilità concreta di contestazione immediata della violazione, dovendo escludersi che il sindacato del giudice dell’opposizione possa riguardare le scelte organizzative dell’amministrazione.

Ciò, da un lato, perché non è consentito al giudice dell’opposizione sindacare le modalità organizzative del servizio di rilevamento in termini di impiego di uomini e mezzi, ove difettino specifiche previsioni normative di cui si configuri, in ipotesi, la violazione; dall’altro, in quanto nessuna norma impone all’Amministrazione il dispiegamento di una pluralità di pattuglie per garantire la immediata contestazione delle violazioni del codice della strada.

Questo, in sintesi, l’orientamento della Suprema Corte di Cassazione espresso nella sentenza numero 6432 del 19 marzo 2014.

25 Marzo 2014 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Infrazione rilevata con autovelox su rettilineo - In caso di contestazione differita nel verbale deve essere specificato il motivo per cui non è stato possibile procedere alla contestazione immediata
In materia di accertamento di violazioni delle norme sui limiti di velocità compiute a mezzo apparecchiature di controllo (autovelox), nell'ipotesi in cui esse consentono la rilevazione dell'illecito solo in tempo successivo, ovvero dopo che il veicolo sia già a distanza dal posto di accertamento, l'indicazione a verbale dell'utilizzazione di apparecchi di tali caratteristiche esenta dalla necessità di ulteriori precisazioni circa la contestazione immediata. Tuttavia, quando il tratto di percorrenza, controllato da autovelox, è un rettilineo, in via di principio, nulla impedisce agli organi di Polizia stradale di posizionarsi in modo tale che, visionata con i propri strumenti la velocità delle ...

Multe rilevate con autovelox - Nessun obbligo di contestazione immediata dell'infrazione
In tema di sanzioni amministrative conseguenti al superamento dei limiti di velocità accertato mediante autovelox la violazione deve essere documentata con sistemi fotografici, di ripresa video o con analoghi dispositivi che, nel rispetto delle esigenze correlate alla tutela della riservatezza personale, consentano di accertare, anche in tempi successivi, le modalità di svolgimento dei fatti costituenti illecito amministrativo, nonchè i dati di immatricolazione del veicolo ovvero il responsabile della circolazione. Se vengono utilizzati dispositivi omologati che consentono di accertare in modo automatico la violazione, senza la presenza o il diretto intervento degli agenti preposti, non vi è l'obbligo di contestazione immediata. ...

Multa photored senza contestazione immediata » Via libera
Via libera alla multa con il photored all'automobilista indisciplinato che passa col rosso. E' quanto ha sancito il Tribunale di Lecce il quale, con la sentenza 1261/13, ha stabilito che: In tema di violazioni del codice della strada, con riferimento al caso di infrazione riconducibile all'attraversamento di un incrocio con il semaforo indicante la luce rossa, l'indicazione nel verbale notificato di una delle ragioni indicate dall'articolo 384, lettera b) del Dpr 495/92 rende legittimo il differimento della contestazione, e con esso il verbale e l'irrogazione della sanzione, senza che in proposito il giudice del merito abbia alcun margine di apprezzamento ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contestazione differita - se indicato il motivo il verbale è legittimo. Clicca qui.

Stai leggendo Contestazione differita - se indicato il motivo il verbale è legittimo Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 25 Marzo 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Maggio 2017 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Silvia Pasqualotto 11 Settembre 2014 at 22:29

    In caso di violazione del codice della strada, senza contestazione immediata causa mancanza del conducente, non è obbligatorio avere un avviso di avvenuto accertamento (lasciato nel parabrezza e tenuto fermo dal tergicristallo)?

    • Simone di Saintjust 11 Settembre 2014 at 23:49

      Il preavviso di multa, lasciato sul parabrezza e tenuto fermo dal tergicristallo, non è obbligatorio. E, d’altra parte, non avrebbe alcun senso che lo fosse: infatti, l’agente che accerta l’infrazione potrebbe sempre asserire, senza tema di smentita, di averlo lasciato. Il trasgressore, dal canto suo, potrebbe controbattere di non averlo mai trovato e nessuno potrebbe confutare questa sua affermazione.