Il gioco diventa un bisogno irrefrenabile cui si accompagna una forte tensione emotiva ed un'incapacità totale di elaborare un pensiero logico

Il gioco diventa un bisogno irrefrenabile cui si accompagna una forte tensione emotiva ed un'incapacità totale di elaborare un pensiero logico. Come per un ubriaco, il tempo rimane sospeso e il cervello inibito e capace di pensare solo al denaro. Diventare un giocatore patologico può dipendere da molti fattori: da quelli biologici, a quelli educativi e psicologici.

Questi ultimi connessi spesso alla presenza di tratti di personalità lussuriosa e avara di denaro, o al bisogno di riuscire a domostrare un controllo sul fato e sul caso. Sono spesso le persone con problemi depressivi a cadere nella trappola del gioco che crea un'illusoria ma appagante autostima oltre a sviluppare un senso di appartenenza nel momento di condivisione al tavolo verde.

Ma si sa, arrivare all'eccesso porta ad eccessive conseguenze. Nei malati di G.A.P. infatti, si sviluppano una serie di patologie croniche che vanno dai più «semplici» disturbi dell'umore, a deficit di attenzione e iperattività fino al suicidio. Guarire dalla dipendenza da gioco è difficile e per intervenire è necessaria la presa di coscienza del giocatore, proprio come il tossicodipendente.

Quella presa di coscienza che lo spinge a chiedere aiuto e a ricorrere a terapie farmacologiche e di gruppo con la partecipazione dei familiari. Sono diverse le associazioni attive in questo senso tra cui la «Giocatori anonimi», l'«Alea» e la «Mirimettoingioco».

Per resistere alla tentazione intanto si potrebbe tenere a mente quello che sul gioco diceva Einstein, ovvero che «non puoi battere un tavolo da roulette, a meno che non rubi i soldi da questo». Parola di scienziato!

di Alessandra Farias

4 settembre 2008 · Patrizio Oliva

Offri il tuo contributo alla visibilità di indebitati.it

Ti chiediamo di contribuire ad accrescere la visibilità di indebitati.it cliccando su una delle icone posizionate qui sotto: per condividere, con un account Facebook, Google+ o Twitter, il contenuto di questa pagina oppure per iscriverti alla newsletter o al feed della comunità. Qualora lo preferissi, puoi seguirci sui social cliccando qui. Un grazie, per la tua attenzione, dallo staff.

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca