La messa in mora del creditore e la liberazione del debitore

Cosa succede quando il debitore vuole adempiere all’obbligazione ed il creditore non accetta l’offerta e non fornisce la liberatoria? Si può mettere in mora il creditore quando questi rifiuti, senza un legittimo motivo, di ricevere il pagamento offertogli dal debitore. Effetti della costituzione in mora del creditore, sono: il dovuto risarcimento dei danni patiti dal debitore e la cessazione degli interessi dovuti da quest’ultimo al creditore.

Ogni offerta di adempimento vale ad escludere la mora del debitore. Tuttavia ove quest’ultimo voglia conseguire l’effetto più ampio della liberazione dall’obbligazione è tenuto a far seguire l’offerta dal deposito liberatorio.

Ma può non bastare. Infatti per la liberazione del debitore, spesso non sono sufficienti l’offerta ed il deposito liberatorio eseguiti nel rispetto delle relative formalità. La norma dispone che, in caso di mancata accettazione dell’offerta e del deposito da parte del creditore, solo alla sentenza di convalida consegue la liberazione coattiva del debitore.

In altre parole, il procedimento di convalida dell’offerta reale e del successivo deposito libera il debitore dalla sua obbligazione soltanto quando il deposito è accettato dal creditore o è dichiarato valido con sentenza passata in giudicato. Non essendo sufficiente per la liberazione coattiva del debitore che questi abbia rispettato le modalità, formali e temporali, prescritte dalla disciplina dell’offerta e del deposito contenuta nel codice civile, se non seguite dal giudizio di convalida.

Allo scopo di ottenere la convalida del deposito non accettato dal creditore in mora, è necessario che il debitore, con l’atto di opposizione all’esecuzione avverso l’atto di precetto, svolga domanda di convalida. In relazione a tale domanda, il debitore opponente deve fornire prova che egli ha effettuato l’offerta ed il deposito liberatorio, onde mettere in mora il creditore, e che quest’ultimo ha indebitamente omesso di accettare offerta e deposito.

La messa in mora del creditore e la conseguente offerta di restituzione valgono unicamente a stabilire il momento di cessazione del corso degli interessi per il debitore e costituiscono il presupposto per una eventuale richiesta di risarcimento del danno e di rimborso delle spese legali. Ma, tra gli effetti della mora del creditore non vi è la liberazione del debitore, subordinata, invece, all’esecuzione del deposito accettato dal creditore o dichiarato valido con sentenza passata in giudicato.

Così si sono espressi i giudici della Corte di cassazione nella sentenza numero 302/15.

15 Gennaio 2015 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Mora del debitore, mora del creditore, estinzione del debito e liberazione coattiva del debitore
Quando il debitore presenta al creditore un'offerta di pagamento del debito ed il creditore la rifiuta senza un motivo legittimo, si ha l'esclusione della mora del debitore (mora debendi o mora solvendi): il debitore, cioè, non è più tenuto a corrispondere al creditore gli interessi di mora. Quando il creditore rifiuta il pagamento offertogli senza motivo legittimo, si ha la costituzione in mora del creditore (mora credendi o mora accipiendi). L'impossibilità della prestazione sopravvenuta per causa non imputabile al debitore ha un'ulteriore conseguenza: oltre a non essere più dovuti gli interessi di mora il creditore è pure tenuto a risarcire ...

Diffida e messa in mora del creditore
Avete letto bene, il titolo è proprio la messa in mora del creditore!!! Si può mettere in mora il creditore quando questi rifiuti, senza un legittimo motivo, di ricevere il pagamento offertogli dal debitore (ai sensi degli articoli 1208 e 1209 del codice civile), o nel caso in cui il creditore non compia gli atti (cosiddetti preparatori) necessari al ricevimento della prestazione dovuta dal debitore. Così, mentre la mora del debitore pone in essere un illecito civile siccome consistente nella violazione di un obbligo il quale produrrà una responsabilità in capo al debitore, nella mora del creditore (o mora accipiendi) ...

Diffida e messa in mora del debitore
La raccomandata A/R di diffida serve ad avvertire un soggetto che, se mettesse in pratica o continuasse a praticare determinate azioni, illegittime o indesiderate, ci si rivolgerà all'autorità competente. Esempi pratici: - continuano ad arrivare solleciti di pagamento quando avete già provveduto o a cui non siete tenuti; - vi vogliono attivare un servizio telefonico non richiesto; - vi tempestano di telefonate per vendervi prodotti/servizi. La diffida si struttura idealmente in tre parti. - Descrizione dell'accaduto. - Intimazione a non fare: non disturbare, non inviatemi illegittime richieste, non attivatemi nessun servizio non richiesto, ecc. - Avvertimento che in difetto si ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la messa in mora del creditore e la liberazione del debitore. Clicca qui.

Stai leggendo La messa in mora del creditore e la liberazione del debitore Autore Rosaria Proietti Articolo pubblicato il giorno 15 Gennaio 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria tutela debitore - difesa dalle scorrettezze Inserito nella sezione tutela dei beni del debitore

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)