Multa cinture slacciate » Autista non paga per colpa del passeggero

Il conducente non paga la multa se ad avere le cinture slacciate è il passeggero » Facciamo chiarezza

La sicurezza stradale impone obblighi di comportamento a tutti e non solo a chi guida. Pedoni e ciclisti sono spesso indisciplinati, ma anche a bordo dell'auto ciascun passeggero deve assumersi le sue responsabilità.

L'autista, e magari anche padrone dell'automobile, non risponde per tutti e se gli altri passeggeri violano le norme ne pagano le conseguenze, in termini di multa.

A far luce sul corretto utilizzo delle cinture di sicurezza è l'articolo 172 del Codice della Strada, che al comma 10, recita: Chiunque non fa uso dei dispositivi di ritenuta, cioè delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta per bambini, è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 80 a euro 323. Quando il mancato uso riguarda il minore, della violazione risponde il conducente ovvero, se presente sul veicolo al momento del fatto, chi è tenuto alla sorveglianza del minore stesso. Quando il conducente sia incorso, in un periodo di due anni, in una delle violazioni di cui al presente comma per almeno due volte, all'ultima infrazione consegue la sanzione amministrativa accessoria della sospensione della patente da quindici giorni a due mesi, ai sensi del capo I, sezione II, del titolo VI.

Pertanto, si evince che esiste l'obbligo per tutti i passeggeri adulti di un veicolo a rispettare le norme.

Ad esempio, l'obbligo di allacciare la cintura vige anche per chi siede dietro, ma purtroppo l'infrazione è alquanto comune da Nord a Sud della penisola.

Un deterrente per scoraggiare i passeggeri posteriori dal non allacciare la cintura di sicurezza potrebbe essere il fastidioso cicalino che, oggi, tutte le vetture hanno per indurre il guidatore e chi sta seduto davanti a fissare il dispositivo.

L'esenzione può valere per le donne in gravidanza o per chi soffre gravi malattie (cardiopatie ad esempio), ma attenzione: la certificazione deve essere esibita alle forze dell'ordine, non basta esprimerla a voce.

Il Codice della Strada dice anche che se un passeggero adulto non ha la cintura di sicurezza allacciata risponde dell'infrazione in proprio: pagando la multa.

Non perde i 5 punti sulla patente perché non sta guidando, ma la sanzione va a suo carico.

Multa e 5 punti in meno sulla patente per chi invece guida senza cintura di sicurezza, e questo vale anche se a bordo c'è un minore che non rispetta la normativa sui sistemi di ritenuta (bimbi senza seggiolino apposito per età e peso, under 18 che non hanno allacciato la cintura).

D’altronde farne a meno è pura incoscienza, perché è troppo pacifica la discussione sull'importanza di questo dispositivo, un vero e proprio “salvavita”, il cui invito all'uso non è mai eccessivo.

10 giugno 2013 · Marzia Ciunfrini

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cinture di sicurezza » Diritti doveri e... sanzioni
I primi tentativi erano stati quelli di Edward J. Claghorn, che alla fine dell'Ottocento aveva ideato un complicato sistema di cinghie e ganci per mettere al sicuro le persone tenendole ancorate a un oggetto fisso, forse non si riferiva solo alle neonate automobili, ancora non così diffuse, e da George ...
Guida senza cintura di sicurezza » Le responsabilità del terzo trasportato
Le cinture di sicurezza: il fatto che il conducente ed il terzo trasportato siano obbligati ad indossarle, durante la marcia dell'auto, è assodato. Solo nel caso l'auto sia ferma per strada con il motore acceso, magari perché in fila in attesa di entrare in un parcheggio custodito, la cintura può ...
Patente a punti » Quando non c'è obbligo di comunicare i dati del conducente
In tema di patente a punti, non sussiste l'obbligo di comunicare i dati del conducente per chi ha effettuato il ricorso alla multa principale. Segnaliamo una nuova significativa sentenza in materia di patente a punti ed obbligo di comunicare i dati del conducente, secondo la quale chi impugna il verbale ...
Cinture di sicurezza » Commette un reato chi utilizza falsi certificati medici al fine di ottenerne l'esonero
Commette un reato chi utilizza falsi certificati medici al fine di ottenere l'esonero dall'utilizzo delle cinture di sicurezza ed evitare, così, le multe. Commette il delitto di uso di atto falso chi per ottenere l'annullamento della sanzione amministrativa, per guida senza cinture di sicurezza, utilizza un certificato apparentemente rilasciato da ...
Comunicazione dati conducente - non obbligatoria se la multa è notificata oltre il termine dei 90 giorni
Quando non c'è contestazione immediata della multa e l'infrazione commessa è sanzionata con la decurtazione dei punti patente, il verbale viene notificato  al proprietario del veicolo il quale ha l'obbligo,  entro 60 giorni dalla notifica, di comunicare  i dati dell'effettivo trasgressore per poter procedere nei suoi confronti. La mancata comunicazione dei ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multa cinture slacciate » autista non paga per colpa del passeggero. Clicca qui.

Stai leggendo Multa cinture slacciate » Autista non paga per colpa del passeggero Autore Marzia Ciunfrini Articolo pubblicato il giorno 10 giugno 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria multe per violazioni al Codice della strada - informazione e prevenzione Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca