Lesione della quota di legittima - Come si calcola il conguaglio spettante al legittimario leso

Nel procedimento per la reintegrazione della quota di eredita riservata al legittimario, si deve aver riguardo al momento della apertura della successione per calcolare il valore dell'asse ereditario mediante la cosiddetta riunione fittizia, stabilire l'esistenza e l'entità della lesione di legittima nonché determinare il valore dell'integrazione spettante al legittimario leso.

Peraltro, qualora tale integrazione venga effettuata mediante compenso in danaro nonostante l'esistenza, nell'asse, di beni in natura, essa deve essere adeguata al mutato valore, al momento della decisione giudiziale, del bene a cui il legittimario avrebbe diritto, affinché ne costituisca l'esatto equivalente.

Questo principio non significa che la parte assegnataria del bene compreso nell'asse può lucrare l'eventuale maggior valore che esso abbia maturato rispetto alla svalutazione monetaria nel lasso di tempo tra la morte del de cuius e l'ultimazione giudiziaria delle operazioni divisionali, fenomeno che si è verificato dal dopoguerra fino alla crisi deflazionistica dell'ultimo quinquennio. Significa solo che distinte sono le operazioni da effettuare.

In pratica, la lesione di legittima va verificata alla stregua dei valori dei beni all'apertura della successione. Qualora vi siano conguagli da attribuire, per riequilibrare l'assegnazione ad altro erede di beni che in parte dovevano essere destinati al coerede avente diritto ai conguagli, questi ultimi devono essere commisurati al valore, al momento della divisione, del bene (o dei beni) che avrebbe dovuto essere assegnato in natura al legittimario leso, tenendo conto del loro eventuale mutato valore.

Così si sono espressi i giudici della Corte di cassazione nella sentenza 5320/16.

19 marzo 2016 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Eredità e successione - Azione di riduzione delle disposizioni lesive della quota di legittima, riunione fittizia, reintegrazione della quota di eredità riservata al legittimario e conguaglio in denaro
L'azione di riduzione delle disposizioni lesive della quota di legittima ha natura personale, sicché nell'ipotesi in cui il relativo obbligo di restituzione debba essere posto a carico di più persone, su un medesimo bene ad esse donato o attribuito per quote ideali, la riduzione deve operarsi, nei confronti dei vari ...
Azione di riduzione per lesione della quota di legittima dell'eredità - eredità disponibile, eredità relitta e donatum
A tutela dell'interesse generale alla solidarietà familiare, l'ordinamento giuridico prevede che i più stretti congiunti del de cuius hanno il diritto di ottenere, anche contro la volontà del defunto e in contrasto con gli atti di disposizioni dallo stesso posti in essere, una quota di valore del patrimonio ereditario e ...
Eredità di un immobile - Se il defunto lascia al debitore il diritto di abitazione il creditore non può esperire azione revocatoria della rinuncia alla riduzione della quota di legittima
Supponiamo che il debitore accetti il diritto di abitazione, a lui destinato nel testamento, e rinunci a promuovere nei confronti dei coeredi testamentari dello stesso immobile caduto in successione, ogni azione di riduzione per lesione della quota di legittima. In questo modo, il debitore preclude al creditore la possibilità di ...
Il creditore non può sostituirsi al debitore, che ha ereditato per testamento il diritto di abitazione, per rivendicare la lesione della quota di legittima
Tanto per semplificare le idee, supponiamo che il de cuius non abbia fatto testamento ed abbia lasciato in eredità ai suoi due figli un immobile ciascuno, di uguale valore commerciale. Supponiamo che dei due figli uno sia debitore e rinunci all'eredità. Il creditore del figlio debitore, in base all'articolo 524 ...
La successione necessaria - eredità relitta quota disponibile al testatore e quota riservata ai legittimari
L'ordinamento giuridico prevede che i più stretti congiunti del de cuius hanno il diritto di ottenere, anche contro la volontà del defunto e in contrasto con gli atti di disposizioni dallo stesso posti in essere, una quota di valore del patrimonio ereditario e dei beni donati in vita dal defunto ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su lesione della quota di legittima - come si calcola il conguaglio spettante al legittimario leso. Clicca qui.

Stai leggendo Lesione della quota di legittima - Come si calcola il conguaglio spettante al legittimario leso Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 19 marzo 2016 Ultima modifica effettuata il giorno 18 maggio 2017 Classificato nella categoria sentenze e ordinanze della Corte di cassazione in tema di eredità successione e donazioni Inserito nella sezione giurisprudenza.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • Anonimo 30 settembre 2018 at 17:38

    No mia moglie non accetterà eredita visto che i miei suoceri 4 anni fa hanno ricevuto delle cartelle esattoriale di 120 mila euro e pertanto rinuncerà all’eredita. Quindi che faccio ora vale sempre la Vs risposta precedente? Qualora mio cognato accetterà eredita sarà il solo erede e quindi la casa andrà a lui o io posso uscire il denaro per la differenza tra spese per acquisto e lavori e prezzo di mercato?

    • Simone di Saintjust 1 ottobre 2018 at 03:01

      Vale la risposta precedente, ad eccezione del fatto che a suo cognato dovrà essere versata l’intera differenza fra il valore del prezzo di mercato all’epoca della donazione e quello attuale, sempre diminuita, però, delle spese di manutenzione, ordinaria e straordinaria, effettuate sull’appartamento e documentabili con le fatture.

  • Anonimo 30 settembre 2018 at 15:42

    Ho acquistato 9 anni fa casa da mio suocero a prezzo inferiore al prezzo di mercato, possono ora i miei cognati chiedere la quota di legittima visto che i miei suoceri non sono più in vita e visto il prezzo che ho pagato? Ho letto che possono fare un’azione di riduzione e restituzione visto che il prezzo era inferiore al prezzo di mercato. Inoltre se loro possono fare questa azione di riduzione per la quota di legittima posso io avere la scelta di pagare il corrispettivo tra prezzo pagato e quello del valore in denaro oppure sono obbligatori a dare la mia casa oppure 9 anni in cui gli ho fatto pure delle migliorie documentate dalle fatture?

    • Simone di Saintjust 30 settembre 2018 at 16:01

      Nella malaugurata ipotesi in cui gli altri eredi intentassero azione di riduzione della donazione parziale effettuata in vita dal de cuius in favore di uno dei coeredi (vendita dell’immobile ad un prezzo inferiore a quello di mercato), la beneficiaria (sua moglie) potrebbe essere tenuta a versare la differenza fra il valore del prezzo di mercato all’epoca della donazione e quello attuale, al netto della quota di legittima della differenza, a lei comunque spettante, nonché delle spese di manutenzione, ordinaria e straordinaria, effettuate sull’appartamento e documentabili con le fatture. Può anche darsi che il saldo ereditario sia a vantaggio di sua moglie.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca