L'Antitrust apre istruttoria sulla (non) portabilità dei mutui

La normativa sulla portabilità dei mutui "è rimasta inattuata" e l'Antitrust, sulla base di denunce verificate e delle prove raccolte, ha aperto dieci istruttorie su altrettanti istituti di credito per "pratica commerciale scorretta".

E' quanto ha annunciato il presidente dell'Autorità , Antonio Catricalà , conversando con i giornalisti durante il forum della pubblica amministrazione. "Questa legge - ha detto - è rimasta inattuata perché abbiamo segnalazione di rinunce a cambiare solo per i costi e abbiamo denunce di cittadini perché le banche negano la surrogazione e propongono un contratto analogo ma con costi insopportabili.

Abbiamo evidenza - ha aggiunto Catricalà - che questo sia vero e abbiamo raccolto prove sufficienti su dieci banche e abbiamo aperto dieci istruttorie. Le pratiche sono state aperte perché riteniamo sia scorretto il loro modo di agire e riguardano quindi, non un'intesa tra banche, ma pratica commerciale scorretta".

Per porre una domanda  su tutela e diritti del consumatore, dell'utente dei servizi bancari e finanziari, e del debitore in genere, sul codice del consumo, e su tutti gli argomenti correlati a questo articolo, clicca qui.

14 maggio 2008 · Patrizio Oliva

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Link a ritroso

Stai leggendo L'Antitrust apre istruttoria sulla (non) portabilità dei mutui Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 14 maggio 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 22 gennaio 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Per un accesso rapido e anonimo puoi cliccare questo link. Ma puoi anche commentare o porre una domanda con le tue credenziali Facebook, Twitter, o Google+.

  • Corrado Faissola 2 giugno 2008 at 13:51

    Il problema della portabilità gratuita dei mutui ormai al traguardo, sia pure attraverso difficoltà interpretative non imputabili al sistema bancario.

    La portabilità è ormai pressochè completa e a fianco ad essa ci sono altri istituti, compreso l’ultimo strumento condiviso di recente con il Governo (la convenzione sulla rinegoziazione, ndr). In futuro i mutuatari italiani saranno in una situazione nettamente migliore rispetto a tutti i mutuatari dei Paesi europei: in questo settore siamo all’avanguardia.

  • Giovanni Calabrò 2 giugno 2008 at 13:48

    La legge Bersani che regola il trasferimento dei mutui con la surrogazione e’ chiara, le spese notarili anche se dovessero esserci non sono comunque a carico del debitore

    Come dice la legge l’istituto di credito subentra nelle garanzie accessorie, personali e reali al credito surrogato. L’annotamento per la surrogazione puo’ essere richiesto dal conservatore senza formalita’ allegando copia autentica dell’atto di surrogazione stipulato per atto pubblico o scrittura privata, dunque l’intervento del notaio si puo’ limitare alla sola autentica.

    Crediamo che il governo Berlusconi abbia assunto un impegno preciso perche’ ci siano tutte le modifiche necessarie per tagliare le spese notarili e di altro tipo nella surrogazione dei mutui. Ora le banche non potranno piu’ accampare scuse per effettuare la portabilita’ eliminando anche le spese notarili.

  • Antitrust 30 maggio 2008 at 17:06

    Il decreto sui mutui viene incontro alle esigenze dei consumatori ma deve garantire la portabilità a costi nulli e deve essere considerato come una base minima per le condizioni poste dalle banche.

    Il decreto legge sui mutui, prevedendo un diritto alla rinegoziazione a condizioni predeterminate, viene incontro a quei mutuatari oggettivamente esposti a situazioni difficilmente sostenibili. Occorre tuttavia che le banche possano autonomamente adottare condizioni migliori per la clientela e che sia garantita definitivamente la portabilità a costo zero

    Negli ultimi due anni l’incremento del costo del denaro ha determinato aumenti nelle rate indicizzate, a seconda della durata e ammontare del mutuo, anche del 20%. Il decreto viene dunque incontro ad un’esigenza reale. Perché generi effetti positivi, senza disincentivare la competizione, vanno però salvaguardati tre requisiti essenziali:
    1) prevedere condizioni migliorative;
    2) garantire la portabilità;
    3) assicurare la trasparenza delle condizioni

  • Giovanni Calabrò 30 maggio 2008 at 17:03

    Sara’ conclusa in tempi rapidi l’istruttoria aperta dall’Autorita’ Garante della Concorrenza e del Mercato nei confronti di una ventina di istituti bancari colpevoli di non aver rispettato la legge sulla portabilita’ dei mutui.

    Se verranno accertate le responsabilita’ della banche – ha precisato Calabro’ – queste verranno sanzionate per pratiche commerciali scorrette.

    Le sanzioni potranno non costituire un vero deterrente, ma credo che sia comunque una macchia alla reputazione degli istituti di credito trovati colpevoli, potendo compromettere la loro credibilita’ e il rapporto di fiducia con la clientela.




Cerca