Le azioni che il creditore può mettere in atto nei confronti del debitore

Le azioni che, tipicamente, il creditore può mettere in atto sono:

a) pignoramento presso la residenza del debitore e/o la bottega artigiana;

b) pignoramento di crediti presso terzi (dei pagamenti che devono esserle corrisposti per la sua attività, laddove lei risulta creditore);

c) ipoteca e successiva espropriazione della casa di proprietà;

d) impossibilità di accedere a nuovi finanziamenti.

La discussione continua in questo forum.

Per porre una domanda su debiti e sovraindebitamento, accedi al forum.

18 Settembre 2010 · Chiara Nicolai

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

Il creditore può avviare contemporaneamente più azioni esecutive nei confronti del debitore
Il creditore può valersi cumulativamente dei diversi mezzi di espropriazione forzata previsti dalla legge, ma, su opposizione del debitore, il giudice dell'esecuzione, con ordinanza non impugnabile, può limitare l'espropriazione al mezzo che il creditore sceglie o, in mancanza, a quello che il giudice stesso determina (articolo 483 del codice di procedura civile). Anche la Suprema Corte (sentenza 6019/2017) ha ribadito che l'azione esecutiva può esplicarsi anche nella contemporanea aggressione, in forza di un unico titolo esecutivo, di diversi beni del medesimo debitore, senza dover attendere che il processo di espropriazione aperto dal primo pignoramento si concluda, atteso che il diritto ...

cartella da 9800 euro - equitalia può mettere ipoteca su casa in comproprietà?
L'ipoteca sulla casa può essere iscritta e l'azione esecutiva di espropriazione avviata per debiti superiori ad 8 mila euro. La comproprietà non costituisce un ostacolo all'espropriazione. La casa può essere venduta all'asta ed al comproprietario assegnata la metà del ricavato. Può essere iscritta ipoteca secondaria in aggiunta a quella già esistente a garanzia del mutuo. Se c'è capienza (valore presumibile di vendita all'asta dell'immobile superiore ai debiti complessivi garantiti) anche il creditore garantito da ipoteca secondaria avrà interesse ad avviare il pignoramento. ...

Eredità e debiti - rinuncia con beneficio di inventario e altre azioni esecutive nei confronti del debitore erede
A seguito della risposta precedente: come fa la banca a intraprendere una riscossione coattiva dell'eredità spettante al debitore? Come viene informato il creditore dell'eredità del debitore? E, nel caso intervenisse un decreto ingiuntivo presso terzi (il datore di lavoro) per il pignoramento di un quinto dello stipendio, il creditore potrebbe ancora rifarsi sull'eredità o sul fondo pensione versato al fondo di previdenza complementare? Mi spiego meglio: Ho un debito di 60 mila euro con la banca. Il tribunale decide che devo pagare ogni mese 300 euro. Il che significherebbe 3600 euro all'anno e 36 mila euro dopo 10 anni; supponiamo ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su le azioni che il creditore può mettere in atto nei confronti del debitore. Clicca qui.

Stai leggendo Le azioni che il creditore può mettere in atto nei confronti del debitore Autore Chiara Nicolai Articolo pubblicato il giorno 18 Settembre 2010 Ultima modifica effettuata il giorno 12 Dicembre 2016 Classificato nella categoria recupero crediti - domande e risposte

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)