Licenziamento - diritto di difesa e diritto di riservatezza

Nella lettera di contestazione disciplinare il datore di lavoro deve indicare le circostanze concrete del fatto per assicurare al lavoratore il diritto di difesa, con priorità rispetto al diritto alla riservatezza di terzi.

L'esposizione delle specifiche modalità di accadimento dell'infrazione, infatti, è necessaria per assicurare al lavoratore il diritto di difesa e consentirgli così di replicare alla contestazione, opponendo eventualmente circostanze incompatibili con la denuncia.

In proposito è stato ritenuto illegittimo il licenziamento di un lavoratore, accusato di molestie nei confronti di una collega. Il datore di lavoro, nel contestare l'addebito, aveva omesso di indicare il nome della vittima, per tutelarne la riservatezza.

Conseguentemente il lavoratore, non conoscendo le circostanze specifiche dell'addebito, non aveva potuto difendersi adeguatamente ed ha quindi impugnato il licenziamento.

La Corte di Cassazione ha dato ragione al lavoratore, affermando che il diritto di riservatezza non può compromettere il diritto di difesa, qualora ne possa derivare la perdita di diritti fondamentali quali quello al posto di lavoro.

Il giudice deve sempre mettere a confronto gli interessi in gioco al fine di individuare quello da privilegiare nel caso concreto  (Cassazione, sezione lavoro, sentenza 5 agosto 2010, numero 18279).

24 ottobre 2010 · Antonella Pedone

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Contenuti correlati

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Licenziamento per comportamenti della vita privata
In linea generale, i comportamenti che il lavoratore assume nella sua vita privata, al di fuori del contesto lavorativo, non possono giustificare il licenziamento. In proposito, l'articolo 8 dello Statuto dei lavoratori vieta di effettuare indagini su fatti non rilevanti ai fini della valutazione dell'attitudine professionale del dipendente. Riguardo i ...
Giudizio penale e licenziamento per giusta causa
Il reato del lavoratore è giusta causa di licenziamento solo se compromette il rapporto fiduciario con il datore Nel caso in cui il lavoratore sia stato rinviato a giudizio per gravi reati non commessi nello svolgimento del rapporto di lavoro, ma ritenuti dal datore di lavoro potenzialmente idonei ad incidere ...
Legittimo il demansionamento del lavoratore se l'alternativa è il licenziamento per giustificato motivo oggettivo
E' valido il patto di demansionamento che, ai soli fini di evitare un licenziamento, attribuisca al lavoratore mansioni, e conseguente retribuzione, inferiori a quelle per le quali era stato assunto o che aveva successivamente acquisito, prevalendo in tal caso l'interesse del lavoratore a mantenere il posto di lavoro. Tale patto ...
Licenziamento disciplinare - Illegittimo se la contestazione non è immediata
In materia di licenziamento disciplinare, l'immediatezza della contestazione integra elemento costitutivo del diritto di recesso del datore di lavoro in quanto, per la funzione di garanzia che assolve, l'interesse del datore di lavoro all'acquisizione di ulteriori elementi a conforto della colpevolezza del lavoratore non può pregiudicare il diritto di quest'ultimo ...
Valido il patto di demansionamento se in mancanza dell'accordo l'alternativa è il licenziamento del lavoratore
Gli accordi sindacali stipulati nel corso delle procedure di mobilità, al fine di garantire il riassorbimento totale o parziale dei lavoratori ritenuti eccedenti, possono stabilire l'assegnazione dei lavoratori esuberanti a mansioni diverse e quindi anche inferiori, così come la legge consente l'adibizione a mansioni inferiori del lavoratore divenuto inabile in ...

Spunti di discussione dal forum

Una vicenda Kafkiana: quando è meglio non avviare una vertenza di lavoro
Il mio ultimo mese lavorativo presso il mio ex datore di lavoro risale al novembre 2012: avevo un contratto a progetto che arrivato alla sua naturale scadenza non è stato più rinnovato perché la Srl in questione è entrata subito dopo in liquidazione volontaria. Ho fatto richiesta all'INPS dell'Una Tantum…
Nuova assunzione lavoro a tempo determinato – Chiedono scheda anagrafica lavoratore: cos’è?
Ho trovato, tramite un amico, un impiego presso un supermercato di una nota catena: mi sono presentato lì ieri per portare il solito curriculum vitae. Gli addetti alle risorse umane, però, mi hanno chiesto, in vista del secondo colloquio, di rimediare anche la mia scheda anagrafica del lavoratore. Non so…
A mesi dal licenziamento il datore di lavoro non mi ha ancora corrisposto il TFR – Cosa posso fare?
Sono stato licenziato da una ditta da cui dovrei prendere dei soldi del mese di luglio ma il datore di lavoro sta facendo finta di niente insomma non me li vuole dare e sicuramente non mi vorrà dare neanche il tfr. Premetto che nell'anno in cui vi ho lavorato non…
I permessi non retribuiti rientrano nel calcolo per il computo del requisito contributivo di accesso all’indennità di disoccupazione Naspi?
Sono un lavoratore del comparto sicurezza armata (Guardia Giurata): la nostra categoria ha l'obbligo di detenere il porto d'armi per difesa personale di validità 2 anni rinnovabile. Le prefetture a cui siamo sottoposti per questo rinnovo,impiegano un max di 90 gg di calendario per rinnovarci il documento. Senza questo documento…
Diritto di precedenza su richiesta di trasformazione rapporto di lavoro da partime a tempo pieno
Mi sono rivolta a voi tempo fa e dopo aver preso informazioni certe ho deciso di fare vertenza per la violazione del diritto di precedenza da parte del mio datore di lavoro che alla mia richiesta non solo si è rifiutato ma ha assunto a tempo pieno altri dipendenti. Ma…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su licenziamento - diritto di difesa e diritto di riservatezza. Clicca qui.

Stai leggendo Licenziamento - diritto di difesa e diritto di riservatezza Autore Antonella Pedone Articolo pubblicato il giorno 24 ottobre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria lavoro e pensioni Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info