Locazioni in nero » Le dichiarazioni degli inquilini fornite alla Guardia di Finanza sono un indizio rilevante per l'accertamento del reddito

Locazioni in nero? Nel processo tributario valgono come prova anche le testimonianze dei vicini di casa.

Le dichiarazioni di terzi possono essere utilizzate nel processo tributario, non a titolo di fonti di prova in senso proprio, quanto piuttosto a titolo di ausilio all'accertamento.

Devono quindi essere tenute presenti da parte del giudice come elemento indiziario, da valutare unitamente agli altri elementi, come le presunzioni, la documentazione acquisita, le eventuali movimentazioni finanziarie.

Ciò è quanto disposto dalla Corte di Cassazione con sentenza 16223/14.

Da ciò che si evince dalla pronuncia esaminata, le dichiarazioni degli inquilini, acquisite dalla Guardia di Finanza, sono un indizio rilevante per l'accertamento del reddito da locazione nei confronti del padrone di casa, nei cui confronti, dunque, l'Agenzia delle Entrate potrà, di conseguenza, emettere un atto di accertamento.

Si, avete letto bene: si prospettano tempi durissimi per i padroni di casa che affittano la propria abitazione cercando di evadere il fisco.

Come accennato, infatti, a parere degli Ermellini, la Guardia di Finanza, nella propria attività rivolta a stanare gli affitti in nero, ben può acquisire informazioni dagli inquilini stessi, all'interno dello stabile.

In parole povere, d'ora in avanti sarà possibile vedere agenti delle fiamme gialle che si mettano a bussare, porta a porta, per verificare se, nell'appartamento, vi è l'effettivo titolare o, invece, un inquilino.

Ciò perché, a sentire piazza Cavour, le dichiarazioni, dei terzi, raccolte dai finanzieri durante le indagini e da questi ultimi inserite, anche per riassunto, nel verbale di constatazione, hanno natura di mere informazioni acquisite nell'ambito di ricerche amministrative e sono, pertanto, pienamente utilizzabili quali elementi di convincimento.

21 luglio 2014 · Andrea Ricciardi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratti di locazione in nero » Ok alla norma salva inquilini
E' stata pubblicata la legge che ha posto fine a una questione paradossale verificatasi nell'ambito del fenomeno dei contratti di locazione in nero. Grazie ad una legge emanata nel 2011 molti inquilini avevano potuto denunciare all'Agenzia delle Entrate i contratti di locazione in nero, ottenendo così canone assai ridotto e ...
Accertamento delle imposte sui redditi - Gli accrediti in conto corrente assumono rilievo anche nei confronti delle persone fisiche che per la propria attività non sono obbligate alla tenuta delle scritture contabili
In tema di accertamento delle imposte sui redditi, i dati e gli elementi risultanti dai conti correnti bancari assumono sempre rilievo ai fini della ricostruzione del reddito imponibile, salvo che il titolare di detti conti non fornisca adeguata giustificazione. Tali citate disposizioni hanno portata generale e si riferiscono a qualsiasi ...
Accertamento fiscale » Occhio ai consumi di energia: l'Agenzia delle Entrate può servirsene
Accertamento fiscale: i consumi di energia in soccorso dell'Agenzia delle Entrate. Il fisco può ricorrere alle cosiddette presunzioni supersemplici per accertare l'esistenza di ricavi superiori a quelli contabilizzati dal contribuente. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 20897/14. Non è illegittimo presumere maggiori ricavi non dichiarati ...
Accertamento induttivo irpef fondato soltanto sui dati degli anni precedenti
Confermata la giurisprudenza (C.Cass. 6589/2008) secondo cui “in tema di accertamento induttivo irpef, l'adozione del criterio induttivo di cui al DPR 29 settembre 1973, numero 600, articolo 39, comma 2, impone all'Ufficio l'utilizzazione di dati e notizie inerenti al medesimo periodo d'imposta al quale l'accertamento si riferisce: non è pertanto ...
Accertamento fiscale » E' legittimo se viene dichiarato dal contribuente un reddito inferiore alla soglia di povertà ISTAT
L'imprenditore dichiara un reddito inferiore alla soglia di povertà stabilita dall'Istat (Istituto Nazionale di Statistica)? L'accertamento fiscale è alle porte. E' legittimo l'accertamento induttivo dell'imprenditore qualora lo stesso dichiari un reddito inferiore alla soglia ISTAT di povertà. Da quanto si apprende dalla pronuncia in esame, è indice di una situazione ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su locazioni in nero » le dichiarazioni degli inquilini fornite alla guardia di finanza sono un indizio rilevante per l'accertamento del reddito. Clicca qui.

Stai leggendo Locazioni in nero » Le dichiarazioni degli inquilini fornite alla Guardia di Finanza sono un indizio rilevante per l'accertamento del reddito Autore Andrea Ricciardi Articolo pubblicato il giorno 21 luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria contratti di locazione - affitti in nero e sanzioni per il locatore - sfratti e diritto alla casa - morosità incolpevole Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca