Locazione » Ritardo nella consegna dell'immobile? Risarcimento danni

Contratti di locazione: il locatore va risarcito dal conduttore se, a causa del ritardo nella consegna dell’immobile in concessione, ha perso la possibilità di vendere o riaffittare l’appartamento.

In tema di locazione di immobili, una volta che l’attore abbia provato l’esistenza di una favorevole occasione di vendere o di locare l’immobile, la valutazione sull’esistenza di un eventuale danno da ritardato rilascio di immobile, va effettuata con valutazione prognostica ex ante, in cui si consideri se, in mancanza del ritardo nella riconsegna, il proprietario avrebbe potuto secondo la regolarità causale concludere l’affare.

Questo, in sintesi, l’orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22352/14.

Secondo quanto disposto dalla pronuncia in esame, nell’ambito dei contratti di locazione, o contratti d’affitto, il locatore può chiedere il risarcimento dei danni al conduttore che abbia ritardato nel rilasciare l’appartamento, una volta scaduta la concessione.

Ciò, però, sempre a condizione che il locatore riesca a provare, in Tribunale, l’esistenza di una favorevole occasione di vendere o di riaffittare l’immobile non andata in porto proprio a causa del ritardo dell’inquilino.

In parole povere, al padrone di casa basta dichiarare che, proprio a causa dell’ostacolo nella riconsegna, si è visto sfumare l’affare.

Inoltre, i supremi Giudici, hanno chiarito che, per valutare se sussiste il danno da ritardato rilascio e quindi condannare al risarcimento l’inquilino, il giudice deve porsi nelle condizioni del padrone di casa nel momento in cui deve formulare la proposta di vendere o di riaffittare l’immobile.

Al locatore, infatti, è concesso presumere e dare per scontata la puntualità dell’inquilino nel rilascio dell’appartamento.

In buona sostanza, non si può attribuire alcuna colpa al proprietario di casa se si fida della buona fede del conduttore, stringendo già accordi per il futuro.

Per capire di cosa parliamo possiamo pensare, ad esempio, ad un contratto di locazione in scadenza il 31 ottobre 2014.

Nella fattispecie che, per il successivo 2 settembre 2014, il locatore abbia già affittato l’immobile a un terzo, qualora l’affare sfumi, a causa del ritardo nella riconsegna dell’immobile da parte del vecchio conduttore, quest’ultimo sarà condannato al risarcimento dei danni.

24 Ottobre 2014 · Gennaro Andele

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Contratti di locazione » Il locatore risarcisce il conduttore quando non prova la necessità del rilascio anticipato dell'appartamento per esigenze familiari
In un contratto di locazione, il locatore deve corrispondere il risarcimento danni al conduttore quando, il primo, non prova la necessità del rilascio anticipato dell'appartamento per esigenze familiari. Le sanzioni alternative di ripristino della locazione o di risarcimento del danno, a carico del locatore che abbia ottenuto la disponibilità anticipata dell'immobile per una finalità non più realizzata, hanno fondamento contrattuale e incombe dunque sullo stesso locatore l'onere di provare di avere adempiuto all'obbligo corrispondente, ovvero di non aver potuto adempiere per cause ostative a lui non imputabili. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 23794/14. Ennesima pronuncia della ...

Contratti di locazione » Immobile in condizioni pietose? Locatore deve risarcire il conduttore se ha riscontrato problemi di salute
Contratti di locazione: anche se le anomalie dell'immobile in affitto erano note al conduttore, in caso di problemi alla salute di quest'ultimo, deve esserci il risarcimento danni da parte del locatore. Il locatore è tenuto a risarcire il danno alla salute subito dal conduttore in conseguenza delle condizioni abitative dell'immobile locato quand'anche tali condizioni fossero note al conduttore al momento della conclusione del contratto. Questo perché la tutela del diritto alla salute prevale su qualsiasi patto interpretativo di esclusione o limitazione della responsabilità. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 19774/14. A parere degli Ermellini, Il locatore di ...

Mancata consegna della cosa locata - Conseguenze per il conduttore
Il conduttore che non adempie l'obbligazione contrattuale di restituire, alla scadenza, la cosa locata è tenuto a dare al locatore il corrispettivo convenuto fino alla riconsegna, salvo l'obbligo di risarcire il maggior danno. Il conduttore è tenuto al risarcimento dei danni cagionati alla cosa in tale stato di detenzione; alla stessa maniera di quanto previsto, per l'ipotesi di vigenza contrattuale, dal codice civile. La responsabilità del conduttore cessato per la custodia e conservazione della cosa si pone infatti in diretta correlazione non soltanto con il suo potere di fatto sulla cosa, ma anche con il suo obbligo contrattuale di restituzione. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su locazione » ritardo nella consegna dell'immobile? risarcimento danni. Clicca qui.

Stai leggendo Locazione » Ritardo nella consegna dell'immobile? Risarcimento danni Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 24 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria contratti di locazione - affitti in nero e sanzioni per il locatore - sfratti e diritto alla casa - morosità incolpevole Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)