Condominio – Le delibere e i lavori assembleari

Constatato la regolarità di convocazione dell’assemblea e che l’assemblea può deliberare,si nomina un presidente che a sua volta incarica il verbalizzante.

Il verbale dell’assemblea dovrebbe essere redatto nel corso della riunione e sottoscritto dal presidente e dal segretario subito dopo la sua conclusione. Delibere importanti, per le quali è richiesta l’unanimità, richiedono la firma di tutti i condomini ( per es. accordi contrattuali che eccedono l’ordinaria amministrazione). È buona uso rileggere il verbale prima dello scioglimento dell’assemblea.

Se l’assemblea in prima convocazione non può deliberare , occorre annotarlo nel libro verbale, anche per dare validità alla seconda convocazione con le relative maggioranze previste. Il verbale dell’assemblea deve in ogni caso inviato ai condomini assenti. Gli assenti
possono impugnare le delibere entro 30 giorni dal giorno della comunicazione.

Nel verbale deve essere indicato data, ora, luogo e ordine del giorno. Per ogni deliberazione devono essere indicati con precisione oltre i nome dei proprietari presenti con i rispettivi millesimi di proprietà, i nomi dei condomini che hanno espresso voto favorevole, dei contrari e degli astenuti, anche per consentire una verifica della regolarità della votazione in casi di contestazione.

Ogni partecipante ha diritto di esigere che vengano messe a verbale le sue dichiarazioni, richieste, osservazioni, purché attinenti a fatti inerenti alla seduta. La mancata registrazione nel verbale comporta il diritto di impugnazione ai sensi dell’articolo 1137 cod. civ.

Chi, in sede d’impugnazione, contesta la non rispondenza a verità di quanto risulta dal verbale, ha l’onore di dimostrarlo.

In prima convocazione l’assemblea è regolarmente costituita se sono presenti i due terzi dei condomini, che rappresentino anche i due terzi del valore dell’edificio (666,66 millesimi).
In seconda convocazione occorre la presenza di un terzo dei condomini in rappresentanza di almeno un terzo del valore dell’edificio (333,33 millesimi). Maggioranze qualificate sono richieste anche in seconda convocazione per delibere di particolare importanza.
I proprietari di più unità immobiliari (abitazioni , uffici o negozi) contano come una persona sola, i millesimi delle parti immobiliari invece vengono sommate.

A prescindere dalla prima e seconda convocazione, per la nomina dell’amministratore, per resistere in sede di giudizio e per lavori di straordinaria manutenzione è richiesto sempre il voto favorevole della maggioranza dei presenti condomini (50 % + 1) che rappresentano almeno 500 millesimi di proprietà.

2 Luglio 2008 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Le maggioranze assembleari più importanti
Le maggioranze assembleari più importanti sono di seguito elencate: per la nomina, la conferma o revoca dell'amministratore: in prima e seconda convocazione: la maggioranza degli intervenuti che rappresentano almeno la metà del valore dell'edificio; per la costituzione di diritti reali sull'immobile è necessario il consenso scritto di tutti i condomini; per la eliminazione delle barriere architettoniche: - in prima convocazione: la maggioranza dei presenti e 500 millesimi; - in seconda convocazione: un numero di voti che rappresenti il terzo dei condomini almeno 333,33 millesimi di proprietà dell'edificio; per innovazioni (articolo 1120 - codice civile): - in prima e seconda convocazione ...

Le modalità di decisione e le maggioranze previste per le deliberazioni assembleari
(Articolo 1136 Codice Civile) Le maggioranze previste per le deliberazioni assembleari sono di tre tipi: la maggioranza dei voti espressi dagli intervenuti; la maggioranza dei condomini partecipanti; la maggioranza di valore espresso in millesimi di proprietà. Perché una deliberazione sia valida, sono previste caso per caso diverse maggioranze. Per il diritto di voto vale il principio una testa - un voto, secondo il quale ogni proprietario ha diritto ad un solo voto. Questo vale anche quando una unità immobiliare e divisa fra più proprietari (per es. coniugi). In questo caso ai coniugi spetta un voto solo che può essere esercitato ...

Delibere condominiali nulle ed annullabili - Decadenza dei termini di impugnazione
In materia di condominio vige il principio dell'esecutività della deliberazione dell'assemblea, che consente la temporanea esigibilità, senza pregiudizio del definitivo accertamento dei debiti qualora penda altra impugnazione della stessa delibera o di un atto presupposto, e la delibera non sia stata sospesa. Sono impugnabili in ogni tempo, unitamente al decreto ingiuntivo emesso sulla base di una delibera assembleare, le delibere nulle. Sono invece inammissibili le impugnazioni avverso delibere annullabili. In via generale debbono qualificarsi nulle le delibere dell'assemblea condominiale prive degli elementi essenziali, le delibere con oggetto impossibile o illecito (contrario all'ordine pubblico, alla morale o al buon costume), le ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su condominio – le delibere e i lavori assembleari. Clicca qui.

Stai leggendo Condominio – Le delibere e i lavori assembleari Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 2 Luglio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria il condominio

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)