Latina, microcredito sociale: accordo tutto al femminile per il credito alle donne

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento, oppure qui o consultando questa sezione.

l Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Latina, da tempo impegnato nell'assistenza alle donne per favorire lo sviluppo socio economico del territorio provinciale, ha siglato con la Fondazione Risorsa Donna, di Roma, un accordo per agevolare l'accesso al credito alle donne.

Il protocollo, siglato dalla Presidente del Comitato Stefania Petrianni e dalla Presidente della Fondazione Paola Barbieri, prevede la divulgazione e l'implementazione del microcredito sociale come strumento innovativo di educazione alla gestione del risparmio e opportunità di formazione e di crescita anche personale per soggetti in difficoltà nell'accesso al credito che intendono, singolarmente o in associazione tra loro, sviluppare attività economiche o progetti finalizzati all'occupabilità.
“Il microcredito sociale - spiega la Presidente Stefania Petrianni - è uno strumento finanziario diretto alle persone che incontrano difficoltà di accesso ai canali abituali di finanziamento e il Comitato Imprenditoria Femminile della Camera di Commercio di Latina, oltre a divulgare e promuovere l'iniziativa, fungerà da interfaccia sul territorio, mettendo in contatto le aspiranti imprenditrici con la Fondazione che, dopo un'attenta valutazione delle prospettive di business e un esame della richiesta di finanziamento, in caso di esito positivo, le trasmetterà all'Istituto Intesa San Paolo per la decisione finale e l'erogazione del finanziamento. Unica garanzia richiesta è la reale fattibilità del progetto.”
Gli importi finanziabili partono da un minimo di 2.000 euro ad un massimo di € 35.000 per i progetti di microimpresa e da un minimo di 500 euro per i progetti di occupabilità consistenti in percorsi formativi che garantiscano uno sbocco occupazionale.
La partecipazione economica della richiedente è compresa tra il 5-10% del valore del progetto e la restituzione dell'importo finanziato può avvenire fino a 5 anni ad un tasso di interesse EuroIRS (attualmente pari a 4.50% circa) + 0.50%.
La concessione del prestito è condizionata alla frequenza obbligatoria di un breve corso di formazione gratuito.

9 maggio 2008 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Raccolte di altri articoli simili - clicca sul link dell'argomento di interesse

Approfondimenti e integrazioni

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare qui. Per accedere con credenziali Facebook puoi cliccare qui.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti


Cerca