Mantenimento e separazione » Quando l'ex coniuge ha redditi non dichiarati

Mantenimento e separazione: Quando l'ex coniuge ha redditi non dichiarati al fisco

In tema di mantenimento dopo l'avvenuta separazione, se un ex coniuge è a conoscenza del fatto che l’altro guadagna più di quanto abbia dichiarato al fisco, ha la possibilità di rivolgersi al giudice per chiedere un aumento del contributo al mantenimento già stabilito, dopo aver provato il fatto con riscontri e testimonianze.

La prova degli effettivi redditi dichiarati dai genitori, ed ex coniugi, tenuti a corrispondere il mantenimento costituisce, infatti, il motivo della maggior parte delle contese esistenti nei tribunali tra le parti in causa.

Si tratta, purtroppo, di procedimenti che possono durare a lungo.

Da una parte, infatti, il giudice ha il potere di disporre, qualora lo ritenga necessario, indagini sui redditi delle parti, che devono essere effettuate dalla Polizia Tributaria.

Ma la Polizia Tributaria di norma non svolge vere e proprie investigazioni.

Il particolare l'ufficio si limita a produrre in Tribunale tutto ciò che risulta formalmente documentato ai fini fiscali ancora nascosto in sede di giudizio.

Mantenimento e separazione: legittimità dell'accertamento fiscale sui redditi del coniuge obbligato

Intervenendo in questo ambito la Commissione tributaria regionale di Firenze, con la sentenza numero 27/2013, ha stabilito la legittimità dell'accertamento fiscale sui redditi in nero del contribuente, avviato a seguito di un’indagine partita dal giudice del divorzio sui conti correnti bancari del coniuge obbligato.

Nel caso in questione, un uomo, per non aver voluto riconoscere, alla ex moglie, un assegno proporzionato alle proprie condizioni economiche, ha visto avviare nei suoi confronti, proprio su autorizzazione del giudice del divorzio, un’indagine da cui la finanza ha appurato l’esistenza di redditi in nero.

E così è scattato l’accertamento fiscale.

A parere dei giudici della Corte Territoriale, pertanto, le indagini autorizzate dal guide del divorzio sono proprio dirette a individuare attività non dichiarate e fiscalmente rilevanti: pertanto tutti i conseguenti accertamenti del fisco devono ritenersi legittimi.

In parole povere, come accennato, l’aumento del contributo al mantenimento può essere riconosciuto da ungiudice solo nel caso in cui sia provato un aumento del reddito del padre rispetto al momento in cui è stato stabilito il suo ammontare da parte del Tribunale.

28 ottobre 2013 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Separazione » Quando l'ex coniuge non versa mantenimento e non ha redditi da pignorare
Grazie alla sentenza di separazione, vi è stata riconosciuta una somma mensile, a titolo di mantenimento, che il vostro ex coniuge non vi ha mai corrisposto. Non avendo lui, redditi apparenti, è stato vano ogni tentativo di pignoramento dello stipendio o del conto: sapete, però, che il vostro ex consorte, [ ... leggi tutto » ]
Mantenimento » Dopo separazione ex coniuge diventa ricco? Non aumenta l'assegno divorzile
In tema di mantenimento, se l'ex marito diventa benestante, successivamente la sentenza di divorzio, l'ex consorte non ha diritto ad un aumento dell'assegno divorzile. Bisogna tener conto, infatti, nella determinazione dell'assegno divorzile, degli eventuali miglioramenti della situazione del coniuge, nei cui confronti si chieda l'assegno, qualora costituiscano sviluppi naturali e [ ... leggi tutto » ]
Mantenimento » Aumenta l'assegno se dopo la separazione ex coniuge obbligato riceve l'eredità
Aumenta il saldo dell'assegno di mantenimento per ex moglie e figli quando, dopo la separazione, l'ex coniuge obbligato riceve un'eredità. Ciò perchè i beni acquisiti, dal coniuge obbligato, per successione ereditaria dopo la separazione legittimano l'aumento dell'assegno di mantenimento a carico della ex moglie e dei figli. I redditi inadeguati [ ... leggi tutto » ]
Separazione personale » L'importo dell'assegno di mantenimento va calcolato al netto del reddito del coniuge
Nell'ambito di una separazione personale, l'importo dell'assegno di mantenimento va calcolato al netto del reddito del coniuge obbligato. L'assegno di mantenimento da corrispondere al coniuge beneficiario deve essere calcolato dal giudice tenendo in considerazione il reddito netto percepito dal soggetto onerato e non quello lordo. Questo l'orientamento espresso dalla Corte [ ... leggi tutto » ]
Separazione » assegni familiari e assegno di mantenimento - La Cassazione fa chiarezza
L'articolo 211 della legge 19 maggio 1975 numero 151 prevede che Il coniuge cui i figli sono affidati ha diritto in ogni caso a percepire gli assegni familiari per i figli, sia che ad essi abbia diritto per un suo rapporto di lavoro, sia che di essi sia titolare l'altro [ ... leggi tutto » ]

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mantenimento e separazione » quando l'ex coniuge ha redditi non dichiarati. Clicca qui.

Stai leggendo Mantenimento e separazione » Quando l'ex coniuge ha redditi non dichiarati Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 28 ottobre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia - affidamento e mantenimento dei figli Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca