Cartella esattoriale emessa a seguito di controlli automatizzati

“Legittima la cartella di pagamento priva di motivazione, emessa a seguito di un controllo automatizzato, se l’imposta è liquidata sulla base dei dati forniti dal contribuente. In tal caso, infatti, la pretesa impositiva non scaturisce dalla rettifica della dichiarazione, ma direttamente dalla liquidazione della dichiarazione presentata dal contribuente”

. Questo quanto disposto dalla Corte di Cassazione con Ordinanza numero 16983 del 4 agosto 2011.

3 Settembre 2011 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Cartella esattoriale priva di sottoscrizione - la nullità deve essere chiesta dal ricorrente e non può essere rilevata d'ufficio
Nel processo tributario, caratterizzato dall'introduzione della domanda nella forma della impugnazione del'atto tributario per vizi formali o sostanziali, l'indagine sul rapporto sostanziale non può che essere limitata ai motivi di contestazione dei presupposti di fatto e di diritto della pretesa dell'amministrazione, che il contribuente deve specificamente dedurre nel ricorso introduttivo di primo grado. Ne consegue che, laddove il contribuente deduca specifici vizi di invalidità dell'atto impugnato, il giudice deve attenersi all'esame di essi e non può, d'officio, annullare il provvedimento impositivo per vizi diversi da quelli dedotti, anche se risultanti dagli stessi elementi acquisiti al giudizio, in quanto tali ulteriori ...

Ricorso contro la cartella esattoriale se manca la data di consegna del ruolo
Con una recente sentenza la Suprema Corte ha stabilito l'obbligo di indicazione della data di consegna del ruolo al Concessionario all'interno della cartella esattoriale. Tale omissione, infatti, comporta l'illegittimità dell'atto poiché non permette al contribuente di verificare il preciso ammontare degli interessi liquidati (Sentenza Corte Cassazione numero 22997/10). ...

Intimazioni di pagamento della cartella esattoriale – nulle senza l'indicazione del responsabile
Le intimazioni di pagamento sono quegli atti che hanno sostituito gli avvisi di mora e che mantengono lo scopo di riattivare il procedimento di riscossione dei crediti pubblici. Ai sensi dell'articolo 50, DPR 602/1973, infatti, il Concessionario della Riscossione (Equitalia spa) non può iniziare la procedura esecutiva se è decorso più di un anno dalla notifica della cartella di pagamento, ma deve notificare un atto, l'intimazione di pagamento appunto, con cui intima al debitore il pagamento del debito entro i successivi 5 giorni. Soltanto nel caso in cui entro il predetto termine non dovesse essere saldato il dovuto, il Concessionario ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su cartella esattoriale emessa a seguito di controlli automatizzati. Clicca qui.

Stai leggendo Cartella esattoriale emessa a seguito di controlli automatizzati Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 3 Settembre 2011 Ultima modifica effettuata il giorno 18 Luglio 2017 Classificato nella categoria nullità inesistenza illegittimità della cartella di pagamento Inserito nella sezione cartelle esattoriali - cartelle di pagamento

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • utente forum e blog 17 Novembre 2011 at 13:25

    La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n° 16983 del 4 agosto 2011, ha stabilito che la cartella di pagamento, anche se non motivata, è legittima nel caso in cui sia stata emessa in seguito ad un controllo automatizzato, ai sensi dell’articolo 36-bis del D.P.R. 600/1973 (id: imposte dirette) e dell’articolo 54-bis del D.P.R. 633/1972 (id: in materia di Iva).

    Come noto, la cartella di pagamento rappresenta l’atto con cui l’ente impositore mette in esecuzione la pretesa tributaria, donde la necessità della preventiva notifica al soggetto passivo di un avviso di accertamento o di liquidazione.

    Tuttavia, anche la cartella di pagamento, in materia di riscossione delle imposte sui redditi e Iva, può sostituirsi all’atto di accertamento qualora la stessa risulti adeguatamente motivata, alias contenga tutte le indicazioni idonee a consentire al contribuente di apprestare un’efficace difesa.

    Da tempo ormai, con orientamento pressoché unanime e consolidato cui si conforma l’ordinanza in esame, la cartella di pagamento è considerata un vero e proprio atto impositivo di guisa che deve recare una chiara motivazione del perché vengono chieste determinate somme conformemente a quanto previsto dall’art. 7 dello Statuto del contribuente (id: legge 212/2000) che, a sua volta, trova origine nell’art. 3 commi 1 e 2 della legge 241/90.

    Tuttavia, gli Ermellini – con l’ordinanza de qua – hanno statuito che nessuna motivazione alla cartella di pagamento è necessaria quando l’iscrizione a ruolo derivi direttamente dalla dichiarazione presentata dal contribuente.

    Richiamando quanto già enunciato in precedenti sentenze (n.ri 26671/09 e 14414/05), i Giudici di Piazza Cavour hanno chiarito che “in tema di riscossione delle imposte sul reddito, la cartella di pagamento, nell’ipotesi di liquidazione dell’imposta ai sensi del D.P.R. n. 600 del 1973 art. 36 bis, costituisce l’atto con il quale il contribuente viene a conoscenza per la prima volta della pretesa fiscale e come tale deve essere motivata; tuttavia, nel caso di mera liquidazione dell’imposta sulla base dei dati forniti dal contribuente nella sua dichiarazione, nonché qualora vengano richiesti interessi e sovrattasse per ritardato od omesso pagamento, il contribuente si trova già nella condizione di conoscere i presupposti di fatto e le ragioni giuridiche della pretesa fiscale, con l’effetto che l’onere di motivazione può considerarsi assolto dall’Ufficio mediante mero richiamo alla dichiarazione medesima”.

    Tale principio di diritto ben si attaglia alla liquidazione effettuata ai sensi del D.P.R. n. 633 del 1972, art. 54 bis (id: in materia di IVA). In conclusione, secondo i Giudici nomofilattici, solo qualora si ha una rettifica dei risultati della dichiarazione stessa, così da comportare una pretesa ulteriore da parte dell’amministrazione finanziaria, sussiste un’attività impositiva vera e propria, con la conseguenza che la relativa cartella esattoriale va motivata.