Importo massimo erogabile e priorità nella concessione dei contributi per morosità incolpevole

L'importo massimo di contributo concedibile per sanare la morosità incolpevole accertata non può superare l'importo di euro 8 mila.

I provvedimenti sono destinati alla concessione di contributi in favore:

  1. di inquilini, nei cui confronti sia stato emesso provvedimento di rilascio esecutivo per morosità incolpevole, che sottoscrivano con il proprietario dell'alloggio un nuovo contratto a canone concordato;
  2. di inquilini la cui ridotta capacità economica non consenta il versamento di un deposito cauzionale per stipulare un nuovo contratto di locazione. In tal caso il comune prevede le modalità per assicurare che il contributo sia versato contestualmente alla consegna dell'immobile;
  3. di inquilini, ai fini del ristoro, anche parziale, del proprietario dell'alloggio, che dimostrino la disponibilità di quest'ultimo a consentire il differimento dell'esecuzione del provvedimento di rilascio dell'immobile.

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Argomenti correlati

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su importo massimo erogabile e priorità nella concessione dei contributi per morosità incolpevole. Clicca qui.

Stai leggendo Importo massimo erogabile e priorità nella concessione dei contributi per morosità incolpevole Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 16 luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria contratti di locazione - affitti in nero e sanzioni per il locatore - sfratti e diritto alla casa - morosità incolpevole Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • Anonimo 26 aprile 2019 at 13:45

    scusate, mi spiego meglio: il comune di arezzo concede il pagamento di 12000 euro per pagare tre anni di affitto, e la persona che ha appena ricevuto questo aiuto, ma che non ha ancora iniziato ad usarlo, e che è stata sfrattata ad arezzo, trova una casa in un’altro comune della provincia, Bibbiena. è possibile che il comune di arezzo paghi ugualmente quanto stanziato?. Grazie

    • Ludmilla Karadzic 26 aprile 2019 at 13:53

      Certamente il Comune pagherà fino a copertura del debito accumulato dall’inquilino nella casa occupata in Arezzo: il contributo per ripianare la morosità incolpevole è finalizzato, anche e soprattutto, a risarcire il locatore per il danno subito. Se poi l’inquilino moroso va ad “arricchire” un cittadino residente in Bibbiena, tanto meglio per il Comune di Arezzo.

  • Anonimo 26 aprile 2019 at 13:08

    buongiorno. Se il comune di xxx concede il pagamento di 12000 euro in tre anni per morosità incolpevole, e si trova una casa in affitto in un altro comune della stessa regione (la Toscana) e della stessa provincia, il comune che ha concesso il pagamento dell’affitto provvederà lo stesso, anche se è un altro comune? grazie. cordiali saluti

    • Ludmilla Karadzic 26 aprile 2019 at 13:30

      Bisognerebbe capire cosa intende quando scrive che il Comune si trova una casa in affitto in un altro comune della stessa regione (la Toscana) e della stessa provincia,

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca