L'azzardo non è un «vizio», ma una vera malattia difficile da diagnosticare e curare




» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo


Tolleranza, dipendenza e astinenza, stessi sintomi della droga, ma nessuno stupefacente: è la «febbre» da gioco, così diffusa da essere diventata in pochi anni oggetto di studio in psicologia e psichiatria. Tutti d’accordo nel distinguere il giocatore d’azzardo dal giocatore patologico ossessivo-compulsivo.

Per quest’ultimo infatti il gioco non è un «vizio», ma una vera e propria malattia autodistruttiva, scientificamente chiamata G.A.P (gioco d’azzardo patologico). Molti sono i segnali per riconoscere questa nuova forma di dipendenza e vanno dalla continuità nell’attività di gioco, alla perdita delle relazioni importanti fino alla richiesta di prestiti esorbitanti ad amici e parenti.

4 Settembre 2008 · Patrizio Oliva



» Vai all'indice dei contenuti dell'articolo completo



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Cosa sto leggendo

Stai leggendo L'azzardo non è un «vizio», ma una vera malattia difficile da diagnosticare e curare Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 4 Settembre 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)