Limite massimale assicurativo RC auto » Consigli

La normativa vigente, in questo ambito, prevede obbligatoriamente un limite di massimale assicurativo di minimo 774.685,35 euro. Il suddetto limite, però, potrebbe risultare insufficiente in caso di sinistri stradali particolarmente gravi e dannosi. Consigliamo vivamente, quindi, di evitare contratti assicurativi con un massimale ridotto. Per pagare qualche euro di meno sulla rata, si potrebbe rischiare di perdere la casa.

Dopo essere stati coinvolti, o aver provocato, un sinistro stradale, l’assicurazione risarcisce il danno provocato dal proprio assicurato, ma solo entro determinati limiti, superati i quali sarà l’assicurato a dover risarcire il danneggiato.

Con l’assicurazione obbligatoria dell’rc auto derivante dalla circolazione, l’assicuratore si obbliga a corrispondere, entro i limiti convenuti, le somme che per capitale, interessi e spese, siano dovute a titolo di risarcimento di danni causati involontariamente a terzi, o a cose, dalla circolazione del veicolo descritto in contratto.

Il limite massimo di importo entro cui l’assicurazione, dopo un sinistro, si impegna a pagare il danneggiato come persona fisica (o ad esempio il comune, quando ad esempio in un incidente si distrugge un guard rail)viene detto massimale.

Il decreto legislativo 198/2007, stabilische che i contratti assicurativi in oggetto siano stipulati per una copertura, per ciascun sinistro, indipendentemente dal numero delle vittime, di importo non inferiore a:

  • euro 5 milioni in caso di danni alle persone;
  • euro 1 milione in caso di danni alle cose.

Tuttavia, la polizza può poi prevedere degli importi minori rispettivamente per i danni subiti da ciascuna persona lesa e per il danneggiamento di cose provocato dallo stesso sinistro, che saranno coperti entro il limite del massimale.

Ad esempio, la polizza assicurativa può prevedere di risarcire un massimo di 4 milioni di euro a persona, comunque entro il tetto del massimale di 5 milioni di euro complessivi per l’intero sinistro.

Ciò, però, con la conseguenza che se ci sono due danneggiati e ciascuno ha subito un danno di 5 milioni di euro, la compagnia risarcirà comunque, a ciascuno di essi, 2,5 milioni di euro.

Questi sottolimiti, dunque, se esistono, indicano semplicemente che per queste voci di danni l’assicuratore risponde fino alla loro concorrenza.

Ecco perché è sempre bene fondamentale leggere accuratamente la propria polizza rc auto ed evitare contratti che potrebbero esporre il conducente a rischi elevati.

In caso, infatti, di incidenti che cagionino a terzi eventi particolarmente lesivi, come la morte, l’importo del risarcimento potrebbe essere estremamente elevato e superare il massimale, costringendo così, l’assicurato a rispondere con il proprio patrimonio.

11 Novembre 2013 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Sinistro stradale e polizza Rc auto » Non va applicato il limite del massimale per danni successivi alla messa in mora della compagnia assicurativa
Assicurazione rc auto ed incidente stradale: il massimale non va applicato per danni successivi alla messa in mora della compagnia assicurativa. In tema di sinistro stradale e polizza rc auto, gli interessi trovano causa distinta e autonoma nel fatto colposo della compagnia in ritardo con il ristoro. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 23423/14. Da quanto si apprende dal verdetto in esame, il limite del massimale, contenuto nella polizza della rc auto, ai fini del risarcimento del danno in caso di sinistro stradale, non opera per gli ulteriori danni maturati dal soggetto danneggiato dopo che ...

Rc auto » Compagnia indicata da FGVS non risarcisce se non c'è obbligo di assicurazione
La compagnia Rc auto indicata dal Fondo di garanzia non risarcisce se per il veicolo non vi era obbligatoria assicurazione. Il passaggio in giudicato della sentenza nei confronti dell'azienda in liquidazione non determina la riforma della pronuncia nei confronti dell'impresa designata. Lo ha sancito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 17692/13, ha stabilito che: L'articolo 19 e 20 della legge 990/69, anche nella loro formulazione applicabile ratione temporis al caso di specie, presuppongono la sussistenza dell'obbligo dell'assicurazione per i ciclomotori, come si evince dal dato testuale dello stesso articolo 19 citato («per il risarcimento dei danni causati ...

RC auto - il diritto di rivalsa
In caso di sinistro stradale, l'assicurazione può rivalersi contro l'assicurato in caso di gravi violazioni ("diritto di rivalsa")  La rivalsa è un diritto delle compagnie di assicurazione che, dopo aver pagato il risarcimento danni alle terze persone coinvolte in un incidente, possono chiedere al proprio assicurato, un rimborso qualora sussistono le gravi violazioni del Codice della Strada. Ad esempio, giustificano la rivalsa le seguenti circostanze: la guida in stato di ebbrezza o sotto l'effetto di sostanze stupefacenti (o di psicofarmaci); la violazione delle norme di carico del veicolo; la revisione scaduta o la guida con patente scaduta. È possibile, tuttavia, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su limite massimale assicurativo rc auto » consigli. Clicca qui.

Stai leggendo Limite massimale assicurativo RC auto » Consigli Autore Giovanni Napoletano Articolo pubblicato il giorno 11 Novembre 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria tutela consumatori - polizze assicurative RC - polizze auto vita infortuni e danni Inserito nella sezione tutela consumatori

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)