Divisione dell'eredità

Per dividere l'eredità bisogna in primo luogo effettuare un elenco di tutte le attività e passività del defunto. Debbono essere compresi anche quei beni, salvo quelli di modesto valore, che il defunto aveva donato in vita ai figli o al coniuge. Si procede quindi alla stima dei beni singoli e alla formazione di "porzioni" corrispondenti alle quote di ciascun erede. I beni che un erede ha ricevuto in vita vengono considerati nella sua quota. Gli immobili che non possono essere divisi vanno per intero ai coeredi che hanno diritto a una quota maggiore con conguaglio in denaro per gli altri; oppure si procede alla vendita e si divide il ricavato.

Per fare una domanda su beni e debiti nella successione, sulle procedure giudiziali ed extragiudiziali di recupero crediti, sul recupero crediti in generale e su tutti gli argomenti correlati clicca qui.

30 luglio 2013 · Paolo Rastelli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere cliccando questo link. Potrai utilizzare le tue credenziali social oppure accedere velocemente come utente anonimo.

  • maria.veronica 22 ottobre 2013 at 13:01

    buongiorno, mio padre purtroppo ha debiti con banche e con lo stato. ho sentito dire che una volta defunto, facendo la rinuncia all’eredità i debiti non ricadranno su noi figli e su mia madre. è vera questa cosa? che tipo di rinuncia bisogna fare? c’è il rischio che i creditori di mio padre si oppongano e che i debiti ricadano quindi su me e mio fratello? e se faccio la rinuncia all’eredità, c’è il rischio che il tutto ricada sui miei figli? inoltre vorrei sapere se ora che è fortunatamente ancora in vita, io e mio fratello possiamo tranquillamente chiedere prestiti alle banche e richiedere mutui o c’è il rischio che non ci concedano niente in quanto figli di mio padre. ultimissima cosa: cosa succederà quando inizierà a ricevere la pensione (la minima sociale) ? gliela bloccheranno? grazie mille dell’aiuto.

    • Simone di Saintjust 22 ottobre 2013 at 14:58

      Rinunciando all’eredità non si è costretti a pagare i debiti fatti in vita dal defunto genitore. Naturalmente la rinuncia deve essere formalizzata anche dai figli del rinunciante (i nipoti del defunto debitore). I creditori hanno la possibilità di opporsi se, e solo se, a rinunciare è il debitore chiamato all’eredità.

      I creditori possono chiedere al giudice il pignoramento del quinto della pensione del debitore. Ma la pensione sociale è praticamente impignorabile, essendo equivalente al c.d. “minimo vitale”.

      Per approfondimenti sulla rinuncia all’eredità acceda a questa sezione.

      L’argomento pignoramento del quinto della pensione e impignorabilità del minimo vitale è trattato qui.

      Purtroppo non è possibile escludere la possibilità che lo status di cattivo pagatore del genitore possa influenzare il merito creditizio dei figli. Alcune finanziarie, in fase istruttoria per la concessione del prestito, acquisiscono lo stato di famiglia del richiedente ed effettuano ricerche nelle centrali rischi dei cattivi pagatori per tutti i membri della famiglia anagrafica.

      Se il figlio che richiede il prestito non convive con il genitore, il rischio di diniego del finanziamento, riconducibile alle negative referenze creditizie del genitore, è pressoché nullo.

  • Ely 25 febbraio 2009 at 16:43

    Sono ragazza single con una bimba di 11 anni e con molto fatica siamo riuscite a comprarci casa.

    a breve venderò la mia attuale casa per acquistarne una assieme al mio nuovo compagno con il quale previamo di sposarci ed avere figli.

    Ora vorrei sapere, al fine di tutelare in caso di mia morte, la mia bambina come devo comportarmi?

    ho il timore che sposandomi lei vada a perdere BUONA parte di eredità.

    Grazie mille

    • c0cc0bill 26 febbraio 2009 at 14:32

      La legittima è la quota di eredità che secondo quanto prevede il Codice Civile spetta ad alcuni eredi, a prescindere dalla volontà del defunto. Eredi legittimi sono coniuge e figli, e, in assenza dei figli, i genitori e in base alla legge non è possibile diseredarli, perchè in questo caso potrebbero impugnare il testamento. Dunque, necessariamente, sua figlia perderà buona parte dell’eredità in caso di morte.

      Dovrebbe comprare casa prima del matrimonio e donare all’attuale bambina la parte dell’immobile che ritiene opportuno. Altre strade sono di difficile percorrenza e comunque esposte a rischio.

    • Ely 26 febbraio 2009 at 14:41

      Prima di tutto grazie mille! mi sta aiutando veramente molto…non le nego che questa problematica mi sta creando notti insonne.

      La casa verrà comprata prima del matrimonio, ma come faccio a donarle buona parte parte della mia quota di proprietà? Un testamento olografo é suff?

      grazie mille
      Ely

    • c0cc0bill 26 febbraio 2009 at 15:12

      Anche la donazione, per non essere impugnabile dagli altri eredi sopravvenienti (futuro marito e figli dal nuovo matrimonio) deve essere fatta prima di contrarre matrimonio.

      Dal punto di vista dei costi sulle donazione in linea retta, ossia da genitori a figli, non ci sono imposte da pagare fino ad un valore di un milione di euro.

      Dovrà quindi considerare solo l’onorario del notaio e l’ imposta ipotecaria catastale.

      Addirittura, non essendo la casa stata acquistata e tenendo conto delle problematiche sempre derivanti dalle donazioni a minore, potrebbe valutare l’ipotesi (ma per la convenienza dell’operazione la invito a consultarsi con un notaio) di intestare direttamente una quota dell’appartamento a sua figlia.

    • Ely 26 febbraio 2009 at 15:20

      Grazie, effettivamente potrei intestarle una buona quota e mettermi l’ anima in pace.

      In questo modo, se Alice (mia figlia) avesse poi necessità di vendere questa sua quota (es: per mantenersi, o per comprarsi una sua casa)lo potrà fare?

      Non vorrei il mio nuovo compagno si opponesse….

    • c0cc0bill 26 febbraio 2009 at 15:38

      In caso di sua dipartita (e facciamo le corna) suo marito (come anche Alice ed i figli venuti dal nuovo matrimonio) avranno diritto alla legittima sulla quota residua di proprietà dell’appartamento.

      E’ ovvio, allora, che la vendita dovrà essere congiunta, a meno che Alice non trovi un acquirente disposto a comprare solo una quota del bene.

      Non ci sono alternative. In ogni caso avrà salvaguardato Alice come desidera.

      Purtroppo in alcune situazioni bisogna accettare i compromessi e correre dei rischi. Ad esempio se Alice decidesse di vendere completamente l’appartamento quando la madre Ely è ancora in vita, dovrà comunque raggiungere un accordo con Ely. Ma, ci pensi, esiste un rischio futuro anche per Ely. Alice, infatti, potrebbe trovare anche un acquirente della sua sola quota ed Ely verrebbe così ad avere un estraneo comproprietario dell’appartamento, di punto in bianco. Per questo le dicevo di consultarsi con un notaio. Una donazione ad Alice con usufrutto a favore di Ely potrebbe garantire anche Ely sotto questo aspetto.

      Ciò che deve ricordare è che, una volta contratto matrimonio ed acquistata casa, Alice avrà diritto alla legittima nella stessa misura di suo marito e dei figli che verranno.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca