Indice del post cosa fare in caso di morosità per forniture di energia elettrica

Morosità per forniture di energia elettrica » Informazioni utili

In questo articolo parleremo di tutti i problemi cui si va incontro in caso di morosità per la fornitura di energia elettrica, ovvero, quando non si paga o si paga in ritardo una bolletta della luce. Forniremo, inoltre, alcune dritte e [ ... leggi tutto » ]

Procedura in caso di morosità della bolletta elettrica

Se un cliente non paga entro la scadenza indicata sulla bolletta, il venditore deve inviargli una raccomandata, non è necessario l'avviso di ritorno, che specifichi il termine ultimo di pagamento. Il termine ultimo non può essere: Inferiore a 20 giorni dall'emissione della raccomandata da parte del venditore; Inferiore a 15 giorni dall'invio della raccomandata da parte del venditore. La raccomandata inoltre dovrà indicare: le modalità con cui il cliente deve comunicare al venditore l'avvenuto pagamento (telefono, fax ecc.); il termine oltre il quale, se il cliente continua a non pagare, il venditore invierà al distributore la richiesta di sospensione [ ... leggi tutto » ]


I costi del mancato o del ritardato pagamento di una bolletta relativa alla fornitura di elettricità

Se un cliente con contratto a condizioni regolate dall'Autorità (servizio di maggior tutela), paga la bolletta dopo la scadenza indicata, il venditore può chiedergli gli interessi di mora, per i giorni di ritardo, a un tasso pari al tasso di riferimento fissato dalla Banca Centrale Europea (BCE) aumentato del 3,5%. Se, per esempio, il tasso di riferimento è al 3%, il tasso di mora che può essere applicato ai clienti morosi sarà del 6,5% annuo. Il venditore può richiedere anche il pagamento delle sole spese postali per l'invio del sollecito. Se un cliente con un contratto nel mercato libero, [ ... leggi tutto » ]

Utenti a cui non può essere sospesa la fornitura di corrente elettrica

E' bene notare che la fornitura non può mai essere sospesa, nemmeno per morosità, ai clienti, definiti non disalimentabili. Parliamo, ad esempio, degli utenti che per ragioni di sopravvivenza sono connessi a macchine salvavita, e ad altri clienti per i quali, fino a quando sono rimasti serviti dall'impresa distributrice, non è stata prevista da parte della stessa impresa la sospensione della fornitura in relazione alle funzioni di pubblica utilità svolte dai medesimi. Inoltre, la fornitura non può essere sospesa quando: il cliente non è stato preavvisato con raccomandata; il pagamento della bolletta è già stato eseguito e comunicato regolarmente [ ... leggi tutto » ]

Tempi e costi della riattivazione della fornitura di elettricità

Per riattivare una fornitura sospesa per morosità, bisogna innanzitutto inviare al venditore la richiesta insieme con la documentazione dell'avvenuto pagamento, nei modi indicati nella comunicazione di messa in mora. Il venditore che riceve l'attestazione di pagamento del cliente deve immediatamente inviare al distributore (tramite fax o e-mail) la richiesta di riattivazione della fornitura. Se il fornitore riceve dal cliente la documentazione dell'avvenuto pagamento dopo le ore 18:00 di un giorno feriale, l'invio al distributore può avvenire il giorno successivo. Il distributore, quindi, deve procedere a riattivare la fornitura entro un giorno feriale dalla data di ricevimento della richiesta da [ ... leggi tutto » ]


Gli indennizzi: quando i fornitori di energia elettrica non rispettano la normativa

Se i venditori non rispettano le regole, sono obbligati a corrispondere un indennizzo al cliente. Per quanto riguarda la sospensione della fornitura e/o la riduzione della potenza, gli indennizzi automatici a favore del cliente sono previsti nei seguenti casi: 30 euro se non è stata inviata la raccomandata di messa in mora; 20 euro se il venditore è in grado di documentare il giorno di invio della raccomandata, e il termine ultimo per il pagamento era inferiore a 15 giorni solari dall'invio della raccomandata; 20 euro se il venditore non è in grado di documentare il giorno di invio [ ... leggi tutto » ]

Quando un utente di energia elettrica diventa cattivo pagatore

Un utente viene considerato cattivo pagatore se non paga nel corso di 365 giorni di fornitura almeno 2 bollette anche non consecutive, purché: per almeno una di esse sia stata tempestivamente avviata una procedura di sospensione della fornitura; nessuna di esse contabilizzi corrispettivi per ricostruzione dei consumi in caso di già accertato malfunzionamento del contatore; non sussistano crediti del cliente nei confronti del venditore per precedenti fatture non ancora liquidati dal venditore stesso; il venditore abbia provveduto nei tempi previsti a fornire una risposta motivata a una eventuale richiesta di re [ ... leggi tutto » ]

25 marzo 2014 · Giovanni Napoletano

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post cosa fare in caso di morosità per forniture di energia elettrica. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Cosa fare in caso di morosità per forniture di energia elettrica Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 25 marzo 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - acqua luce e gas Inserito nella sezione tutela consumatori.

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca