Mantenimento » Riduzione dell'assegno non legittima restituzione somme precedenti

L'esclusione o la diminuzione dell'assegno di mantenimento non legittima la restituzione delle somme percepite precedentemente.

Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 23441/13, ha sancito che: Se dopo la pronuncia passata in giudicato l'assegno di mantenimento è escluso o diminuito, non è legittima la restituzione delle somme versate. Il denaro corrisposto in esecuzione dei provvedimenti emessi in sede presidenziale non è ripetibile.

A parere degli Ermellini, è quindi irripetibile il denaro corrisposto in esecuzione dei provvedimenti emessi in sede presidenziale.

Pertanto, se dopo la pronuncia passata in giudicato l'assegno di mantenimento è escluso o diminuito, il coniuge obbligato non può pretendere la restituzione delle somme versate.

Con la pronuncia in esame, la Suprema Corte ha respinto il ricorso di un ex marito contro la decisione della Corte d'appello di Roma che ha confermato la separazione personale dei coniugi addebitando la separazione al marito e ponendo a suo carico l'assegno a titolo di contributo al mantenimento dei figli di 500 euro.

La prima sezione civile, in linea con la Corte capitolina, ha osservato che sono irripetibili le somme versate a titolo di assegno di mantenimento, nelle ipotesi in cui questo sia escluso o diminuito a seguito di pronuncia passata in giudicato.

6 novembre 2013 · Carla Benvenuto

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Decorrenza assegno di mantenimento e divorzile - irripetibilità delle somme versate
Nella separazione tra coniugi l'assegno di mantenimento decorre di regola dalla data della domanda, salvo diversa determinazione del giudice. L'assegno di mantenimento riconosciuto in sede di separazione personale (così come la sua successiva revisione) decorre dalla data della domanda (Cassazione, sentenza numero 25010/07). Ciò in forza del principio per il ...
Assegno di mantenimento figlio maggiorenne - Nessuna restituzione in caso di una eventuale riduzione retroattiva dell'importo concessa dal giudice
Il carattere sostanzialmente alimentare dell'assegno di mantenimento a favore del figlio maggiorenne, in regime di separazione, comporta che la normale retroattività della statuizione giudiziale di riduzione al momento della domanda vada contemperata con i principi d'irripetibilità, impignorabilità e non compensabilità di dette prestazioni. Ne consegue che la parte che abbia ...
La prescrizione degli assegni di mantenimento e di separazione
La prescrizione degli assegni di mantenimento, dovuti mensilmente, è di cinque anni a far data dalla scadenza I ratei mensili degli  assegni di mantenimento per i figli, così come gli assegni di separazione e di divorzio per il coniuge, costituiscono prestazioni che debbono essere pagate periodicamente in termini inferiori all'anno. ...
Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare
In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l'ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall'ex coniuge obbligato. Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L'avvenuta ...
Mantenimento e affidamento dei figli » Decreti sono subito esecutivi
È immediatamente esecutivo il decreto emesso in materia di mantenimento dal tribunale in sede di modifica delle condizioni di divorzio. E ciò anche se il provvedimento risulta già gravato da reclamo: deve infatti essere interpretata in modo estensivo la disposizione contenuta nell'articolo 4 della legge 74/1987, modificata dalla legge 80/2005, ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mantenimento » riduzione dell'assegno non legittima restituzione somme precedenti. Clicca qui.

Stai leggendo Mantenimento » Riduzione dell'assegno non legittima restituzione somme precedenti Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 6 novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia - affidamento e mantenimento dei figli Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti