Quando può essere segnalato in sofferenza il credito vantato nei confronti del debitore

L'appostazione a sofferenza implica una valutazione da parte dell'istituto segnalante della complessiva situazione finanziaria del debitore e non può scaturire automaticamente da un mero ritardo di quest'ultimo nel pagamento del debito. Resta dunque estraneo alla nozione di "sofferenza" l'inadempimento correlato ad una situazione di illiquidità contingente e non strutturale, non accompagnato, cioè, da un oggettivo stato di difficoltà a far fronte alle proprie obbligazioni.

L'appostazione a sofferenza non richiede, però, una previsione di perdita del credito, e dunque ben può sussistere anche qualora il patrimonio del debitore consenta ancora, allo stato e nel contesto della sua negatività, margini di rientro: ciò che conta è la chiara e documentabile emergenza che, al momento della segnalazione, il rientro non appaia sicuro o, quantomeno, altamente probabile e che pertanto si configuri un serio pericolo di insolvenza.

L'accostamento fra stato di insolvenza (anche non accertato giudizialmente) e situazioni ad esso equiparabili contenuto nella normativa, implica che l'appostazione a "sofferenza" non comporta la necessità che la situazione del debitore coincida con quella propria dell'insolvenza fallimentare. Ai fini della segnalazione nella Centrale Rischi Bankitalia è sufficiente una valutazione negativa della situazione patrimoniale, apprezzata come deficitaria, ovvero come grave (e non transitoria) difficoltà economica, senza alcun riferimento ai concetti di incapienza o di definitiva irrecuperabilità del credito.

Peraltro, se il debito potesse essere legittimamente appostato a sofferenza soltanto quando il cliente versa in stato di insolvenza conclamata, verrebbe meno la stessa utilità della segnalazione (posto che gli altri intermediari creditizi si troverebbero nell'impossibilità di attivarsi in tempo utile per cautelare la propria posizione); risulterebbe, quindi, priva di contenuto sostanziale la previsione di un obbligo di segnalazione anche in presenza di "situazioni equiparabili" allo stato di insolvenza.

Inoltre, la nozione di sofferenza non è riconducibile a parametri economici predefiniti, univocamente valevoli per ogni fattispecie ed è dunque inevitabile che, in materia, sia dato agli intermediari creditizi un certo margine di discrezionalità che, tuttavia, non può sconfinare nell'arbitrio, dovendo comunque la valutazione essere fondata su dati oggettivi dai quali sia evincibile la concreta sussistenza del rischio segnalato.

Insomma, il servizio fornito dalla Centrale Rischi ha senso solo se le segnalazioni intervengono in una fase in cui gli operatori possono ancora predisporre piani di rientro o procedimenti di ristrutturazione creditizia e/o di risanamento finanziario capaci di condurre il cliente al recupero dell'equilibrio economico - patrimoniale, consentendogli di onorare le obbligazioni assunte, o, comunque, di diminuire al massimo il rischio creditizio.

Le considerazioni appena riportate sono quelle svolte dai giudici di legittimità nella sentenza della Corte di cassazione numero 1725/15.

2 febbraio 2015 · Simonetta Folliero

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • m.grazia 16 aprile 2015 at 14:22

    buongiorno,
    ho una ditta individuale che dal 2013 ha avuto un netto miglioramento. Tale miglioramento mi ha permesso di pagare con un piano di rientro cambializzato il pregresso dei fornitori che finirà ne 2016
    Ora per pulire la mia CRIF vorrei fare una ristrutturazione del debito (garantito dai confidi) riguardante l’esposizione verso banche e finanziarie. A tal proposito ho richiesto la mia CR storica alla banca d’italia.La documentazione ricevuta segnala, come già io sapevo, di due posizioni a sofferenza. Di una sto pagando un piano di rientro cambializzato dell’altra ancora nulla. Come posso fare per poter istituire tale pratica? chi mi può analizzare la documentazione ricevuta e aiutarmi nei passi da seguire per pulire definitavente la mia posizione?
    Spero di ricevere una vostra risposta a breve.
    m.grazia

    • Ludmilla Karadzic 16 aprile 2015 at 18:33

      Purtroppo la segnalazione in CR non verrà cancellata se non dopo 24 mesi dalla data di pagamento dell’ultima rata del piano di rientro. Così anche per quanto attiene la seconda posizione registrata in CR, qualora riuscisse ad ottenere una ristrutturazione del debito posto a sofferenza.

