Contratti di locazione » La riparazione dell'impianto termico è sempre a carico del locatore

Nell'ambito dei contratti di affitto o locazione, la riparazione dell'impianto termico è sempre a carico del locatore, ovvero del padrone di casa.

Trattandosi di manutenzione straordinaria, le spese riguardanti l'impianto termico di riscaldamento spettano al proprietario di casa.

La manutenzione dell'impianto termico è, infatti, da considerare una spesa di straordinaria amministrazione: non si parla, in questo caso, di riparazioni di piccola manutenzione, con la conseguenza che gli eventuali oneri economici sono a carico del locatore e non del conduttore.

In più, se prima della consegna del bene il proprietario dell'appartamento non ha eseguito i necessari accertamenti su tutti gli impianti interni, è responsabile nei confronti dell'inquilino, a meno che non riesce a dimostrare di aver ignorato tali vizi senza colpa.

Ciò è quanto si evince dalla sentenza 11353/14, emessa dalla Corte di Cassazione.

Con la pronuncia in esame, gli Ermellini hanno voluto ricordare che il locatore è sempre tenuto a consegnare al conduttore un bene che si trovi in buono stato. dunque, egli deve effettuare tutti gli accertamenti necessari prima della consegna delle chiavi dell'immobile.

Pertanto, qualora il conduttore intentasse una causa per ottenere il risarcimento derivanti da vizi dell'abitazione, il locatore può evitare la liquidazione dei danni solo se prova di aver ignorato i pregiudizi.

Evitare la condanna al risarcimento dei danni, però, non toglie che le spese relative agli impianti interni spettino esclusivamente al proprietario di casa, sia per quanto riguarda la manutenzione dell'impianto termico, idrico o elettrico sia per quanto concerne l'erogazione dei servizi indispensabili al suo godimento.

Dunque, il conduttore ha diritto ad essere risarcito in caso di mancata riparazione, specie se si verificano casi di urgenza.

Inoltre, se il locatore viene tempestivamente avvisato dal conduttore e resta comunque inerte, l'inquilino può provvedere direttamente ai lavori, anticipando le spese e poi chiedendone la restituzione.

Ciò, perché, per questo tipo di interventi non è richiesta la preventiva autorizzazione del proprietario.

Addirittura, il conduttore potrebbe avviare i lavori anche in caso di diniego del proprietario dell'immobile, senza, però, ottenere la restituzione delle somme versate.

25 giugno 2014 · Genny Manfredi

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Contratti di locazione » Riparazioni urgenti? Il conduttore ha diritto al rimborso solo in caso di preavviso al locatore
Contratti di locazione: In caso di riparazioni urgenti il conduttore ha diritto al rimborso solo in caso di preavviso al locatore. Il conduttore ha diritto al rimborso delle spese per le riparazioni eccedenti la normale manutenzione se, avendo il carattere dell'urgenza, il conduttore ha avvisato il locatore e, nell'inerzia di ...
Contratti di locazione » Immobile in condizioni pietose? Locatore deve risarcire il conduttore se ha riscontrato problemi di salute
Contratti di locazione: anche se le anomalie dell'immobile in affitto erano note al conduttore, in caso di problemi alla salute di quest'ultimo, deve esserci il risarcimento danni da parte del locatore. Il locatore è tenuto a risarcire il danno alla salute subito dal conduttore in conseguenza delle condizioni abitative dell'immobile ...
Contratti di locazione » Il locatore risarcisce il conduttore quando non prova la necessità del rilascio anticipato dell'appartamento per esigenze familiari
In un contratto di locazione, il locatore deve corrispondere il risarcimento danni al conduttore quando, il primo, non prova la necessità del rilascio anticipato dell'appartamento per esigenze familiari. Le sanzioni alternative di ripristino della locazione o di risarcimento del danno, a carico del locatore che abbia ottenuto la disponibilità anticipata ...
Contratti di locazione » I costi sostenuti per innovazioni, trasformazioni e migliorie alle strutture e agli impianti gravano sul conduttore
Nell'ambito dei contratti di locazione i costi per innovazioni, trasformazioni e migliorie dell'immobile, nonché degli impianti, vanno sostenute dal conduttore dell'appartamento e non dal locatore. Gli obblighi previsti dagli articoli 1575 e 1576 c.c. non comprendono l'esecuzione di opere di modifica o trasformazione della cosa locata, anche se imposte da ...
Contratto di locazione - Il cedente è sempre responsabile per la morosità del cessionario
Il conduttore può cedere il contratto di locazione anche senza il consenso del locatore: tuttavia, se il locatore non ha liberato il cedente, può agire contro il medesimo qualora il cessionario non adempia alle obbligazioni assunte. La giurisprudenza ha affermato in più occasioni che in materia di locazioni, in caso ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su contratti di locazione » la riparazione dell'impianto termico è sempre a carico del locatore. Clicca qui.

Stai leggendo Contratti di locazione » La riparazione dell'impianto termico è sempre a carico del locatore Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 25 giugno 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 agosto 2017 Classificato nella categoria contratti di locazione - affitti in nero e sanzioni per il locatore - sfratti e diritto alla casa - morosità incolpevole Inserito nella sezione mutui per acquisto casa e affitti.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca