L'opposizione al decreto ingiuntivo - una opzione che il debitore dovrebbe adottare più spesso

Fare una ricerca anagrafica su di lei è semplice signora. Si parte dall'ultimo domicilio conosciuto e si arriva, passando da anagrafe ad anagrafe, a sapere dove lei è residente.

Conosco persone che ricostruiscono l'intero “percorso migratorio” per soli 4 euro a testa. Tutti hanno bisogno di mangiare.

La privacy? C’è qualche problemino sicuramente, come lei rileva, ma i comuni, da quando il governo centrale ha tagliato i trasferimenti fiscali, cercano di sbarcare il lunario per assicurare i servizi minimi che devono erogare.

Ed allora sulla privacy, pur di assicurarsi qualche cent di diritti di anagrafe, chiudono tutti e due gli occhi.

Ma non è questo il problema. Non si scappa dal creditore. Specie quando si tratta delle società di recupero crediti, industrie del recupero coattivo che prosperano contando su un solo fatto: il debitore non si opporrà mai in sede giudiziale.

Quando arriva il decreto ingiuntivo bisogna andare dal giudice accompagnati da un avvocato ed opporsi (che poi manco andarci è quasi mai necessario, basta inviare una memoria difensiva).

Facendo rilevare l'anomala formazione degli interessi che mai, e dico mai, sono applicati nel rispetto della legge. Additando l'assenza, la parziale o la non conforme documentazione che dovrebbe attestare la titolarità del credito.

E facendo valere precedenti comunicazioni di invito a trasmettere la necessaria documentazione - a cui nessuno ha dato mai risposta - e presa visione della quale, si sarebbe onorata ogni richiesta di pagamento.

Il 90% di decreti ingiuntivi vanno in porto per l'assenza di opposizione da parte del debitore. Scritti male, non suffragati da prove certe, accompagnati da documentazione probatoria che verrebbe stracciata con una minima eccezione a difesa.

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

18 settembre 2010 · Chiara Nicolai

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Riscossione coattiva dei crediti – Decreto ingiuntivo e precetto
Il decreto ingiuntivo, così come la cartella esattoriale, l'assegno o la cambiale, sono titoli esecutivi. Dopo la notifica del decreto ingiuntivo si hanno a disposizione 40 giorni per impugnarlo. In assenza di opposizione, verrà notificato un precetto con il termine ultimativo di 10 giorni per il pagamento. Decorso tale termine, ...
Decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo anche se c'è opposizione del debitore
Per ridurre i tempi di recupero dei crediti vengono adottati termini più brevi per la facoltà dei debitori di fare opposizione agli atti dell'esecuzione: il giudice deve disporre la provvisoria esecuzione di un decreto ingiuntivo per le somme non contestate, anche in presenza di una opposizione del debitore. Così stabilisce ...
Decreto ingiuntivo, opposizione a decreto ingiuntivo e mediazione obbligatoria
Attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria il legislatore si è posto come obiettivo quello di rendere il procedimento giudiziale la extrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al ...
Prima di procedere con opposizione a decreto ingiuntivo il debitore deve effettuare un tentativo di mediazione
La normativa vigente, attraverso il meccanismo della mediazione obbligatoria, mira a rendere il processo la estrema ratio: cioè l'ultima possibilità dopo che le altre possibilità sono risultate precluse. Quindi l'onere di esperire il tentativo di mediazione deve allocarsi presso la parte che ha interesse al processo e ha il potere ...
Recupero crediti: ora più semplice » Per l'ufficiale giudiziario sarà possibile la consultazione dell'Anagrafe Tributaria
Novità per quanto riguarda il recupero crediti: con la riforma della giustizia, sarà dato il via libera all'interrogazione dell'Anagrafe tributaria e dei conti correnti da parte del creditore. Se le innovazioni al processo di recupero crediti saranno approvate in via definita, per i debitori si prospetteranno tempi davvero duri. Infatti, ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'opposizione al decreto ingiuntivo - una opzione che il debitore dovrebbe adottare più spesso. Clicca qui.

Stai leggendo L'opposizione al decreto ingiuntivo - una opzione che il debitore dovrebbe adottare più spesso Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 18 settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca