Senza lavoro ma con immobili di proprietà? Si ad assegno mantenimento

Disoccupato ma con terreni di proprietà? » Va comunque versato il mantenimento alla ex coniuge in stato di precarietà

Divorzio e separazione: nel caso in cui l'ex marito disoccupato, disponga di immobili e terreni di proprietà, è comunque obbligato a versare l'assegno di mantenimento alla ex coniuge, invece, precaria? Scopriamo questa interessante questione all'interno dell'articolo.

Lei lavora, anche se con occupazioni precarie. Lui, invece, è disoccupato. Ma nonostante tutto dovrà versarle l'assegno di mantenimento post divorzio.

Ciò è quanto deciso dalla Corte di Cassazione con l'interessante ed originale sentenza 10099/2016.

A inchiodare l’uomo sono le dichiarazioni dei redditi e la relazione catastale prodotta dalla consorte.

Evidente, documenti alla mano, lo squilibrio di forza economica tra i due oramai ex coniugi. Confermato, quindi, l’assegno mensile a favore della donna.

Se si dispone di immobili ma non si lavora va comunque versato l'assegno di mantenimento all'ex coniuge

Per la Corte di Cassazione, se ci si trova in stato di disoccupazione, ma si dispone di immobili e terreni, va comunque versato l'assegno di mantenimento all'ex coniuge precaria.

L’assegno di mantenimento in favore dell’ex coniuge scatta tutte le volte in cui il reddito dei due coniugi sia differente, cioè quando vi sia una sproporzione che non consenta a uno dei due di mantenere lo stesso tenore di vita di cui godeva durante il matrimonio.

Di conseguenza, in presenza di due redditi sostanzialmente uguali o di due soggetti entrambi disoccupati, non scatta alcun obbligo al mantenimento.

Ma attenzione.

Basta la proprietà anche di un solo immobile a far scattare nuovamente la sproporzione e, quindi, a consentire al giudice di fissare un importo per il mantenimento dell’ex.

È quanto chiarito dalla Suprema Corte con la sentenza che abbiamo esposto nel precedente paragrafo.

Nella fattispecie, è stato rigettato il ricorso di un uomo avverso la sentenza della Corte d'Appello che aveva disposto il versamento a favore della ex moglie di un assegno mensile di 310 euro.

L'uomo non ci sta e si rivolge al Palazzaccio cadendo però dalla padella nella brace.

Per gli Ermellini, infatti, non regge la tesi dallo stesso sostenuta che avendo cessato ogni attività lavorativa, le sue condizioni economiche erano state modificate in senso peggiorativo.

E ad inchiodarlo, sono i possedimenti emersi dalle dichiarazioni dei redditi che gli procurano anche rendite locatizie consentendogli un adeguato sostentament".

Per di più l'uomo ha notevole capacità di reddito, fondata anche sulla competenza maturata come mastro muratore che gli ha consentito nel corso degli anni di investire i suoi guadagni in immobili e terreni.

Per contro, invece, la moglie dopo la separazione si è adattata a svolgere lavori precari e poco remunerativi come quello di bracciante agricola.

Evidente dunque il divario economico tra i due ex coniugi. L'assegno di mantenimento è confermato.

