Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare

In tema di separazione, nel caso il figlio affidato andasse a vivere da solo, la madre affidataria perderebbe l’ex casa familiare e il mantenimento della ragazza corrisposto dall’ex coniuge obbligato.

Questo importante principio è stato stabilito dalla Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 24510/2013, ha stabilito che: L’avvenuta cessazione della coabitazione con il figlio non legittima l’assegnazione della casa coniugale alla moglie e il mantenimento mensile per il giovane.

A parere degli Ermellini, pertanto, se la figlia va a vivere da sola, la madre perde l’ex casa familiare e il mantenimento della ragazza.

Infatti, venuta meno la coabitazione non c’è motivo di attribuire l’immobile e l’assegno al coniuge debole: è ora la giovane a dover far valere i suoi diritti con i genitori.

Mantenimento: figlia va a vivere sola? Madre perde assegno ed ex casa familiare » Fatto e considerazioni

L’avvenuta cessazione della coabitazione con la figlia fa escludere l’assegnazione della casa coniugale alla madre nell’interesse dalla giovane e il mantenimento mensile a carico del padre da corrispondere alla donna sempre per conto della figlia.

La Corte di cassazione, con la sentenza in esame, ha respinto il ricorso dell’ex moglie contro la decisione della Corte d’appello di Roma che ha le revocato l’assegnazione della casa familiare in virtù dell’accertato allontanamento della figlia dalla residenza.

Revocato anche il mantenimento della giovane.

La sesta sezione civile, infatti, in linea con la Corte capitolina, ha ritenuto congrua la bocciatura dell’assegnazione della casa visto l’accertata cessazione della convivenza.

Insomma, Piazza Cavour, osservando che tale residenza nell’abitazione è stata saltuaria, ha ritenuto insussistente l’esigenza dell’assegnazione, nell’interesse della figlia, della casa coniugale alla ex.

Difatti, esclusa l’abituale convivenza della figlia con la madre, si esclude anche l’obbligo del marito di corrisponderle un contributo al mantenimento della figlia.

Sarà allora la figlia che, nel caso lo voglia, dovrà far valere un diritto al mantenimento nei confronti dei genitori.

4 Novembre 2013 · Carla Benvenuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Separazione e divorzio - Se la casa familiare non è assegnata al coniuge affidatario il canone ricavabile dalla locazione dell'immobile deve integrare l'assegno di mantenimento
Nel giudizio di separazione e divorzio, i provvedimenti necessari alla tutela degli interessi morali e materiali della prole, tra i quali rientrano anche quelli di attribuzione e determinazione di un assegno di mantenimento a carico del genitore non affidatario, possono essere adottati d'ufficio. In particolare, in materia di assegno di mantenimento per il figlio, il genitore affidatario può chiedere un adeguamento del relativo ammontare, alla stregua della svalutazione monetaria o del sopravvento di altre circostanze, verificatesi nelle more del giudizio, in particolare relative alle mutate condizioni economiche dell'obbligato ovvero alle accresciute esigenze del figlio. Infine, quando la casa familiare non ...

Revoca assegnazione casa familiare e assegno di mantenimento per figli maggiorenni e privi di reddito
La normativa vigente prevede la revoca dell'assegnazione, quando il coniuge cessi di abitare stabilmente nella casa familiare, conviva more uxorio o contragga nuovo matrimonio. La Corte Costituzionale ha interpretato la norma, nel senso che comunque debba essere salvaguardato l'interesse dei figli minori o maggiorenni, ma non economicamente autosufficienti. Nel caso di trasferimento del coniuge assegnatario viene necessariamente meno dell'assegnazione della casa familiare. I figli, anche se maggiorenni, ma privi di reddito, sono legittimati a richiedere ai genitori il mantenimento, che dovrebbe permettere loro di procurarsi un nuovo alloggio, posto che, tra l'altro, il genitore obbligato, tornando nella disponibilità dell'immobile, vedrà ...

Assegno per il mantenimento della figlia minore - Il coniuge obbligato non può chiedere il rendiconto delle spese al coniuge affidatario
Quando, in sede di separazione personale dei coniugi, i figli siano stati affidati, con provvedimento presidenziale o con sentenza definitiva, ad uno dei coniugi, l'assegno posto a carico del coniuge non affidatario, quale suo concorso agli oneri economici derivanti dal mantenimento della prole, è determinato in misura forfettariamente proporzionata alle sostanze dei genitori, al numero ed alle esigenze dei figli. Il coniuge non affidatario non ha diritto ad un rendiconto delle spese effettivamente sostenute per il suddetto mantenimento. Inoltre, in materia di assegno di mantenimento per i figli, la relativa domanda proposta da uno dei genitori nei confronti dell'altro, se ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su mantenimento » figlia vive sola? madre perde assegno e casa familiare. Clicca qui.

Stai leggendo Mantenimento » Figlia vive sola? Madre perde assegno e casa familiare Autore Carla Benvenuto Articolo pubblicato il giorno 4 Novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 7 Agosto 2017 Classificato nella categoria famiglia - affidamento e mantenimento dei figli Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)