      Mi spiace.

  • alibi58 2 marzo 2015 at 12:12

    Sono segnalto in CAI segmento CARTER per carta non pagata: ho letto che rimango segnalato per due anni. Sono un dipendente pubblico ed ho un conto corrente con FINECO dove verso il mio stipendio e dove pago un prestito personale con loro di 200 euro ed un altro di 250 euro.

    Avevo una carta con loro e mi hanno fatto rientrare con euro 400 mensili; finito il rientro della carta mi hanno fatto fare il rientro del fido con euro 300 mensili.

    In totale io vivo con meno di 100 euro al mese: ho chiesto se era possibile di lasciare almeno il fido e di ridurlo in maniera graduale con 100 o 150 mensili. La risposta è stata che mi stanno agevolando in quanto possono richiede tutto il fido in unica soluzione.

    Chiedo anche se ho una segnalazione in CARTER la banca può lasciarmi non dico tutto il fido ma almeno di 1000 euro, poi chiedo se la segnalazione dura due anni dopo si può richiedere una carta se uno ha pagato, ed inoltre essere segnalati vuole dire perdere il tutto, pensavo di non versare lo stipendio e farmi una carta prepagata con iban, e pagare la FINECO non con quanto stabilito da loro ma con euro 100.

    A cosa vado incontro, premesso che visto che sono segnalato non ho accesso ad alcun prestito se non il quinto cosa che già ho. Possono pignorare la casa per una cifra che va al sotto i 2000 euro?

    • Ludmilla Karadzic 2 marzo 2015 at 12:31

      In teoria, il creditore può pignorare la casa per qualsiasi cifra. Ma visto che lei percepisce uno stipendio, la via più breve per ottenere il rimborso del prestito è il pignoramento dello stipendio.

      Purtroppo, non è lei a poter decidere quanto versare. Potrebbe provare a non pagare più nessuno ed attendere il pignoramento dello stipendio (un quinto della retribuzione per tutti i debiti). Nel caso in cui qualche creditore pazzo decidesse di aggredire la casa, ha sempre il tempo di evitare l’espropriazione con la conversione del pignoramento (si tratta di versare la cifra rivendicata dal creditore prima della vendita all’asta).

      Altre alternative: chiedere un prestito delega (se l’amministrazione in cui lavora lo consente) oppure un prestito garantito da ipoteca sulla casa. Con il ricavato saldare tutti i debiti in corso.

      Ma, la cosa importante è smettere di utilizzare carte di credito e revolving, che comportano interessi pazzeschi e non sono adatte a risolvere situazioni quotidiane di difficoltà.

  • Lorenzo Morini 19 febbraio 2015 at 14:02

    Ho avuto una segnalazione di SOFFERENZA da parte di una finianziaria, il mio direttore di banca mi avvisò immediatamente appena la vide sul suo terminale, mi sono messo in contatto con la Finanziaria in questione ed ho pagato in un unica soluzione tutto il dovuto .

    Tuttavia la segnalazione di sofferenza rimane nei terminali delle banche. Vorrei sapere, con la presente se e’ posssibile richiedere una cancellazione di tale segnalazione anche se risulta RISOLTA .

    • Ludmilla Karadzic 19 febbraio 2015 at 15:36

      In base al tipo di rapporto di credito si registrano tempi di conservazione diversi nelle Centrali rischi per quel che attiene la regolarizzazione delle sofferenze:

      • le richieste di finanziamento vengono conservate per 6 mesi (1 mese in caso di rifiuto o rinuncia al finanziamento) dalla richiesta;
      • le morosità di due rate (o mesi) poi sanate sono visibili per 12 mesi dalla data di regolarizzazione; le morosità superiori a due rate (o mesi) poi sanate sono visibili per 24 mesi dalla data di regolarizzazione;
      • le morosità mai sanate rimangono visibili per 36 mesi dalla scadenza contrattuale o dall’ultimo aggiornamento;

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca