Lavoratore a contratto part-time con diversi debiti

Diversi debiti con diverse società

Sono un lavoratore subordinato con contratto part-time al 75%, a tempo indeterminato, ho 60 anni e vi scrivo perché ho diversi debiti con diverse società.

Nello specifico: Compass 39.000 euro, Neos Finance 19.000, Unicredit 2.000. Attualmente sommando le rate pago o per meglio dire, dovrei pagare, 1257 euro ( Compass: € 490; Neos: € 507; Unicredit € 260 ) .

La mia retribuzione è di 1.170 euro mensili, ho una moglie casalinga ed un figlio studente universitario di 23 anni a carico.

Del nucleo famigliare fanno parte altri due figli, lavoratori dipendenti gravati anche loro da prestiti. Ho avuto numerosi ritardi con tutte e tre le banche, nello specifico con la compass sono indietro di due rate più interessi ed hanno minacciato la decadenza del contratto, con Unicredit sono già arrivato a livello legale, cioè siamo in fase di recupero crediti, mentre Neos ha affidato la pratica ad uno studio legale e sono 8 mesi indietro con il pagamento delle rate stabilite dallo stesso ufficio.

Credo che la mia situazione sia chiara, non ho dove sbattere la testa non posso più pagare, Ho provato a mettere in vendita la casa ma al momento il mercato è fermo.

Cosa mi consigliate, cosa posso fare ? Scusate se mi sono dilungato ma volevo mettere bene in chiaro la mia situazione.

Dovrebbe rendere più complessa ed onerosa, per il creditore, la eventuale procedura di pignoramento ed espropriazione della casa

A parte il mercato fermo, dovrebbe rendere più complessa ed onerosa, per il creditore, la eventuale procedura di pignoramento ed espropriazione della casa, costituendo su di essa diritti di abitazione od usufrutto. Prima che le vengano notificati atti esecutivi.

Ad esempio donando (anche se c'è sempre il rischio di revoca) la nuda proprietà ai figli e riservando a lei (debitore) l'usufrutto vitalizio (che è ipotecabile, pignorabile ed espropriabile.  ma non può condurre alla vendita all'asta del bene).

Oppure (si tratta solo di un esempio) nel caso in cui vi fossero dissapori ormai conclamati con sua moglie, la separazione legale con assegnazione al coniuge non debitore  della casa coniugale comporterebbe la costituzione di un diritto di abitazione che potrebbe essere opposto a terzi, rendendo pressochè impossibile la collocazione del bene in sede d'asta, in un mercato immobiliare già di per sè asfittico.

A questo punto, il creditore potrebbe accontentarsi dell'iscrizione di ipoteca sull'immobile e del pignoramento del suo stipendio, nella misura massima del 20%.

Per lei sarebbe la salvezza.

11 settembre 2012 · Ludmilla Karadzic

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Comunione fra coniugi - immobile espropriato anche se il debito è stato contratto da uno solo
Secondo il Tribunale di Potenza (sentenza 662/2013) può essere disposta la vendita dell'immobile in comunione legale fra i coniugi, anche se il debito è stato contratto da uno solo. Inoltre, è irrilevante che dopo la trascrizione del pignoramento sia intervenuta la separazione dei beni. Infatti, a differenza di quanto accade ...
Trascrizione della donazione effettuata prima di quella del pignoramento » I beni del debitore sono intoccabili
In caso di trascrizione della donazione precedente a quella del pignoramento, il debitore che ha salvato il proprio patrimonio immobiliare non risponde di alcun reato nei confronti del creditore. Secondo la normativa vigente, i beni sottoposti a pignoramento, di regola, non possono essere toccati dal debitore. Non possono essere venduti, ...
Separazione personale - il coniuge superstite perde il diritto di abitazione
Com'è noto, al coniuge è riservata, a titolo di legittima, una quota pari alla metà del patrimonio dell'altro, salve le disposizioni dettate in caso di concorso con i figli, le quali prevedono in favore del coniuge la riserva della quota di un terzo, in caso di un solo figlio, e ...
Comunione legale » Che succede se il creditore espropria un bene ai coniugi?
In sede di comunione legale, nel caso di esecuzione forzata, come ad esempio un pignoramento, e vendita di uno dei beni divisi tra coniugi, il consorte non debitore ha diritto ad ottenere la metà della somma ricavata dalla vendita. I beni della comunione legale dei coniugi, infatti, possono essere espropriati ...
Casa coniugale » Dopo la separazione l'assegnazione è opponibile al compratore per nove anni
Il coniuge separato oppone all'acquirente l'assegnazione della casa coniugale per nove anni dal provvedimento del giudice. Infatti, Ai sensi dell'articolo 6, comma 6, della legge 1 dicembre 1970, numero 898 (nel testo sostituito dall'articolo 11 della legge 6 marzo 1987, numero 74), applicabile anche in tema di separazione personale, il ...

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su lavoratore a contratto part-time con diversi debiti. Clicca qui.

Stai leggendo Lavoratore a contratto part-time con diversi debiti Autore Ludmilla Karadzic Articolo pubblicato il giorno 11 settembre 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 3 gennaio 2018 Classificato nella categoria consigli e tutela del debitore - eredità successione e donazioni - domande e risposte .

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Cerca