Legge 104 - Indennità anche nella tredicesima

La legge prevede il diritto della madre che presta assistenza al proprio bambino con handicap, in situazione di gravità, di fruire di tre giorni di permesso mensile retribuito coperti da contribuzione figurativa.

I contributi figurativi, per chi non lo sapesse, sono contributi accreditati, senza onere a carico del lavoratore. Ad esempio, quando il lavoratore abbia fruito di permessi che comportano l’erogazione di un’indennità a carico dell’Inps a fronte di retribuzioni percepite in misura ridotta.

Per tali permessi, come dicevamo, è dovuta dall’ente previdenziale un’indennità pari all’intero ammontare della retribuzione, che viene anticipata dal datore di lavoro ed è poi portata a conguaglio con gli importi contributivi dovuti.

Ci si chiede se il mancato computo dei permessi ai fini della tredicesima mensilità o gratifica natalizia e delle ferie operi in ogni caso, oppure se operi solo quando essi, in concreto, si cumulino con altri congedi parentali costituiti dall’astensione facoltativa e dai permessi, ad esempio, per le malattie del bambino.

Una lettura sistematica delle disposizioni vigenti e coerente con la finalità e la disciplina generale della normativa di tutela per le situazioni di handicap convince dell’incidenza della limitazione in questione nella sola circoscritta fattispecie in cui i permessi si cumulino effettivamente con il congedo parentale ordinario e con il congedo per la malattia del figlio.

Il congedo parentale, infatti, può essere richiesto per un lasso di tempo ampio, tale da determinata una significativa sospensione della prestazione lavorativa, a differenza dei permessi, sicuramente incidenti in misura limitata. Inoltre, come già indicato dagli Ermellini nella sentenza numero 688/2014, nel caso dell’astensione facoltativa spetta un’indennità inferiore alla normale retribuzione, mentre per chi presta assistenza ai portatori di handicap grave l’indennità si commisura alla retribuzione intera.

In conclusione, la sezione lavoro della Corte di cassazione, con la sentenza numero 15435/14, evidenzia come ragioni di coerenza con la funzione dei permessi e con i principi indicati impongano un’interpretazione della disposizione maggiormente idonea a evitare che l’incidenza sull’ammontare della retribuzione possa fungere da aggravio della situazione economica dei congiunti del portatore di handicap, finendo per disincentivare l’utilizzo del permesso stesso.

9 Luglio 2014 · Ornella De Bellis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assistenza al familiare portatore di handicap - La convivenza non presuppone la coabitazione
In tema di assistenza al familiare portatore di handicap, il concetto di convivenza non può essere ritenuto coincidente con quello di coabitazione poiché in tal modo si darebbe un'interpretazione restrittiva della disposizione che, oltre che arbitraria, sembra andare contro il fine perseguito dalla norma di agevolare l'assistenza degli handicappati, per cui sarebbe incomprensibile escludere dai benefici previsti dalla legge il lavoratore che conviva costantemente, ma limitatamente ad una fascia oraria della giornata, con il familiare handicappato al fine di prestargli assistenza in un periodo di tempo in cui, altrimenti, di tale assistenza rimarrebbe privo. In altri termini, la prestazione di ...

Indennità per assistenza figlio disabile grave - E' pignorabile?
Indennità per assistenza figlio disabile per tre anni pagata dall'INPS al 30% (permessi legge 104/92), è pignorabile? ...

Il genitore o il familiare che assiste con continuità un parente o un affine disabile convivente ha diritto a scegliere la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio
La legge dispone che il genitore o il familiare lavoratore, con rapporto di lavoro pubblico o privato, che assista con continuità un parente o un affine entro il terzo grado handicappato, con lui convivente, ha diritto a scegliere, ove possibile, la sede di lavoro più vicina al proprio domicilio e non può essere trasferito senza il suo consenso ad altra sede. La facoltà di scelta non è limitata al momento di assunzione, potendo anzi essere compiuta, alle condizioni previste, anche in costanza di rapporto, come si evince dalla esplicita tutela dal trasferimento imposto. Come insegna la giurisprudenza di legittimità, infatti, ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su legge 104 - indennità anche nella tredicesima. Clicca qui.

Stai leggendo Legge 104 - Indennità anche nella tredicesima Autore Ornella De Bellis Articolo pubblicato il giorno 9 Luglio 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 4 Agosto 2017 Classificato nella categoria agevolazioni fiscali per i disabili ed agevolazioni ex legge 104 Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)