Dichiarazione dei redditi – Modello 730

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!




Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

A chi conviene il modello 730?

Ti conviene presentare il modello 730 se sei un lavoratore dipendente o un pensionato. In questi casi è il tuo datore di lavoro o l’ente pensionistico, oppure il centro di assistenza fiscale (Caaf) a cui ti sei rivolto, a far pervenire la dichiarazione all’amministrazione finanziaria.

Presentare il modello 730 conviene alle persone che hanno familiari a carico (marito/moglie, figli), anche se questi ultimi non sono residenti in Italia.

Quali sono i vantaggi del modello 730?

Il modello 730 è più facile da compilare e non bisogna fare calcoli. Se hai versato più soldi del dovuto, il rimborso ti sarà versato nella busta paga, o nella rata di pensione di luglio. Se invece hai versato di meno, ti verrà direttamente trattenuta dalla busta paga o dalla pensione la somma che spetta al fisco.

Quali documenti devo presentare?

Quali sono i redditi dichiarabili?

Come si presenta la dichiarazione?

Il modello 730 deve essere presentato già compilato presso un centro di assistenza fiscale (Caaf) o al datore di lavoro (nel caso in cui il datore di lavoro effettui direttamente assistenza fiscale) o all’ente pensionistico. La documentazione tributaria (i documenti relativi alle spese deducibili o detraibili) va invece conservata per almeno 5 anni poiché l’amministrazione può richiederla per accertamenti.

Le persone che non presentano la dichiarazione dei redditi entro le scadenze non possono avere rimborsi per gli anni passati. Se non hanno pagato le tasse scattano sanzioni dal 120% fino al 240% delle tasse non pagate.

Che posso fare se ho commesso un errore?

Se ti accorgi di aver commesso errori durante la compilazione, puoi riparare con la presentazione di una dichiarazione integrativa. Devi utilizzare un modello 730 nel quale dovrai barrare la casella “730 integrativo”, e presentarlo, entro i termini stabiliti, ad un centro di assistenza fiscale autorizzato.

Per fare una domanda sul 730, sulla  dichiarazione dei redditi in genere, sulle modalità di compilazione dei modelli, sulle detrazioni e deduzioni ammesse, nonchè su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

8 Gennaio 2009 · Andrea Ricciardi



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su dichiarazione dei redditi – modello 730. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • giorgio 19 Maggio 2009 at 18:23

    salve
    I contributi volontari versati al fondo pensione INPS,in che misura
    sono detraibili nel 730 ?
    Se la dichiarazione e’ congiunta mia moglie può detrarre i contributi versati
    dal marito a carico ?
    grazie





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!