Gianpaolo Luzzi – l’indebitamento in Italia e la nuova risorsa delle debt agency

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Gianpaolo Luzzi

Autore di “Come ‘non’ pagare i debiti e vivere felici”, fondatore e amministratore delegato della prima debt agency italiana, esperto di recupero crediti (campo in cui ha lavorato per 25 anni), Gianpaolo Luzzi ha presentato nel corso di un convegno le proprie “istruzioni per l’uso” al sovraindebitamento familiare. Lo abbiamo intervistato.

Dott. Luzzi, qual è la situazione dell’indebitamento in Italia?

In confronto all’Europa e agli Stati Uniti stiamo bene, ma solo perché in questi paesi la situazione è davvero drammatica. Oggi ho mostrato alcuni dati riguardo alle insolvenze nei pagamenti nel sistema bancario e nel sistema finanziario e qualche numero anche sulle pratiche del recupero crediti: lavoro nel campo da moltissimi anni e ho avuto l’occasione di farmi un’idea piuttosto chiara della situazione. Nel 2006, solo per fare un esempio, le sole società di recupero crediti avevano recuperato circa 30 milioni di pratiche: se a queste si aggiungono tutte le pratiche recuperate dagli avvocati, quelle recuperate direttamente dai creditori, le pratiche delle società di riscossione tributi, è facile capire come esista un vero e proprio esercito di persone sottoposte a recupero crediti. Oggi ho cercato di mettere in mostra l’aspetto “patologico” dell’indebitamento e ho cercato di fornire un decalogo delle cose da fare e da non fare.

Quali sono i consigli che si sente di dare a chi è indebitato?

Il primo, e anche il più importante, è quello di non perdere la testa. Spesso in questi casi si perde la lucidità, mentre invece è necessario mantenere la calma. Un’altra cosa da fare è parlarne in famiglia: è incredibile quanti siano i casi in cui il debitore si raccomanda di non parlarne con la propria famiglia e di tenere all’oscuro parenti e familiari: parlarne in famiglia, invece, è essenziale, perché altrimenti il rischio che si corre è quello di peggiorare ancora di più la situazione. Altri consigli che mi sento di dare sono quelli di non assumere atteggiamenti dilatori, non fuggire, non essere inutilmente aggressivi.

Quali sono i comportamenti giusti, allora?

Innanzitutto prendere coscienza che di fronte a una situazione eccezionale occorre prendere provvedimenti eccezionali. Lo sbaglio più frequente è continuare a fare le stesse cose ottenendo gli stessi risultati: se quei comportamenti hanno portato a un sovraindebitamento, continuare sulla stessa strada è da pazzi. Si tratta di prendere in mano la propria posizione, far finta di essere un’azienda, cercare di risolvere la situazione con un piglio manageriale.

E se una persona non si sente di affrontare tutto questo da sola?

Allora esistono le debt agency. Le ho importate io stesso, direttamente dal mondo anglosassone (le agenzie di consulenza ai debitori sono tipiche negli Stati Uniti): la prima debt agency ha aperto proprio a Livorno e questo mese ne è stata aperta un’altra in franchising a Empoli, oltre a una serie di richieste per aprire ulteriori filiali.

Cosa fanno queste agenzie?

Essenzialmente fanno consulenza: il debt counselor è colui che aiuta a uscire da una situazione di indebitamento nel modo migliore possibile. È il regista di uno staff composto da professionisti – che provengono dal recupero del credito, dal settore legale, dalla mediazione creditizia – che vengono guidati con lo scopo di risolvere la situazione di emergenza, tutelando il cliente.

Esiste un campo particolarmente pericoloso?

Sicuramente è da evidenziare il recente boom dei pignoramenti immobiliari. In questo settore ci vuole particolare perizia, perché sussiste un pericolo gravissimo per il debitore, ovvero quello di perdere la casa e di non liberarsi dai debiti. Lo sa bene chi fa recupero crediti, capita spesso di andare a recuperare su gente che dopo aver perso la casa non ha più niente. In questi casi la consulenza è particolarmente efficace, perché se proprio deve perdere la casa, è bene che il debitore si liberi completamente di tutti i debiti, in modo poi da poter ricominciare.

di Daria Domenici

11 Ottobre 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Le agenzie di debito o (se più vi piace) le debt agency - sono utili al debitore o solo a loro stesse?
Da un pò di tempo si diffondono, anche in Italia,  le agenzie che promettono di liberare dai debiti. Spesso indicate con il temine anglofono ed intrigante di "debt agency". In questo articolo cercheremo di spiegare cosa fanno queste agenzie e se veramente possono risultare utili a cattivi pagatori e protestati. Cercando di tracciare un solco ben definito fra promesse e verità. Quando il debito va fuori controllo, le domande più ricorrenti sono: "Come faccio a venirne fuori? C'è un modo per non pagare, o almeno, per pagare meno di quanto dovrei?" Forse, il consiglio migliore da dare in queste circostanze ...

Debito vodafone australia - australian debt recoveries
Sono stato in Australia circa due anni fa, e durante il soggiorno ho fatto un abbonamento vodafone. Il problema è che nonostante io abbia usufruito del servizio per un mese e basta, da quel giorno continuo a ricevere avvisi di pagamento per un totale di 734$ con minacce di azioni legali nei miei confronti da parte dell'australian debt recoveries. Tutto questo via e-mail. La mia intenzione è di non pagare per un servizio di cui non ho fruito e di cui per la durata di un mese del mio soggiorno ho pagato senza problemi. Cosa posso fare? Non so a ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su gianpaolo luzzi – l’indebitamento in italia e la nuova risorsa delle debt agency. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • c0cc0bill 16 Ottobre 2008 at 16:48

    Ho scritto su sul sito e mi hanno risposto di contattare una debt agency, e qui leggo che lei ha fondato la prima in italia. Chiedo scusa ancora ma sono le prime volte che scrivo qui ma ho bisogno di sapere se ho qualche possibilità per risolvere la mia situazione

    Commento di CLAUDIA | Giovedì, 16 Ottobre 2008

    Claudia. Ascolta (o meglio leggi).

    Karalis ti ha consigliato di contattare una debt agency. Questa parola l’ha scritta in grassetto e se con il mouse ci passavi sopra ti saresti accorta che c’era un link.

    La debt agency a cui ti indirizzava Karalis era proprio quella di “questo signore” che ha fondato la prima debt agency.

  • CLAUDIA 16 Ottobre 2008 at 16:28

    mi scusi ma puo lei aiutarmi a capire quello che posso fare? perche ho scritto su questo sito e mi hanno risposto di contattare una debt agency e qui leggo che lei ha fondato la prima in italia chiedo scusa ancora ma sono le prime volte che scrivo qui ma ho bisogno di sapere se ho qualche possibilita per risolvere la mia situazione

  • Yuri 11 Ottobre 2008 at 20:44

    Il libro l’ho letto e anche cercato di applicare. Sono uno dei milioni di “NON” sovraindebitati italiani. Statisticamente infatti ci dicono che non lo siamo ed anch’io, in effetti ho solo il mutuo per la casa (piccola e in campagna per risparmiare) e di un’auto (anch’essa piccola). Però ho anche la rata del dentista per l’apparecchio di un figlio, la rata del condominio, per il rifacimento del tetto, la rata del benzinaio (spendo 12 € al giorno di gasolio per arrivare al posto di lavoro), ecc. ecc. Non ho prestiti per televisori al plasma o vacanze esotiche. Ho solo la profonda disperazione di dover fare il giocoliere con le mie rate, non finanziarie e quindi non rientranti nelle statistiche. Questo libro è veramente molto valido perchè si vede che è stato scritto da uno che il mestiere lo conosce bene e le situazioni di cui parla anche di più. A me ha restituito la dignità e la serenità di aprire la cassetta postale o rispondere al telefono senza il terrore di subire l’ennesimo sollecito. Secondo me i milioni di “NON” sovraindebitati italiani più che leggere, dovrebbero studiarselo bene questo libro…