Lo statuto del contribuente? una favola a cui non credono più neanche i bambini! – la realtà è ben diversa …

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

L’Agenzia delle Entrate, e dunque lo Stato, ha nei confronti dei contribuenti sempre lo stesso atteggiamento: protervia, prepotenza , arroganza.

Ricorsi? Commissione Tributaria, Appello, Cassazione. Tanto le spese legali dell’Agenzia le paga il contribuente. E quelle del contribuente pure.

Ennesima puntata dell’infinta storia dei ricorsi contro gli avvisi di liquidazione dell’Agenzia delle Entrate relativi alla richiesta di imposte suppletive sui mutui provinciali: dopo la vittoria in primo grado i ricorrenti hanno vinto anche l’appello. E ora cosa succede?

E soprattutto: chi rimborserà i costi sostenuti sino ad ora dagli stessi per la propria difesa legale?

Come si ricorderà la vicenda aveva preso avvio nel 2005 con l’invio da parte dell’Agenzia delle Entrate di circa 150 avvisi di liquidazione di imposta suppletiva a cittadini che avevano ottenuto un mutuo provinciale agevolato a tasso zero dal 2002 al 2004. In breve, la Provincia sosteneva e sostiene che in caso di stipula di un tale mutuo vada pagata un’imposta fissa (pari a circa 129,11 euro), mentre l’Agenzia delle Entrate è di parere opposto e chiede il pagamento di un’imposta proporzionale (2% + 3%) del valore del mutuo. Gli arretrati richiesti dall’Agenzia arrivano in taluni casi anche a cifre ragguardevoli, nell’ordine dei 4.500-5.000 euro.

Contro tali avvisi di liquidazione la Provincia e la maggior parte dei mutuatari interessati, molti di questi assistiti e difesi dall’Avv. Michael Pichler di Bolzano, avevano proposto ricorso alla locale Commissione Tributaria di Primo Grado e questa, con una lineare sentenza, aveva dato ragione alla Provincia e ai ricorrenti. Contro tale sentenza l’Agenzia delle Entrate, insistendo nella sua interpretazione del dettato normativo, circa un anno fa, era ricorsa in appello. In questi giorni è stata emessa anche la sentenza di appello che ha riconfermato la sentenza di primo grado, dando così ragione per la seconda volta a Provincia e mutuatari.

Ora bisognerà vedere cosa l’Agenzia delle Entrate intenderà fare. La possibilità è quella che la stessa possa ricorrere in Cassazione contro la sentenza di appello. In tale caso, al fine di evitare ulteriori, ingiusti e si presume elevatissimi costi per la difesa ai ricorrenti (una difesa legale in Cassazione può costare svariate migliaia di euro di onorario), il CTCU chiede sin d’ora alla Provincia di resistere in giudizio davanti alla Suprema Corte contro il probabile ricorso dell’Agenzia delle Entrate, evitando in tal modo anche la necessità di una costituzione in tale giudizio da parte dei singoli ricorrenti.
Capitolo spese legali fino ad oggi: sia la sentenza di primo grado, che quella di appello hanno salomonicamente statuito la famigerata “compensazione delle spese”. In poche parole: ognuna delle parti paga il proprio avvocato. Per i ricorrenti, che ripetiamo si sono aggiudicati i primi due rounds della partita, una beffa. “A chi dovranno essere addebitati i costi ingiustamente sostenuti fino a questo momento dai ricorrenti?” si chiedono al Centro Tutela Consumatori Utenti, che ha seguito e dato supporto a numerosi mutuatari coinvolti nella vicenda.

Dove e come trova applicazione lo Statuto del Contribuente in questo e simili casi? La questione non è comunque chiusa, soprattutto nel caso in cui anche la Cassazione dovesse confermare le sentenze di appello appena emesse.

4 Settembre 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sanzioni Fiscali » Statuto del contribuente - Principio del favor rei
Allentata la morsa sulle sanzioni fiscali. Il giudice potrà applicare d'ufficio al contribuente sanzioni meno salate, anche se entrate in vigore successivamente all'accertamento. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la pronuncia 1656 del 24 Gennaio 2013, ha sancito che: In tema di sanzioni tributarie, alla abrogazione del principio di ultrattività delle disposizioni sanzionatorie subentrato il principio del favor rei nella sua duplice prospettazione; nessuno può essere assoggettato a sanzioni per un fatto che secondo la legge posteriore non costituisce violazione punibile; se la legge in vigore al momento in cui è stata commessa la violazione e ...

Statuto dei diritti del contribuente
Lo Statuto dei diritti del Contribuente, introdotto dalla Legge numero 212 del 2000 rappresenta una tappa importante perché con esso è stato possibile attuare nell'ordinamento tributario i principi costituzionali di trasparenza e imparzialità dell'azione amministrativa. Nello Statuto del Contribuente sono raccolte una serie di norme che codificano i diritti dei contribuenti nell'ambito dell'attività di accertamento esercitata dagli Uffici fiscali e, in particolare, le garanzie che il contribuente può far valere in occasione di verifiche da parte degli uffici dell'Amministrazione finanziaria civile o della Guardia di Finanza. Lo Statuto disciplina anche il modo di produzione delle leggi in materia tributaria, prevedendo ...

Statuto dei diritti del contribuente - Equitalia trova a Salerno un giudice che lo applica
Un giudice di Salerno, con la sentenza numero 3688 del 2012, ha ristabilito un equilibrio. Non si può essere debitori a vita, e questo principio è valido anche  nel caso in cui si tratti di debiti tributari. Equitalia, dunque, deve rispettare il codice del contribuente ma non solo. Deve anche rispettare il codice civile. Infatti quando Equitalia insiste a esigere pagamenti di cartelle dopo la scadenza del debito ciò significa che sta aggredendo il contribuente ed il suo patrimonio senza averne più alcun titolo. Il giudice di Salerno, in quella storica sentenza, ha infatti stabilito che il concessionario della riscossione ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su lo statuto del contribuente? una favola a cui non credono più neanche i bambini! – la realtà è ben diversa …. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • ludovica mori 4 Settembre 2008 at 12:54

    Sena parole!!!