Minacce

Ho un debito con la Findomestic di 12 mila euro al quale non sono in grado di soddisfare

Questa mattina sono stato contattato da una signora la quale . dopo essersi rifiutata di darmi il suo nome mi ha minacciato di: sfratto dall'abitazione, sequestro di quanto ho, pignoramento dello stipendio, chiamata in causa delle mie figlie e di mia moglie, minacciando di chiamarle al telefono per far loro conoscere la mia situazione.

Devo precisare che né mia moglie e né le mie figlie hanno firmato nulla circa il finanziamento, inoltre vivo in casa d'altri e tutto l'arredamento, oggettistica compresa è in contratto di comodato, regolarmente registrato. di mio posseggo solo una bicicletta ed una pensione sula quale grava una precedente cessione del quinto.

La domanda è : possono importunare i mie familiari con telefonate minacciose imponendogli di intervenire per il mio debito? E se lo facessero posso denunciare questo loro comportamento al garante per la Privacy?
Grazie per una sua cortese risposta.

Il comportamento della finanziaria è discutibile. Ovviamente sanno che lei non può pagare e vedono il recupero del credito lontano anzi inesigibile

Lei può fare ricorso (e minacci anche di farlo) all'Autorità per la protezione della privacy o per molestie alle autorità di polizia.

Non sono ammesse prassi invasive o lesive della dignità personale. Per sollecitare ed ottenere il pagamento di somme dovute non è lecito comunicare ingiustificatamente informazioni relative ai mancati pagamenti ad altri soggetti che non siano l'interessato (es. familiari, colleghi di lavoro o vicini di casa) ed esercitare indebite pressioni su quest’ultimo.

Anzi, dirò di più. Il comportamento della "recuperatrice" che potrebbe essere stata in outsourcing (e quindi non della finanziaria), non solo è discutibile, ma è anche illegale. Purtroppo, anche se in misura minore che nel passato, è prassi per taluni recuperatori comportarsi in questo modo, specie se dall'altro capo del telefono sentono un soggetto debole, emotivamente e/o culturalmente. Avere giustizia in questi casi è complicato, lungo, e per soggetti in difficoltà economica può essere anche costoso, troppo.

Non dico che sia giusto ma, fra il serio e il faceto, imparare a riconoscere il comportamento (il 99% delle volte artefatto e teatrale) di determinati recuperatori, e ripagarli con la stessa moneta mandandoli sonoramente a quel paese, spesso è più veloce, contribuisce a diminuire il proprio nervosismo, e in molti casi può essere un modo per far diminuire il flusso delle telefonate....

11 agosto 2010 · Simone di Saintjust

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Danno non patrimoniale - E' necessario provare il nesso causale fra evento dannoso e comportamento illecito
La quantificazione giudiziale del danno non patrimoniale comporta sempre ed inevitabilmente un certo margine di opinabilità, a causa dell'impossibilità di tradurre in termini di denaro dolori, traumi e ferite che attengono ai sentimenti delle persone ed ai loro rapporti affettivi, la cui intensità varia anche in relazione alle rispettive sensibilità ...
Separazione personale » In caso di tradimento reciproco l'addebito grava sul coniuge che ha commesso l'adulterio per primo
In caso di tradimento reciproco tra due coniugi, l'addebito della separazione personale ricade su chi ha "cornificato" per primo. Quando sussiste un tradimento reciproco, se la relazione extraconiugale di uno dei due coniugi è servita a dare il via alla crisi della coppia, è a quest’ultimo che va imputato l'addebito ...
Concorso di colpa - L'automobilista è responsabile anche della condotta imprudente altrui se prevedibile
L'utente della strada, nel caso di infortunio subito da un terzo anche per colpa di questi, potrebbe andare esente da responsabilità solo se provi che la sua condotta fu immune da qualsiasi addebito, sia sotto il profilo della colpa specifica, che della colpa generica, sì da presentarsi in tal caso ...
Separazione legale fra coniugi - lo shopping compulsivo è causa di addebito
Il secondo comma dell'articolo 151 del codice civile prevede che il giudice, pronunciando la separazione, dichiara, ove ne ricorrano le circostanze e ne sia richiesto, a quale dei coniugi essa sia addebitabile, in considerazione del suo comportamento contrario ai doveri derivanti dal matrimonio. L'addebito della separazione è, dunque, una sorta ...
Separazione personale » Per la determinazione dell'assegno di mantenimento conta la durata del matrimonio
Nell'ambito di una separazione personale, per la determinazione degli importi da corrispondere nell'assegno di mantenimento incide la durata del matrimonio. La durata breve del matrimonio può incidere sulla determinazione dell'assegno divorzile ben potendo non essere osservati tutti i criteri indicati dall'art. 5, comma 6, l. n. 898/1970 e potendo alcuni ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su minacce. Clicca qui.

Stai leggendo Minacce Autore Simone di Saintjust Articolo pubblicato il giorno 11 agosto 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 27 luglio 2017 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca