Mi è arrivata una cartella esattoriale e non ho pagato quanto mi si chiedeva. Cosa può accadermi adesso?

Mi è arrivata una cartella esattoriale e non ho pagato quanto mi si chiedeva. Cosa può accadermi adesso?

Rispondetemi che sono molto preoccupata. Grazie

Rosina Sparanise, Afragola (NA)

Se la pretesa contenuta nella cartella di pagamento è esatta, è giusto che il cittadino paghi. È una questione di onestà, anche verso chi le tasse le paga spontaneamente. Nel caso in cui i termini, previsti dalla legge, scadano senza che l'Agente della riscossione abbia ricevuto dall'ente impositore un provvedimento di annullamento (sgravio) o di sospensione del debito, e anche nel caso di mancata concessione della rateazione del debito, Equitalia ha l'obbligo, per legge, di iniziare le procedure di riscossione sui beni, con l'aggravio delle ulteriori spese.

A seconda dei beni rilevati presso l'anagrafe tributaria, si può procedere con: fermo amministrativo di autoveicoli e motoveicoli, ipoteca, pignoramento immobiliare, pignoramento mobiliare, pignoramento dei crediti verso terzi. Le azioni di recupero sono attivate in funzione dell'entità del credito e della situazione patrimoniale e reddituale del debitore. Tutte le azioni sono precedute da un sollecito di pagamento.

Per porre una domanda sulla notifica, il pagamento e la dilazione della cartella esattoriale; sul pignoramento esattoriale, il fermo amministrativo e l'iscrizione ipotecaria; e su qualsiasi argomento correlato all'articolo, clicca qui.

3 settembre 2008 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartella esattoriale – cosa fare quando ne arriva una
Prima di descrivere cosa fare quando arriva una cartella esattoriale, cerchiamo di capire cosa è una cartella esattoriale. Avremo così modo di acquisire ulteriori elementi giuridici e normativi per comprendere meglio cosa fare quando arriva una cartella esattoriale. La cartella esattoriale è il documento che viene notificato al debitore affinchè ...
Cartella esattoriale originata da contributi previdenziali e assistenziali – nessuna pausa estiva per il ricorso
Il recente provvedimento del direttore dell'agenzia delle Entrate del 24 marzo 2010 ha modificato il precedente provvedimento del 2 marzo recante: “Modifiche al modello della cartella di pagamento, ai sensi dell'articolo 25 del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, numero 602”. Il citato provvedimento del 2 marzo scorso ...
Cartella esattoriale originata dal mancato o insufficiente pagamento di sanzioni amministrative
Per questo tipo di cartella esattoriale è possibile chiedere informazioni all'ente impositore che ha emesso la sanzione amministrativa. L'ente impositore è indicato nell'intestazione della pagina relativa al "Dettaglio degli addebiti". A tale ente impositore potrà, inoltre, essere presentata istanza di riesame per chiedere l'annullamento della sanzione amministrativa e del relativo ruolo; ...
Bollo auto - il termine di decadenza per la notifica della cartella esattoriale è triennale
In materia di bollo auto (tassa automobilistica), la cartella esattoriale deve essere notificata al contribuente, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del terzo anno successivo a quello in cui l'accertamento è divenuto definitivo. In tema di bollo auto, il relativo procedimento di riscossione (formazione e notifica della cartella ...
Mancato pagamento cartelle esattoriali – cosa è l'intimazione al pagamento o avviso di mora
Gli avvisi di intimazione (o "avvisi di mora") vengono inviati dall'Agente della Riscossione dopo che sia decorso un anno dalla notifica della cartella. In mancanza, l'Agente della Riscossione non potrebbe - decorso il detto anno - attivare le procedure esecutive. L'avviso di intimazione contiene: le generalità del destinatario dell'atto; il ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mi è arrivata una cartella esattoriale e non ho pagato quanto mi si chiedeva. cosa può accadermi adesso?. Clicca qui.

Stai leggendo Mi è arrivata una cartella esattoriale e non ho pagato quanto mi si chiedeva. Cosa può accadermi adesso? Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 3 settembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 12 ottobre 2017 Classificato nella categoria cartelle esattoriali - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai utilizzare le tue credenziali Facebook oppure accedere velocemente come utente anonimo.
» accesso con Facebook
» accesso rapido anonimo (test antispam)
  • c0cc0bill 18 ottobre 2008 at 20:29

    Salve, vi scrivo per un consiglio.
    Sono un cittadino Italiano che ha vissuto nella Repubblica d’Irlanda per 7 anni ed ora mi trovo in una situazione in cui il mio stipendio non puo’ sostenere i ripagamenti delle mie carte di credito Irlandesi ed in piu’ di un prestito che avevo preso con la Tesco Irlanda.
    Vorrei sapere quali sono gli sgravi a cui vado in contro qualora decidessi di non pagare piu’ i miei creditori Irlandesi.
    Premetto che ho lasciato la Repubblica Irlandese da piu’ di un anno e non vivo piu’ la.
    Secondo voi, possono i creditori Irlandesi vendere i miei debiti ad altre compagnie Italiane e non, che poi mi verranno a cercare per ripagare il danno fatto?
    Grazie mille per il consiglio.

    Commento di Simone | Sabato, 18 Ottobre 2008

    La cessione dei tuoi crediti a società di recupero italiane è una possibilità concreta.

    I problemi a cui vai incontro dipendono dai beni mobili ed immobili nelle tue disponibilità.

  • Simone 18 ottobre 2008 at 18:30

    Salve, vi scrivo per un consiglio.
    Sono un cittadino Italiano che ha vissuto nella Repubblica d’Irlanda per 7 anni ed ora mi trovo in una situazione in cui il mio stipendio non puo’ sostenere i ripagamenti delle mie carte di credito Irlandesi ed in piu’ di un prestito che avevo preso con la Tesco Irlanda.
    Vorrei sapere quali sono gli sgravi a cui vado in contro qualora decidessi di non pagare piu’ i miei creditori Irlandesi.
    Premetto che ho lasciato la Repubblica Irlandese da piu’ di un anno e non vivo piu’ la.
    Secondo voi, possono i creditori Irlandesi vendere i miei debiti ad altre compagnie Italiane e non, che poi mi verranno a cercare per ripagare il danno fatto?
    Grazie mille per il consiglio.

  • karalis 25 settembre 2008 at 15:08

    @ Matteo

    Non si tratta per fortuna di cartelle esattoriali, ma di semplici richieste di una società di recupero crediti.

    Vista la situazione ti consiglio innanzitutto di comunicare. in forma scritta, alla società di recupero che:
    a) non sei al momento in condizione di poter far fronte alla remissione del debito;
    b) contatterai tu la società per un accordo a saldo e stralcio se e quando le condizioni economiche dovessero mutare;
    c) devono astenersi da minacce e molestie telefoniche.

    Per lo scenario futuro, e cioè di quello a cui vai incontro non pagando quanto devi, più che la convivenza e lo stato civile interesserebbe sapere se hai beni immobili e/o uno stipendio.

    Di certo non potrai accedere a futuri finanziamenti essendo sicuramente iscritto negli elenchi dei cattivi pagatori.

    Se lavori come dipendente, potrai vederti pignorato il quinto dello stipendio.

    La possibilità di una azione esecutiva tipo pignoramento e vendita all’asta di beni immobili la escluderei. Dubito che si trovi un giudice che per 2500 euro emetta un decreto ingiuntivo in tal senso.

  • matteo alfinito 25 settembre 2008 at 14:31

    salve.sono il sig.alf matteo-ho avuto dei problemi con due carte di credito,alcuni anni fa,oltre cinque,di cui una stò ri
    pagando con delle cambiali mensili,ma l’altra pur volendo,ho
    difficoltà nel pagare un’altra rata mensile.L’agenzia di recup
    ero credito,mi ha tartassato di chiamate,e richieste nel dover ripagare il mio debito,che attualmente mi disse che si
    è accumulato ad una somma di 2500 euro,che se non pago si radd
    oppia,e che mi fa venire a casa,il pignoramento dei beni.da premettere che in questa situazione mi ci son trovato non per mia volontà,e me la sono trascinata nel tempo.a vostro parere
    che possibilità ho se ce ne sono,di poterne uscire fuori?aggiungo tra l’altro che sono convivente,non sposato.
    attendo con ansia un vostro consiglio.grazie.alf.matteo

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca