Voli low cost » La grande beffa delle compagnie aeree

I voli low cost e la grande beffa delle compagnie aeree » Facciamo chiarezza

Volare low cost. Non sempre risulta conveniente. A cominciare dal costo extra del bagaglio in più, ogni cosa ha un costo: cuffie per guardare film e ascoltare musica, sigarette elettroniche, junk food per non restare digiuni, scelta del posto, internet wireless per connettersi mentre si vola. Normative difficili da interpretare. E che, soprattutto, rendono irrealizzabile il sogno di spendere quanto previsto all’acquisto del biglietto.

Il nuovo formato di valigia, che EasyJet sta per immettere nelle proprie normative, è solo un esempio del rischio di vedere lievitare il proprio budget. Dal 2 luglio, infatti, l’azienda inglese ha deciso di ridurre di un terzo le dimensioni del bagaglio a mano, adattandola a poco più di un porta laptop.

Così, stringi e accorcia, chi viaggia con EasyJet potrà concedersi un bagaglio di lunghezza massima di 50 centimetri, alto 40 e largo 20.

Colti di sorpresa? Bisognerà caricare la valigia in stiva e pagare un extra, che sarà di 30 euro se si verrà intercettati ai banchi di accettazione. Ma salirà a 50 euro se la “truffa” verrà individuata al gate d’imbarco. Considerando che un ticket Easy Jet costa spesso pochi euro, il rischio è quello di pagare di più per un bagaglio a mano che per se stessi.

Altra compagnia low cost che “beffa” sulla dimensione della valigia è la ungaro-polacca Wizzair. La prima nel mondo ad introdurre il trolley a mano a pagamento. Ai viaggiatori spetta un nuovo compito: la complessa differenziazione tra bagaglio a mano grande e bagaglio a mano piccolo.

Le dimensioni del primo sono 56 cm per 45 mentre quelle del piccolo scendono a 42 per 32. Chi ha quello “maxi” paga un supplemento, mentre chi è miracolosamente riuscito a giocare a tetris se la cava gratuitamente.

Politica più generosa e contro tendenza per la low cost spagnola Iberia. Secondo la politica dell’azienda, dal 3 luglio la dimensione del bagaglio si allarga e passa da 55 centimetri per 40 a 56 per 45.

Superata la complicata controversia del bagaglio a mano può ancora succedere di tutto.

Infatti, è bene non dimentcare mai di stampare la carta d’imbarco con Ryanair. L’extra per la riemissione del ticket si aggira ntorno ai 60 euro. Nervosi a causa dell’inconveniente? Niente paura, la compagnia irlandese è l’unica che consente di fumare tranquillamente a bordo. Ma, ovviamente, solo sigarette elettroniche da acquistare in volo.

Persino il cortese Belgio non si oppone alla lusinga di lasciare il passeggero turbato.

Volando oltre le tre ore con la Thomas Cook Airlines Belgium la visione del film è gratuita. Peccato che, per riuscire anche a sentirlo, bisogna investire tre euro nelle cuffiette. Sale invece a sei euro la visione con JetBlue.

E se invece aveste il desiderio di restare connessi ad internet, magari mentre siete in volo? Ethiad, Oman Air, Virgin, Lufthansa, Egypt Air, Delta e Air Canada più svariate altre compagnie consentono la connessione wi-fi in volata. Ma può essere molto costoso. Solo quattro “flotte” offrono il servizio free, ovviamente solo in business class, dove il costo del biglietto è molto più alto.

Discriminazione sul peso, questa volta non del bagaglio ma dei viaggiatori, per United Airlines che costringe gli obesi all’acquisto di due biglietti al posto di uno. Chi decide di voler scegliere la poltrona per la Southwest ha diritto di farlo solo pagando dieci dollari.

Cosa aspettarsi dal futuro? Molti hanno minacciato la toilette a pagamento. Per ora il primordiale diritto rimane gratis. Ma non è chiaro ancora per quanto.

Ah, il low cost.

2 Luglio 2013 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Compagnie aeree low cost e sovrapprezzo per bagaglio a mano - L'Antitrust insiste: arrivano le multe
Sono appena rientrato da un viaggio a Budapest, effettuato con la compagnia low cost Wizz Air: per non pagare cifre esorbitanti, ho dovuto stipare tutto in un piccolo zainetto da viaggio. Anche se la villeggiatura era breve (tre giorni), ho avuto non pochi disagi a far rientrare tutto in così poco spazio. Ci sono passi avanti sulla situazione? Secondo me il bagaglio a mano gratuito è un diritto del passeggero. ...

Voli low cost: Ryanair cambia strategia » Più attenti alle esigenze del passeggero
Viaggiare con compagnie aeree low cost non sempre può essere conveniente: spesso si paga un sovrapprezzo per molti servizi. A cominciare dal costo extra del bagaglio in più, che, spesso, rende irrealizzabile il sogno di spendere quanto previsto all'acquisto del biglietto. Ma, dopo le recenti critiche, dai piani alti della Ryanair annunciano importanti cambiamenti. Vediamo le novità. Voli low cost: Ryanair cambia strategia » La strategia gentile Ryanair, parte la strategia gentile : voli silenziosi e tariffe più flessibili per il bagaglio. Se non è un cambio storico, poco ci manca. Perché le novità introdotte sembrano quasi rimettere in discussione ...

Ryanair e nuove regole bagagli - Cade l'ultimo baluardo dei voli low cost?
Sono un tipo a cui piace molto viaggiare: ho sempre preferito risparmiare sulla solita movida e routine cittadina per concedermi nei fine settimana qualche avventura extra. Nella mia esperienza di travel-man ho sempre optato per voli low cost, soprattutto con la nota compagnia Ryanair. La cosa più allettante di viaggiare con loro era la possibilità di poter portare gratuitamente il bagaglio a mano senza costi aggiuntivi. Dato che le mie esperienze di viaggio si limitavano a massimo 2/3 giorni, questa prassi mi permetteva di risparmiare molto e soprattutto di risparmiare tanto tempo all'arrivo (conosciamo tutti le tempistiche per l'attesa del ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su voli low cost » la grande beffa delle compagnie aeree. Clicca qui.

Stai leggendo Voli low cost » La grande beffa delle compagnie aeree Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 2 Luglio 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - viaggi vacanze e tempo libero Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)