L'opposizione al decreto ingiuntivo – una opzione che il debitore dovrebbe adottare più spesso

Fare una ricerca anagrafica su di lei è semplice signora. Si parte dall’ultimo domicilio conosciuto e si arriva, passando da anagrafe ad anagrafe, a sapere dove lei è residente.

Conosco persone che ricostruiscono l’intero “percorso migratorio” per soli 4 euro a testa. Tutti hanno bisogno di mangiare.

La privacy? C’è qualche problemino sicuramente, come lei rileva, ma i comuni, da quando il governo centrale ha tagliato i trasferimenti fiscali, cercano di sbarcare il lunario per assicurare i servizi minimi che devono erogare.

Ed allora sulla privacy, pur di assicurarsi qualche cent di diritti di anagrafe, chiudono tutti e due gli occhi.

Ma non è questo il problema. Non si scappa dal creditore. Specie quando si tratta delle società di recupero crediti, industrie del recupero coattivo che prosperano contando su un solo fatto: il debitore non si opporrà mai in sede giudiziale.

Quando arriva il decreto ingiuntivo bisogna andare dal giudice accompagnati da un avvocato ed opporsi (che poi manco andarci è quasi mai necessario, basta inviare una memoria difensiva).

Facendo rilevare l’anomala formazione degli interessi che mai, e dico mai, sono applicati nel rispetto della legge. Additando l’assenza, la parziale o la non conforme documentazione che dovrebbe attestare la titolarità del credito.

E facendo valere precedenti comunicazioni di invito a trasmettere la necessaria documentazione – a cui nessuno ha dato mai risposta – e presa visione della quale, si sarebbe onorata ogni richiesta di pagamento.

Il 90% di decreti ingiuntivi vanno in porto per l’assenza di opposizione da parte del debitore. Scritti male, non suffragati da prove certe, accompagnati da documentazione probatoria che verrebbe stracciata con una minima eccezione a difesa.

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

18 Settembre 2010 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contenzioso fra banca e cliente presunto debitore - Efficacia probatoria del'estratto di saldaconto nel decreto ingiuntivo e dell'estratto conto zero nell'opposizione a decreto ingiuntivo
In tema di prova del credito fornita da un istituto bancario, va distinto l'estratto di saldaconto (che consiste in una dichiarazione unilaterale di un funzionario della banca creditrice accompagnata dalla certificazione della sua conformità alle scritture contabili e da un'attestazione di verità e liquidità del credito), dall'ordinario estratto conto, che è funzionale a certificare le movimentazioni debitorie e creditorie intervenute dall'ultimo saldo, con le condizioni attive e passive praticate dalla banca. Mentre il saldaconto riveste efficacia probatoria nel solo procedimento per decreto ingiuntivo eventualmente instaurato dall'istituto, l'estratto conto, trascorso il previsto periodo di tempo dalla sua comunicazione al correntista, assume ...

Opposizione tardiva a decreto ingiuntivo - In caso di notifica viziata del provvedimento, Il debitore ha 40 giorni di tempo decorrenti dalla data in cui dimostra di aver avuto conoscenza effettiva del decreto ingiuntivo
Ai fini della legittimità dell'opposizione tardiva a decreto ingiuntivo, non è sufficiente l'accertamento dell'irregolarità della notifica del provvedimento, ma occorre anche la prova (il cui onere incombe sul debitore) che a causa del vizio di notifica egli, nella qualità di ingiunto, non abbia avuto tempestiva conoscenza del decreto ingiuntivo e non sia stato in grado di proporre una tempestiva opposizione. Tale prova deve considerarsi raggiunta ogni qualvolta sia da ritenere che l'atto non sia pervenuto tempestivamente nella sfera di conoscibilità del destinatario. Ove il creditore procedente intenda contestare la tempestività dell'opposizione tardiva in relazione alla irregolarità della notifica al debitore, ...

Decreto ingiuntivo immediatamente esecutivo anche se c'è opposizione del debitore
Per ridurre i tempi di recupero dei crediti vengono adottati termini più brevi per la facoltà dei debitori di fare opposizione agli atti dell'esecuzione: il giudice deve disporre la provvisoria esecuzione di un decreto ingiuntivo per le somme non contestate, anche in presenza di una opposizione del debitore. Così stabilisce una norma introdotta dal decreto legge, approvato dal Consiglio dei ministri del 29 aprile 2016. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su l'opposizione al decreto ingiuntivo – una opzione che il debitore dovrebbe adottare più spesso. Clicca qui.

Stai leggendo L'opposizione al decreto ingiuntivo – una opzione che il debitore dovrebbe adottare più spesso Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 18 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)