Multa » Da annullare se non è specificata qualifica verbalizzante

La multa, per aver sostato senza pagare il parchimetro, va annullata se ad eseguirla è stata un ausiliario del traffico senza qualifica da verbalizzante concesso dalla ditta appaltatrice.

Deve essere annullato il verbale di multa per aver lasciato l’autovettura in sosta omettendo il pagamento se non è specificata la qualifica del verbalizzante, dipendente della ditta appaltatrice: in caso di contestazione, spetta all’ente accertatore provare che la violazione sia stata accertata da un soggetto specificamente abilitato, non essendo sufficiente che eventualmente il verbale rechi la mera qualificazione dell’operante come ausiliario del traffico.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dal Tribunale di Arezzo con sentenza 1197/2014.

Ancora uno stop ai vigilini meglio noti come ausiliari del traffico: sarebbero nulle o quantomeno contestabili tutte le multe eseguite da questi “funzionari” al di fuori della loro aria di competenza, ovvero le strisce blu.

Da quanto si evince dal verdetto citato, infatti, la multa per aver sostato senza pagare al parcometro va annullata se il verbale lasciato sul tergicristalli, e poi spedito a casa dell’automobilista, non specifica la qualifica del verbalizzante privato, dipendente della ditta appaltatrice.

Ciò perché, in caso di contestazione da parte del multato, l’amministrazione ha l’onere di dimostrare che la violazione sia stata accertata da un soggetto specificamente abilitato a emettere contravvenzioni.

Non si può, quindi, considerare valido il verbale che contenga la sola qualificazione dell’operante come ausiliario del traffico, come purtroppo, nell’assoluta maggioranza dei casi, avviene.

Le ragioni della sentenza nascono nel fatto che, nella specie, la legge 127/1997, ha stabilito che i comuni possono, con provvedimento del sindaco, conferire funzioni di prevenzione e accertamento delle violazioni in materia di sosta a dipendenti comunali o delle società di gestione dei parcheggi, limitatamente alle aree oggetto di concessione.

La norma ha, inoltre, stabilito che i poteri di contestazione immediata, nonché di redazione e sottoscrizione del verbale di accertamento sono svolte solo da personale nominativamente designato dal sindaco, previo accertamento dell’assenza di precedenti o pendenze penali, nell’ambito delle categorie indicate dalla suddetta legge 127/1997, disponendo che a detto personale può essere conferita anche la competenza a disporre la rimozione dei veicoli, nei casi previsti.

Infatti, proprio per la necessità che gli ausiliari del traffico siano muniti di specifici requisiti fissati dalla legge, la loro nomina deve avvenire con provvedimento amministrativo soggetto a verifica da parte del cittadino.

Insomma, poiché è necessaria, da parte del Comune, l’adozione di uno specifico atto amministrativo che conferisca, nominativamente, al singolo dipendente della società privata incaricata della gestione dei parcheggi il potere di accertare le violazioni in materia di sosta, di tale provvedimento va fatta menzione.

E ciò perché non si può ritenere implicita e automatica l’autorizzazione al personale privato ad emettere le multe.

22 Luglio 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Multa per mancato rispetto delle norme sui parcheggi » Nulla se l'ausiliario che l'ha elevata non è abilitato
Multa per divieto di sosta o parcheggio senza ticket sulle strisce blu: se l'ausiliare del traffico non è abilitato può essere nulla. Nel giudizio di opposizione al verbale di multa, di fronte alla contestazione del trasgressore, è il Comune che deve dimostrare come l'accertatore fosse autorizzato a rilevare l'infrazione alle norme sui parcheggi. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con ordinanza 22867/14. Da quanto si evince dalla pronuncia in esame, può essere considerata illegittima la multa se gli enti locali non riescono a dimostrare la valida nomina degli ausiliari del traffico. Potrebbero essere annullabili, dunque, tutte le ...

Multa per divieto di sosta elevata dagli ausiliari del traffico » E' legittima se sussiste l'incarico del Comune
E' valida la multa per divieto di sosta in zona pedonale, elevata dall'ausiliario del traffico, se c'è stato l'incarico del Comune. L'ausiliario del traffico può fare la multa a chi parcheggia in zona pedonale, anche se fuori dall'area in concessione, a patto che vi sia un'autorizzazione del Comune. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 21268/14. Da ciò che si evince dalla suddetta pronuncia, si può essere multati dagli ausiliari della sosta anche se si posteggia in un'area pedonale. La competenza limitata alle strisce blu e alle loro immediate vicinanze vale solo per i dipendenti delle società concessionarie ...

Multe da ausiliario del traffico » Discutiamo su legittimità e possibile ricorso
Vi siete visti elevare una o più multe da un ausiliario del traffico? Niente paura. Si continuano a vedere per le strade, imperterriti, gli ausiliari della sosta, altrimenti detti vigilini che continuano a sanzionare gli automobilisti in base agli Articoli 7 e 158 del codice della strada, ovvero le disposizioni normative che regolano le modalità di parcheggio e sosta nei centri abitati. Queste multe, si sa, aiutano spesso le casse comunali, molto meno i malcapitati automobilisti. Ora, sempre più decidono di non pagare, presentando il ricorso al Giudice di pace, se le multe sono emesse dagli ausiliari. Complice una doppia ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su multa » da annullare se non è specificata qualifica verbalizzante. Clicca qui.

Stai leggendo Multa » Da annullare se non è specificata qualifica verbalizzante Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 22 Luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria multe e sinistri - giurisprudenza di legittimità e di merito - circolari del ministero dei trasporti Inserito nella sezione Multe - accertamento infrazione e notifica del verbale

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Ginko 25 Agosto 2014 at 20:53

    COME SI FA A CONOSCERE SE L’AUSILIARIO HA LA QUALIFICA DA VERBALIZZANTE? Dovrebbe esserci un riferimento nell’avviso di accertamento?
    Grazie

    La multa, per aver sostato senza pagare il parchimetro, va annullata se ad eseguirla è stata un ausiliario del traffico senza qualifica da verbalizzante concesso dalla ditta appaltatrice.

    • Annapaola Ferri 26 Agosto 2014 at 05:19

      Nel verbale di multa è indicata la qualifica del soggetto che ha contestato l’infrazione. La sentenza numero 1197/2014 del Tribunale di Arezzo ha stabilito che debba ritenersi nullo il verbale che contenga la sola qualifica di ausiliario del traffico. I giudici aretini hanno aggiunto che, in caso di contestazione da parte del multato, l’amministrazione ha l’onere di dimostrare che la violazione sia stata accertata da un soggetto specificamente abilitato a emettere contravvenzioni.

      E’ stata quindi ribadita la necessità che gli ausiliari del traffico siano muniti di specifici requisiti fissati dalla legge e la loro nomina deve avvenire con provvedimento amministrativo soggetto a verifica da parte del cittadino. In pratica, è necessaria, da parte del Comune, l’adozione di uno specifico atto amministrativo che conferisca, nominativamente, al singolo dipendente della società privata incaricata della gestione dei parcheggi il potere di accertare le violazioni in materia di sosta. Di tale provvedimento va fatta menzione nel verbale di multa.