Indice del post lavoro nero ed irregolare: ecco come difendersi. la guida completa

La guida completa sul lavoro in nero, irregolare e parzialmente irregolare: scopriamo le particolarità di questa pratica molto diffusa nel nostro paese, portando il cittadino ad imparare a difendersi, grazie alla conoscenza dei suoi principali diritti in questo ambito. Il lavoro sommerso, nel gergo quotidiano in nero o irregolare, nella sua definizione più semplicistica è inteso come qualsivoglia lavoro svolto senza rispetto delle leggi di tutela del lavoratore. Già dagli innumerevoli sinonimi utilizzati si capisce come questo fenomeno sia diffuso nel nostro Paese e come negli anni abbia fondato radici sempre più solide nella nostra economia. Esistono però settori [ ... leggi tutto » ]

Cerchiamo di chiarire il primo aspetto fondamentale della questione: ecco quando un lavoratore è in nero, è irregolare o parzialmente irregolare. La prima domanda sorge spontanea: quando un lavoratore è in nero? Sei un lavoratore in nero quando svolgi una qualsiasi prestazione lavorativa, in qualunque ambito (a meno che non sia un'azienda familiare, di volontariato o in stage) e sei privo di un contratto di lavoro (o di un contratto per fornire un servizio, per esempio se hai una "partita IVA"). Non hai quindi una busta paga (o non fornisci fattura), vieni pagato in contanti e per le autorità [ ... leggi tutto » ]

Spesso capita di essere imbrogliati e derubati perché non si è a conoscenza dei propri diritti sul lavoro: le leggi sono complicate, ma non ammettono ignoranza, come dire che seppure avevi ragione, ma non lo sapevi, sono problemi tuoi. Cosa è possibile fare in questi casi? Si può sempre fare una causa di lavoro, assistiti dal sindacato, benché i tempi siano lunghi. Ma per chiarire bene le cose conviene cominciare dal principio. Salvo rare eccezioni si può dire che l'assunzione deve sempre essere comunicata all'INPS e all'INAIL (e ai centri per l'impiego, l'ex collocamento) entro 5 giorni dall'inizio del [ ... leggi tutto » ]

Se riceviamo tutti i mesi la busta paga non vuol dire che il datore non stia facendo il furbo: cerchiamo di capire, allora, le varie voci che compongono la busta paga, per accertarci che stiamo prendendo lo stipendio che ci spetta. All'interno del documento, che ogni mese il datore ti deve consegnare, compaiono mensilmente gli elementi che corrispondono agli obblighi che il datore deve assolvere e che sono: retribuzioni tasse contribuzioni previdenziali. La retribuzione, ovvero quanto il lavoratore percepisce ogni mese. Essa è costituita da una parte fissa ed una variabile. Il fisso dello stipendio è costituito dalla paga [ ... leggi tutto » ]

24 settembre 2015 · Gennaro Andele

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Lavoratore assegnato a mansioni inferiori rispetto a quelle poi riconosciute in sede giudiziale - Il datore di lavoro è tenuto al pagamento anche della quota di adeguamento contributivo a carico del dipendente
Il datore di lavoro è responsabile del pagamento dei contributi anche per la parte a carico del lavoratore; qualunque patto in contrario è nullo. Il contributo a carico del lavoratore è trattenuto dal datore di lavoro sulla retribuzione corrisposta al lavoratore stesso alla scadenza del periodo di paga a cui ...
Omissione contributiva - il datore di lavoro è tenuto anche al versamento della quota a carico del dipendente
Nel caso di omissione del versamento o dell'adempimento tardivo dei contributi previdenziali ed assistenziali dovuti dal datore di lavoro, quest'ultimo resta tenuto al pagamento dei contributi o delle parti di contributi non versate, tanto per la quota a proprio carico che per la quota a carico del lavoratore. Il datore ...
Invalidità del patto di prova fra lavoratore e datore di lavoro
La causa del patto di prova va individuata nella tutela dell'interesse comune alle due parti del rapporto di lavoro, in quanto diretto ad attuare un esperimento mediante il quale sia il datore di lavoro che il lavoratore possono verificare la reciproca convenienza del contratto, accertando il primo le capacità del ...
Recupero crediti di lavoro per differenze retributive - legittimo pretendere gli importi delle ritenute versate dall'azienda prima del pignoramento
In tema di recupero dei crediti di lavoro per differenze retributive, è legittimo il pignoramento attivato dal lavoratore per ottenere l'importo delle ritenute già versate all'erario prima della notifica dell'atto. Per giurisprudenza consolidata, infatti, l'accertamento e la liquidazione del credito spettante al lavoratore per differenze retributive devono essere effettuati al ...
La natura giuridica del rapporto di lavoro - differenze fra lavoro autonomo e lavoro subordinato
La giurisprudenza, intervenendo sul tema della dibattuta questione relativa alle differenze tra lavoro autonomo e lavoro subordinato ha offerto una soluzione che può, nei principi, ormai dirsi consolidata. L'elemento essenziale di differenziazione tra lavoro autonomo e lavoro subordinato consiste nel vincolo di soggezione del lavoratore al potere direttivo, organizzativo e ...

Spunti di discussione dal forum

Denuncia proprietario per affitto in nero – Cosa rischio io?
A causa di condizioni economiche non favorevoli, ed al fine di risparmiare un bel po', ho accettato di prendere in affitto un appartamento, senza che io o il proprietario registrassimo il contratto, praticamente, in nero: ora, però, più volte mi è stato aumentato il canone, con preavviso minimo, ed io…
Avviso di addebito inps per contributi non versati da socio di srl che lavora per l’azienda
Oggi mi è arrivata con raccomandata un avviso di addebito da parte dell'INPS e di Equitalia come agente della riscossione, per contributi non versati a me stesso dal 01/2015 al 12/2015 per un importo di 1925,63 euro. La mia società srl di cui io faccio parte al 35% gestisce un…
Disoccupato da 7 anni con indennità per un anno – Ho diritto al Rei (reddito povertà)?
Sono ufficialmente disoccupato dal 2010 per licenziamento per giusta causa, ho eseguito qualche lavoro in nero, ed ho usufruito della disoccupazione ordinaria per 1 anno, nel 2011. Ho appena compiuto 60 anni e vivo da solo. Vorrei sapere se posso beneficiare del reddito d'inclusione per la povertà.
Cessione del quinto dello stipendio – Il nuovo datore di lavoro è obbligato ad operare la trattenuta?
Forse non mi sono spiegato bene: il mio datore mi ha fatto vedere la lettera di notifica e poi con quella sono andato da un avvocato per chiedere consiglio e costui mi ha invitato a continuare a far pagare il mio datore di lavoro ed è li che mi è…
Carta di credito emessa da banca spagnola – Possono bloccarne l’utilizzo irregolare in Italia?
Da poco sono rientrato in Italia dopo un periodo in Spagna, e purtroppo sono stato costretto ad utilizzare una carta di credito spagnola per questioni di sopravvivenza, che ora non riesco a pagare non avendo ancora trovato lavoro. L'importo di un migliaio di euro può portare a segnalazioni al CRIF…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post lavoro nero ed irregolare: ecco come difendersi. la guida completa. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Lavoro nero ed irregolare: ecco come difendersi. La guida completa Autore Gennaro Andele Articolo pubblicato il giorno 24 settembre 2015 Ultima modifica effettuata il giorno 4 agosto 2017 Classificato nella categoria evasione ed elusione fiscale e contributiva - reati tributari ed abuso del diritto Inserito nella sezione lavoro, pensioni, famiglia separazione e divorzio, Isee.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Vuoi fare una domanda?