Mutuo - Spese rilevabili dall'Indicatore Sintetico di Costo - ISC

Queste spese accessorie al mutuo aggravano il costo complessivo del mutuo e ne rendono più difficile la valutazione. Allo scopo di fare chiarezza, le banche forniscono al cliente - e il cliente ha il diritto di ottenere prima della stipulazione del contratto l'Indicatore Sintetico di Costo (I.S.C), che deve essere riportato sul foglio informativo e sul prospetto E.S.I.S.

Si tratta di un indice calcolato in conformità al Tasso Annuo Effettivo Globale (TAEG), che fornisce in termini percentuali il costo effettivo, rappresentato cioè da un tasso che tiene conto, oltre che del tasso nominale degli interessi, anche delle spese accessorie del mutuo ed in genere di tutti gli altri oneri da sostenere per utilizzare il credito.

Con tale indice il cliente dovrebbe essere in grado di confrontare su base omogenea il costo reale dei mutui proposti dalle varie banche, almeno per i mutui a tasso fisso. Per le altre tipologie di mutuo, e segnatamente per i mutui a tasso variabile, sarà necessario esaminare il tasso a regime e lo spread (ovviamente oltre all'importo delle spese aggiuntive e degli oneri accessori).

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca