Morosità bollette elettriche - come affrontare la sospensione della fornitura


Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


Svolta a favore dei consumatori nel settore dell’energia: i privati che non pagano le bollette energetiche non possono subire il distacco della fornitura in maniera indiscriminata e, soprattutto, senza un adeguato preavviso. Infatti, dallo scorso 1 settembre del 2013 in Italia sono entrate in vigore nuove regole, per la morosità legata alle bollette, che sono state fissate dall’AEEG, Autorità per l’Energia Elettrica ed il Gas, con la delibera 67/2013.

Il distacco della fornitura di energia è subordinato all’invio al cliente da parte della società fornitrice di una raccomandata con cui si comunica la messa in mora. E solo dopo, entro il termine indicato nella lettera ricevuta dal cliente moroso, la società energetica potrà procedere al distacco qualora nel frattempo la posizione non fosse stata sanata.

Ma passiamo ad esaminare la delibera nel dettaglio.



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


9 Settembre 2013 · Giovanni Napoletano




Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su morosità bollette elettriche - come affrontare la sospensione della fornitura. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)