Legittimo il pignoramento di mobili presso lo studio professionale del debitore

Per quanto attiene il pignoramento delle “cose mobili” di proprietà del debitore, l’articolo 515 del codice di procedura civile prescrive, al comma terzo, che gli strumenti, gli oggetti e i libri indispensabili per l’esercizio della professione, dell’arte o del mestiere del debitore possono essere pignorati nei limiti di un quinto, quando il presumibile valore di realizzo degli altri beni rinvenuti dall’ufficiale giudiziario o indicati dal debitore non appare sufficiente per la soddisfazione del credito; il predetto limite non si applica per i debitori costituiti in forma societaria e in ogni caso se nelle attività del debitore risulta una prevalenza del capitale investito sul lavoro.

La Corte di Cassazione, con la sentenza numero 17900 del 18 ottobre 2012 ha ritenuto che il comma terzo, del citato articolo del codice di procedura civile, non si applichi agli arredi dello studio del professionista debitore sottoposto ad esecuzione.

Secondo i giudici di piazza Cavour, infatti, il limite previsto dal codice di procedura civile per il pignoramento di strumenti, oggetti e libri indispensabili per l’esercizio della professione, arte o mestiere del debitore fissato nella misura del 20% (e a condizione che il presumibile valore di realizzo degli altri beni pignorati dall’ufficiale giudiziario non appaia sufficiente a rimborsare il credito per cui si procede) non può essere esteso a mobili e complementi d’arredo dello studio del debitore professionista, in quanto questi non possono essere considerati beni indispensabili all’esercizio della professione.

Nella vicenda specifica che ha portato alla sentenza, la coniuge legalmente separata del professionista sottoposto ad esecuzione è riuscita ad ottenere la pronuncia di legittimità del pignoramento dei mobili (le sedie, una poltrona, un tavolo e una libreria) che attrezzavano lo studio professionale dell’ex marito.

Insomma, per evitare il pignoramento, il soggetto passivo dell’esecuzione forzata dovrebbe dimostrare che i beni individuati dall’ufficiale giudiziario sono direttamente collegati all’attività lavorativa e che senza di essi non sarebbe possibile proseguire regolarmente l’esercizio della professione.

L’indispensabilità dei beni pignorati potrebbe sussistere, presumibilmente, per un computer o una stampante, tanto per fare un esempio; ma certamente non è eccepibile per gli arredi dello studio professionale.

21 Ottobre 2012 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento dei beni mobili in comodato all'inquilino
Contratto di comodato e debiti dell'affittuario: esiste la possibilità che un ufficiale giudiziario effettui il pignoramento dei beni dell'inquilino, anche se sono di proprietà del padrone di casa? La normativa vigente, avvalorata da giurisprudenza consolidata, ritiene che il creditore possa tranquillamente procedere ad un pignoramento mobiliare anche quando i beni pignorabili si trovino in luoghi di proprietà di terzi per via di un rapporto giuridico fra debitore e terzo, come, ad esempio, la locazione o il comodato di immobile. Peraltro, si presume che appartengano al debitore tutti i beni che si trovano nella sua abitazione. In tale caso, quindi, l'ufficiale ...

Opposizione a pignoramento esattoriale presso residenza o azienda del debitore
Il terzo che pretende avere la proprietà o altro diritto reale sui beni pignorati dal concessionario della riscossione può proporre opposizione con ricorso al giudice dell'esecuzione, prima che sia disposta la vendita o l'assegnazione dei beni, ovvero, prima della data fissata per il primo incanto. L'opposizione non può essere proposta quando i mobili pignorati nella casa di abitazione o nell'azienda del debitore iscritto a ruolo o dei coobbligati, o in altri luoghi a loro appartenenti, hanno formato oggetto di una precedente vendita nell'ambito di una procedura di espropriazione forzata promossa dal concessionario a carico del medesimo debitore o dei medesimi ...

Valenza giuridica di un contratto di comodato dei beni presenti presso la residenza del debitore in caso di pignoramento
In occasione di un pignoramento presso la propria residenza, il debitore esibisce all'ufficiale giudiziario un contratto di comodato, registrato in data anteriore al pignoramento, dal quale risulta che tutti i beni mobili, ivi presenti, appartengono ad un terzo. L'ufficiale giudiziario, alla luce della sentenza della Corte di Cassazione numero 23625 del 20 dicembre 2012, non può comunque esimersi dal procedere al pignoramento. All'effettivo proprietario resta la possibilità di ricorrere allo strumento processuale dell'opposizione del terzo all'esecuzione. ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su legittimo il pignoramento di mobili presso lo studio professionale del debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Legittimo il pignoramento di mobili presso lo studio professionale del debitore Autore Genny Manfredi Articolo pubblicato il giorno 21 Ottobre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Settembre 2017 Classificato nella categoria pignoramento presso residenza debitore - presunzione legale proprietà Inserito nella sezione pignoramento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)