Dichiarazione dei redditi – Modello Unico

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Dove deve essere presentato il Modello Unico?

Le persone fisiche devono presentare il Modello Unico:

  • in banca o in posta, se la compilazione avviene su carta; questa modalità è riservata ai soggetti che non sono titolari di partita Iva;
  • tramite il canale telematico, sia per chi è obbligato per legge alla trasmissione telematica, sia per chi decide di avvalersi di Internet per propria comodità.

Per le società di persone i termini sono gli stessi delle persone fisiche.

Chi deve presentare il Modello Unico?

  • Le persone che non hanno un CUD e che non possono presentare il 730.
  • le persone che hanno fatto più lavori (per esempio le persone che fanno due lavori contemporaneamente, oppure che hanno lavorato per alcuni mesi dell’anno in un’azienda, poi in un’altra azienda);
  • in base alla condizione reddituale personale, le persone che dall’anno in corso non sono più alle dipendenze di un datore di lavoro;
  • colf e badanti.

Quali documenti bisogna presentare?

  • Dichiarazione dei redditi dell’anno precedente;
  • dati anagrafici e codici fiscali dei familiari a carico;
  • CUD dell’anno precedente;
  • la documentazione relativa ai redditi prodotti (ad es. tutte le attività svolte con partita IVA);
  • la documentazione relativa agli oneri detraibili e deducibili.

Quali documenti devono presentare le colf e le badanti?

  • Dichiarazione del datore di lavoro per i redditi dell’anno precedente;
  • bollettini INPS;
  • ricevute Irpef pagate;
  • contratto di affitto;
  • la documentazione relativa agli oneri detraibili e deducibili.

Posso avere uno sconto sulle tasse?

Si, per gli oneri detraibili e deducibili lo Stato concede uno sconto sulle tasse:

  • spese mediche, scontrini di farmaci, occhiali, fatture del dentista e altre spese sanitarie;
  • tasse scolastiche;
  • assicurazioni vita, auto, ecc.;
  • contributi previdenziali, bollettini INPS per i/le colf;
  • interessi versati per il mutuo.

Cos’è l’acconto Irpef?

È l’importo che devi versare come anticipo dell’imposta sui redditi per l’anno in corso. Per stabilire se sia dovuto o no, occorre far riferimento all’imposta calcolata con la dichiarazione dei redditi relativa all’anno precedente.

Come posso riparare agli errori commessi nel calcolo dell’Irpef?

Se a fine anno ti accorgi di aver versato un acconto inferiore al dovuto, potrai regolarizzare la tua situazione sfruttando il cosiddetto “ravvedimento operoso”, cioè versare, oltre all’acconto mancante, una sanzione del 6% e gli interessi per ogni giorno di ritardo. Il tutto entro il termine della presentazione della dichiarazione dei redditi relativa all’anno in cui sono stati omessi i versamenti (es. versamento omesso nel 2005, ravvedimento entro il 31/10/2006): se si supera questo termine infatti scatta la sanzione del 30% sulle somme non versate, o versate in meno, oltre agli interessi.

Dove posso trovare il CUD, il modello 730 e il Modello Unico?

Puoi prelevarli gratis dal sito internet del Ministero dell’Economia e delle Finanze oppure dal sito dell’Agenzia delle Entrate.

Per fare una domanda sul 730, sulla  dichiarazione dei redditi in genere, sulle modalità di compilazione dei modelli, sulle detrazioni e deduzioni ammesse, nonchè su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

8 Gennaio 2009 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dichiarazione dei redditi con modello 730 - come correggerla dopo la presentazione
Chi ha utilizzato il modello 730 per dichiarare i propri redditi deve controllare attentamente il prospetto di liquidazione delle imposte (modello 730/3) ricevuto dal sostituto d'imposta (datore di lavoro o ente previdenziale) o dall'intermediario (Caf, professionista), allo scopo di verificare che non ci siano errori di compilazione o di calcolo. Qualora si riscontrassero errori, bisogna rivolgersi al più presto a chi ha prestato l'assistenza affinché provveda a sanarli e a redigere un modello 730 "rettificativo" in tempo utile per effettuare i conguagli nella busta paga o nel rateo di pensione. Quando il modello è stato compilato in modo corretto, ma ...

Dichiarazione dei redditi con modello Unico - come correggerla dopo la presentazione
I contribuenti che, presentato il modello Unico, si accorgono di non aver dichiarato dei redditi o di non aver riportato delle spese detraibili o deducibili, possono presentare, entro la scadenza ordinaria, un modello "rettificativo" di quello consegnato o spedito. Sul modello deve essere barrata la casella "Correttiva nei termini". Se i calcoli della dichiarazione rettificativa determinano una maggiore imposta o un minor credito, il contribuente è tenuto a versare le somme dovute entro le scadenze previste per il versamento delle imposte. Se i termini sono già scaduti, è possibile ricorrere all'istituto del ravvedimento operoso per sanare il tardivo pagamento. Se, ...

Dichiarazione dei redditi - chi può presentare il Modello 730 e chi deve presentare il Modello UNICO Persone fisiche
Possono utilizzare il Modello 730 i contribuenti che nell'anno in cui si effettua la dichiarazione sono: pensionati o lavoratori dipendenti (compresi i lavoratori italiani che operano all'estero per i quali il reddito è determinato sulla base della retribuzione convenzionale definita annualmente con apposito decreto ministeriale); persone che percepiscono indennità sostitutive di reddito di lavoro dipendente (es. integrazioni salariali, indennità di mobilità); soci di cooperative di produzione e lavoro, di servizi, agricole e di prima trasformazione dei prodotti agricoli e di piccola pesca; sacerdoti della Chiesa cattolica; giudici costituzionali, parlamentari nazionali e altri titolari di cariche pubbliche elettive (consiglieri regionali, provinciali, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dichiarazione dei redditi – modello unico. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • maura 29 Giugno 2009 at 13:02

    Buongiorno,
    mio marito deve fare l’unico: è lavoratore dipendente più ha una ditta individuale, ha un rimborso, ma è possibile averlo sulla busta paba e non portarlo in detrazione? Quali sono le tempistiche? Grazie mille.

    • weblog admin 29 Giugno 2009 at 13:19

      E’ possibile avere i rimborsi in busta paga solo presentando il modello 730.