Madre indebitata

Indebitata con equitalia

Sono separata con un figlio 16enne a carico, indebitata con equitalia per un’attivita andata male con la crisi, circa 30.000 euro di cartelle che per ora non potro’ pagare.

Ho il c/c pignorato (anche se e’ in rosso) sono riuscita a trovare lavoro per 700 euro al mese ( 350 in regola e 350 in nero..,ma solo questo ho trovato) non ho niente altro purtroppo se non debiti.

Il mio ex suocero, vorrebbe dare dei soldi ai suoi nipoti, 4, in parti uguali. Non si tratta di grandi somme ma dei soldini che potrebbero un domani fargli comodo per studiare. la domanda e’ questa.

Non puo dare i soldi a me perche mi verrebbero subito pignorati, se lui aprisse un conto o un libretto vincolato a mio figlio fino al 18 anno, essendo lui minore e vivendo con me, ci sarebbe il rischio che glieli portassero via per i miei debiti, oppure essendo il conto a lui intestato anche se minore nessuno potrebbe portarglieli via?

Potete darmi un consiglio per fare avere al ragazzo quei soldi senza correre nessun rischio?

Almeno in parte recupererebbe quei soldi che non ha mai preso dal padre in 6 anni a questa parte, perche lui non li ha mai pagati, avendo fatto in modo di nn avere nulla di intestato ma girando sempre facendo la bella vita…. e noi a tirare la cinghia, con i debiti della ditta che ha lasciato a me.

Prodotti bancari di conto corrente ad operatività limitata

Esistono numerosi prodotti bancari di conto corrente ad operatività limitata, riservati a minorenni. Il rapporto viene aperto su richiesta di almeno uno dei genitori esercenti la patria potestà ed intestato al minore.

Il minore ha la possibilità di effettuare prelievi di contante di modico importo, anche tramite la carta Bancomat intestata sempre al minore. Il suggerimento è di evitare di effettuare prelievi consistenti, che potrebbero ricondurre al genitore la disponibilità del conto corrente.

Non è previsto il rilascio di carnet di assegni. Il minore potrà, però, effettuare versamenti di assegni bancari, emesssi dal nonno, ed accreditamenti mediante bonifici bancari, sempre ad opera del nonno.

L’assenza di prelievi periodici effettuati sotto il controllo del genitore e la contestuale tracciabilità di versamenti effettuati dal nonno, escluderà qualsiasi possibilità di utilizzo del conto corrente per il deposito di importi la cui disponibilità è attribuibile al genitore debitore.

Il che renderà assolutamente non pignorabile il conto corrente del minore per debiti assunti dal genitore.

In alternativa, il nonno può fare testamento lasciando al nipote tutta, o in parte, la quota di eredità disponibile (non legittima).

13 Settembre 2012 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento stipendi e pensioni depositati su conto corrente » Equitalia non può farlo su ultimi accrediti
Equitalia non può effettuare il pignoramento dell'ultimo stipendio o pensione » Il decreto del fare L'ultimo emolumento del rapporto di lavoro o di pensione non può essere congelato dall'agente di riscossione dello Stato (equitalia) con il pignoramento presso terzi. Lo stop ai pignoramenti di Equitalia riguarda solo le somme depositate in banca o alla posta a titolo di ultima retribuzione del rapporto di lavoro o della pensione. Infatti, il Decreto Legge del 21 giugno 2013, numero 69, detto il Decreto del Fare, ha modificato la precedente disciplina in materia di pignoramenti sugli stipendi, di salario o di altre indennità dovute ...

Pignoramento conto corrente » L'ultimo stipendio non si tocca
Il pignoramento, da parte di Equitalia, non si estende mai all'ultimo stipendio versato sul conto corrente intestato al lavoratore. Dopo 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale, in caso di pagamento non effettuato, l'Agente della riscossione (per esempio, Equitalia) può attivare il cosiddetto pignoramento presso terzi, una forma cioè di esecuzione forzata con cui ordina al datore di lavoro di versare le somme direttamente nelle sue mani. In realtà, tale procedimento può essere effettuato non solo nei confronti del datore, ma anche di chiunque sia debitore del contribuente. Il debitore, ha 60 giorni di tempo dalla notifica del pignoramento per ...

Quando il pignoramento di stipendi e pensioni è effettuato direttamente da Equitalia
Le somme dovute a titolo di pensione, di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle dovute a causa di licenziamento, possono essere pignorate dall'agente della riscossione in misura pari ad un decimo per importi fino a 2.500 euro e in misura pari ad un settimo per importi superiori a 2.500 euro e non superiori a 5.000 euro. Resta ferma la misura di un quinto, se le somme dovute a titolo di pensione, di stipendio, di salario o di altre indennità relative al rapporto di lavoro o di impiego, comprese quelle ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su madre indebitata. Clicca qui.

Stai leggendo Madre indebitata Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 13 Settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria contratti di prestito microcredito e usura e sovraindebitamento - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)