20 maggio 2016 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Mantenimento » Se ex coniuge è cassaintegrato ma dispone di auto di lusso non ha diritto alla riduzione dell'assegno
Niente riduzione dell'assegno di mantenimento al cassintegrato con l'auto di lusso. Il coniuge in cassa integrazione non ha diritto alla riduzione dell'assegno di mantenimento in favore di ex e figli se possiede un'auto di lusso. Non basta. Infatti non è necessario per l'avente diritto dimostrare che l'altro è titolare di ...
Separazione personale » Stop all'assegno di mantenimento se coniuge obbligato è disoccupato e coniuge beneficiario ha nuovo partner
In tema di separazione personale tra due coniugi, non deve essere corrisposto l'assegno di mantenimento, da parte del coniuge obbligato, se lo stesso è disoccupato e il coniuge beneficiario ha intrapreso una nuova convivenza. Alla moglie non può essere riconosciuto il mantenimento qualora il marito si trovi disoccupato e la ...
Separazione personale e inadempimento del coniuge obbligato all'assegno di mantenimento - Accesso al fondo di solidarietà per il coniuge beneficiario che versa in stato di bisogno
La normativa vigente (comma 415 legge stabilità 2016) prevede che il coniuge separato in stato di bisogno, che non sia in grado di provvedere al mantenimento proprio e dei figli conviventi minori (o maggiorenni - ma se maggiorenni devono essere conviventi e portatori di handicap grave), qualora non abbia ricevuto ...
Assegno per il mantenimento della figlia minore - Il coniuge obbligato non può chiedere il rendiconto delle spese al coniuge affidatario
Quando, in sede di separazione personale dei coniugi, i figli siano stati affidati, con provvedimento presidenziale o con sentenza definitiva, ad uno dei coniugi, l'assegno posto a carico del coniuge non affidatario, quale suo concorso agli oneri economici derivanti dal mantenimento della prole, è determinato in misura forfettariamente proporzionata alle ...
Separazione personale » Anche se il matrimonio è stato breve l'assegno di mantenimento va comunque corrisposto
Nell'ambito di una separazione personale, qualora il matrimonio sia stato particolarmente breve, va comunque corrisposto l'assegno di mantenimento da parte del coniuge obbligato. La breve durata del matrimonio può incidere sul quantum dell'assegno di mantenimento, non sul diritto a riceverlo. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con ...

Spunti di discussione dal forum

Mia ex moglie va a vivere con un altro dopo divorzio – Devo ancora corrispondere l’assegno di mantenimento?
Sono stato sposato per dieci anni con la mia ex: in seguito a una forte crisi matrimoniale, abbiamo affrontato prima la separazione e poi il divorzio. Dopo la causa di divorzio, mi è stato assegnato l'onore di un assegno di mantenimento per mia moglie. Dopo un anno, però, lei è…
Assegno di mantenimento e calcolo quota pignorabile sullo stipendio
Percepisco uno stipendio netto di 2 mila e 400 euro: in seguito a separazione consensuale davanti al giudice, verso un assegno di mantenimento mensile per mia moglie e mio figlio di 600 euro. La domanda: un eventuale pignoramento del quinto dello stipendio da parte di un successivo creditore si calcola…
Assegno di mantenimento per figli, è legale versare direttamente al figlio?
Il mio ex marito ha deciso, di sua sponte, da un anno, di versare l'assegno di mantenimento direttamente a mio figlio che vive con me, nonostante le mie obiezioni. Mio figlio è al quinto anno di superiori e chiaramente non ha redditi. Di fatto, lo mantengo io. Posso ottenere tramite…
Assegno di mantenimento per figli
A seguito di separazione legale, il tribunale ha decretato un assegno di mantenimento per i due figli minori. Al compimento del diciottesimo anno di età del primo figlio, che studia ancora, il mio ex marito ha deciso di versare metà di quell'assegno direttamente a mio figlio che non ha entrate…
Debiti erariali e pignoramento di un assegno di mantenimento
Si possono accumulare simultaneamente due pignoramenti derivanti da due debiti erariali? Sul forum è stato affermato che nella peggiore delle ipotesi, su un reddito assimilato riconducibile ad un assegno di mantenimento fissato giudizialmente, Equitalia per debiti erariali potrà pignorare solo un decimo (10%) del reddito assimilato; quindi se si dovessero…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su senza lavoro ma con immobili di proprietà? si ad assegno mantenimento. Clicca qui.

Stai leggendo Senza lavoro ma con immobili di proprietà? Si ad assegno mantenimento Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 20 maggio 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia separazione e divorzio - assegnazione casa e assegno di mantenimento coniuge separato o divorziato Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info