Lavoro – Lavoro autonomo

Che cos’è il lavoro autonomo?

È un rapporto di lavoro per il quale una persona si impegna a compiere, verso corrispettivo, un’opera o un servizio, con lavoro proprio e senza vincolo di subordinazione nei confronti di un committente. Il lavoro autonomo può essere esercitato con o senza partita IVA.

Quali limiti incontra il lavoratore autonomo?

Il lavoratore autonomo gestisce autonomamente la propria attività, godendo di piena discrezionalità in merito all’impiego del tempo, al luogo e al modo di organizzazione della stessa (naturalmente nei limiti imposti dal contratto o dalla natura dell’opera).

Dove posso rivolgermi per aprire una partita IVA?

All’Agenzia delle Entrate competente per territorio, entro 30 giorni dall’inizio dell’attività o dalla costituzione della società. L’apertura di partita IVA è gratuita.

7 Gennaio 2009 · Antonio Scognamiglio

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Argomenti correlati: 

Approfondimenti

La natura giuridica del rapporto di lavoro - differenze fra lavoro autonomo e lavoro subordinato
La giurisprudenza, intervenendo sul tema della dibattuta questione relativa alle differenze tra lavoro autonomo e lavoro subordinato ha offerto una soluzione che può, nei principi, ormai dirsi consolidata. L'elemento essenziale di differenziazione tra lavoro autonomo e lavoro subordinato consiste nel vincolo di soggezione del lavoratore al potere direttivo, organizzativo e disciplinare del datore di lavoro, da ricercare in base ad un accertamento esclusivamente compiuto sulle concrete modalità di svolgimento della prestazione lavorativa, anche in considerazione della posizione debole di uno dei contraenti, che potrebbe essere indotto ad accettare una qualifica del rapporto diversa da quella reale, pur di garantirsi un ...

Naspi e lavoro autonomo parasubordinato o subordinato svolto durante il periodo in cui si percepisce l'indennità di disoccupazione
Ho un contratto da docente che scadrà il 30 giugno: contemporaneamente ho in essere un contratto parasubordinato con scadenza 30 settembre 2020 (reddito 2000 euro) e uno come lavoratore autonomo che scade il 4 ottobre 2020 (reddito 1800 euro). Al termine del contratto a scuola (dipendente), vorrei richiedere la naspi, però verrà decurtata se ho in essere contratti da lavoro autonomo e parasubordinati. Perciò vi chiedo: visto che il termine per richiedere la Naspi è di 128 giorni, sarebbe per me meglio richiederla a ottobre, quindi dopo che entrambi i contratti di lavoro autonomo e parasubordinato saranno terminati? In questo ...

Pignoramento di stipendi e provvigioni per lavoro autonomo e lavoro subordinato
Per quanto riguarda il pignoramento presso terzi delle somme erogate come corrispettivo per la prestazione, è dirimente la tipologia del rapporto di lavoro in essere: autonomo o subordinato. In generale, il pignoramento presso terzi è regolato dall'articolo 545 del codice di procedura civile e, per debiti verso la P.A., dall'articolo 3, comma 5 del DL 2 maggio 2012, numero 16. La giurisprudenza si è poi occupata, con le sentenze della Corte di Cassazione numero 4584 del 22 aprile 1995 e numero 5692 del 24 maggio 1995, di disciplinare il pignoramento presso terzi in presenza di crediti con origine, o aventi ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su lavoro – lavoro autonomo. Clicca qui.

Stai leggendo Lavoro – Lavoro autonomo Autore Antonio Scognamiglio Articolo pubblicato il giorno 7 Gennaio 2009 Ultima modifica effettuata il giorno 19 Giugno 2016 Classificato nella categoria immigrazione e integrazione

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)