Minimo vitale nella fornitura d'acqua agli utenti morosi

L’Autorità per l’energia elettrica, il gas ed il sistema idrico, AEEGSI, ha messo nero su bianco, nel documento di consultazione 603/2017/R/idr , i primi orientamenti per la definizione di misure necessarie al contenimento della morosità nel settore del servizio idrico integrato, con particolare riferimento alle procedure di costituzione in mora e alle tempistiche e modalità con cui è possibile pervenire alla sospensione della fornitura nei confronti delle utenze morose disalimentabili.

L’Autorità è, innanzitutto, orientata a prevedere che la sospensione della fornitura possa essere applicata a tutte le utenze morose solo successivamente alla regolare messa in mora degli utenti da parte del gestore e successivamente all’escussione del deposito cauzionale, ove versato, nei casi in cui lo stesso non consenta la copertura integrale del debito.

Con riferimento alle utenze domestiche residenti morose diverse da quelle economicamente svantaggiate, l’Autorità intende prevedere che la sospensione della fornitura possa essere effettuata soltanto successivamente al mancato pagamento di fatture che complessivamente siano superiori a un importo pari al corrispettivo annuo dovuto dall’’utente relativamente alla fascia di consumo a tariffa agevolata, ossia 50 litri/abitante/giorno.

Nel contempo l’Autorità è orientata a prevedere specifici indennizzi a favore dell’utente finale nei casi di erronea azione per morosità, mancato rispetto da parte del gestore medesimo delle tempistiche previste nell’ambito della costituzione in mora o di mancato invio della comunicazione di costituzione in mora prima della sospensione/riduzione della fornitura. Infine, si intente prevedere la risoluzione del contratto solo per le utenze morose la cui fornitura non possa essere tecnicamente sospesa.

Per quanto attiene le procedure per la gestione della morosità nel caso di utenze condominiali, anche a causa della numerosità delle utenze coinvolte e delle rilevanza dei volumi fatturati, l’Autorità è orientata a ritenere che l’interlocutore del gestore medesimo sia rappresentato dal condominio ovvero dall’utenza condominiale rappresentata dall’amministratore di condominio, a cui andranno pertanto applicate le procedure in materia di messa in mora e sospensione della fornitura previste.

Infine, l’Autorità, nelle direttive finalizzate al contenimento della morosità nel settore del servizio idrico integrato, recepirà il disposto dell’articolo 3 del Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri (GU Serie Generale 241/2016) secondo il quale, in nessun caso e’ applicata la disalimentazione del servizio agli utenti domestici residenti che versano in condizioni di documentato stato di disagio economico-sociale ai quali è in ogni caso garantito il quantitativo minimo vitale pari a 50 litri abitante giorno, nonché le utenze relative ad attività di servizio pubblico.

1 Dicembre 2017 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il fornitore di acqua luce e gas non può procedere al distacco se nel frattempo il cliente moroso ha saldato il debito
Il contratto di utenza di energia elettrica è inquadrabile nello schema del contratto di fornitura e pertanto la clausola contrattuale che prevede la facoltà del fornitore di sospendere l'erogazione di energia elettrica nel caso di ritardato pagamento, anche di una sola bolletta, rappresenta una specificazione contrattuale e costituisce quindi una reazione all'inadempimento dell'utente. Ne consegue che la sospensione della fornitura è legittima solo finché permane l'inadempimento dell'utente e che detta sospensione, se attuata quando ormai l'utente ha pagato il suo debito, costituisce inadempimento contrattuale e obbliga perciò il fornitore al risarcimento del danno, a meno che non sia fornita la ...

Sospensione fornitura idrica al condominio - Per la morosità di alcuni tutti i condomini restano senza acqua
Ponendosi il condominio, nei confronti dei terzi, come soggetto di gestione dei diritti e degli obblighi dei singoli condomini, attinenti alle parti comuni, l'amministratore assume la qualità di necessario rappresentante della collettività dei condomini sia nella fase di assunzione di obblighi verso terzi, per la conservazione delle cose comuni sia, all'interno della collettività condominiale, come unico referente dei pagamenti ad essi relativi. La circostanza che alcuni dei condomini abbiano provveduto al versamento a favore del condominio delle quote stabilite per le spese ordinarie di gestione (e quindi anche delle spese per il servizio idrico) non può assumere rilievo nei rapporti ...

Fornitura acqua » La disciplina del settore secondo l'Autorità garante acqua luce e gas (Aeegsi)
In tema di tutela dei consumatori, nell'articolo che segue, vediamo come l'autorità garante acqua luce e gas disciplina il settore della fornitura acqua. L'Autorità garante per l'energia e il gas si occupa anche del settore idrico dal 2011, fissando regole generali a livello nazionale. A livello regionale poi la gestione passa dalle Autorità locali a cui le Regioni affidano la gestione del servizio. I Queste Autorità controllano poi i vari gestori idrici suddivisi per zona. A livello locale quindi per l'utente sono molto importanti anche il Regolamento dell'Autorità regionale e la Carta dei Servizi del proprio gestore. Questi documenti devono ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su minimo vitale nella fornitura d'acqua agli utenti morosi. Clicca qui.

Stai leggendo Minimo vitale nella fornitura d'acqua agli utenti morosi Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 1 Dicembre 2017 Ultima modifica effettuata il giorno 1 Dicembre 2017 Classificato nella categoria tutela consumatori - acqua luce e gas Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)