Le norme su successioni ed eredità

Quando lo zio d’America passa a miglior vita, oltre a qualche lacrima si iniziano a fare i conti sull’ipotetica eredità che ci ha lasciato. Ma in Italia il tema delle successioni è molto complesso e legato a criteri antichi, adatti per regolare le società di un tempo. La normativa ruota intorno ad un punto imprescindibile: la tutela degli eredi necessari. Un fattore questo che pone un limite alla stessa volontà del “de cuius”. E’ quasi impossibile infatti cancellare i diritti di moglie e figli mentre la legge nulla dice sui diritti delle persone conviventi e delle famiglie di fatto.

Ma quali sono i beni soggetti a tassazione in caso di successione? Immobili, obbligazioni -con esclusione dei titoli di stato- azioni, partecipazioni in società, quote di fondi comuni, crediti, beni mobili e denaro contante.

L’imposta di successione, abolita nel 2001, è stata reintrodotta nel 2006 e in seguito modificata con le finanziarie degli ultimi 2 anni. In particolare, una delle novità inserite nell’ultima manovra riguarda l’esenzione anche per i coniugi, oltre che per i figli, dall’imposta di successione per il passaggio di imprese.

Ma veniamo ai costi. Nella prassi, la gran parte delle famiglie italiane non si troverà a pagare molto. Infatti, nelle successioni tra coniugi, oppure tra padre e figlio o nonno e nipote, vengono colpiti solo i patrimoni di una certa rilevanza, grazie alla maxi-franchigia di un milione di euro per erede. In sostanza per eredità inferiori al milione non è dovuto nessun importo.

Se ad ereditare il bene sono invece fratelli o sorelle, l’imposta sarà più gravosa poiché la franchigia è di soli 100 mila euro per erede. In altri casi, come nelle successioni tra zio e nipote o tra conviventi, il conto si fa ancora più salato.

Anche le aliquote variano in base al grado di parentela: si va dal 4% per coniuge e parenti in linea retta, al 6% per i fratelli e parenti fino al 4° grado come cugini, zii o nipoti, fino all’8% per gli altri soggetti, ad esempio il convivente. Discorso a parte per quanto riguarda gli immobili: l’aliquota totale è del 3% oppure si paga un forfait di 336 euro se la casa ereditata diventa la prima casa.

Per fare una domanda su beni e debiti nelle eredità, sulle procedure giudiziali ed extragiudiziali di recupero crediti, sul recupero crediti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

6 Luglio 2008 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Debiti tributari ed accettazione dell'eredità
In tema di obbligazioni tributarie, grava sull'Amministrazione finanziaria creditrice del de cuius l'onere di provare l'accettazione dell'eredità da parte del chiamato, per potere da lui esigere l'adempimento dell'obbligazione del defunto. Tale onere non può essere assolto con la produzione della sola denuncia di successione, mentre è idoneamente adempiuto con la produzione degli atti dello stato civile, dai quali è dato coerentemente desumere quel rapporto di parentela con il de cuius che legittima alla successione, o di qualsiasi altro documento dal quale possa, con pari certezza, desumersi la sussistenza di detta qualità. Costituisce, invece, onere degli eredi produrre l'eventuale atto di ...

Le imposte di successione, ipotecaria e catastale che bisogna pagare se si eredita un immobile
Coloro che ricevono in eredità beni immobili e diritti reali immobiliari hanno l'obbligo di presentare la dichiarazione di successione e pagare, se dovuta, l'imposta di successione. L'imposta di successione è calcolata dall'ufficio, in base alla dichiarazione presentata e previa correzione di eventuali errori materiali e di calcolo commessi dal dichiarante nella determinazione della base imponibile. L'importo eventualmente dovuto è notificato al contribuente attraverso un avviso di liquidazione. Per gli immobili di proprietà la base imponibile per il calcolo dell'imposta è costituita dalla loro rendita catastale (rivalutata del 5%) moltiplicata per uno dei seguenti coefficienti: 110, per la prima casa; 120, ...

Rinuncia all'eredità - Si può sempre accettare successivamente
L'atto di rinuncia all'eredità deve essere rivestito di forma solenne (dichiarazione resa davanti a notaio o al cancelliere e iscrizione nel registro delle successioni). E' escluso che la rinuncia all'eredità possa essere fatta mediante scrittura privata autenticata. La rinuncia all'eredità non fa venir meno la delazione (cioè la messa a disposizione del patrimonio del defunto) al chiamato e non è, pertanto, ostativa alla successiva accettazione, che può essere anche tacita, allorquando il comportamento del rinunciante risulti incompatibile con la volontà di non accettare l'eredità. Infatti, l'articolo 525 del codice civile dispone che fino a quando il diritto di accettare l'eredità ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le norme su successioni ed eredità. Clicca qui.

Stai leggendo Le norme su successioni ed eredità Autore Paolo Rastelli Articolo pubblicato il giorno 6 Luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 30 Novembre 2016 Classificato nella categoria successione eredità e donazioni - nozioni generali collazione riduzione donazioni e disposizioni testamentarie lesive quota legittima Inserito nella sezione successione donazione rinuncia eredità

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)