Prescrizione di libretti di risparmio e buoni postali

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

I libretti di risparmio, i certificati di credito e i buoni postali scadono dopo 30 anni, ai quali devono essere aggiunti altri 10 di prescrizione. Dopo 40 anni non valgono più nulla.

I promotori della class action contro Banca d’Italia affermano invece che la prescrizione di un diritto decorre dal momento in cui il titolare è in grado di esercitarlo.

28 Settembre 2011 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Tasse sui libretti di risparmio nominativi/buoni fruttiferi postali
Buongiorno, vorrei sapere se dal 2012 ci saranno modifiche, riguardo ad eventuali tasse/bolli, anche sui libretti di risparmio nominativi e ai buoni fruttiferi postali. ...

[risposta] tasse sui libretti di risparmio nominativi/buoni fruttiferi postali
Al fine di incentivare l'accredito delle pensioni su conti correnti (anche presso le Poste) è stata introdotta l'esenzione dall'imposta di bollo per le fasce socialmente svantaggiate di clientela. Per i conti correnti bancari/postali e i rendiconti dei libretti di risparmio, la tassa continuerà a essere di 34,20 euro l'anno se il cliente è una persona privata. L'imposta di bollo è invece del tutto cancellata se il valore medio di giacenza «risultante dagli estratti e dai libretti» non supera i cinque mila euro. In pratica se durante l'anno, tra entrate e uscite, la disponibilità media del vostro conto non supera questa ...

Prescrizione dei libretti di risparmio - anche per quelli antichi deve essere restituita la somma che vi fu depositata
La prescrizione del diritto incorporato nei libretti di deposito (anche indicati come libretti di risparmio) si contrappongono opposti orientamenti, ben sintetizzati. Secondo un primo orientamento, oggi superato ma a lungo seguito dai giudici di legittimità il termine prescrizionale decorrerebbe dal giorno della costituzione del rapporto o dell'ultima operazione di prelevamento o versamento effettuata. La prevalente dottrina e una parte della giurisprudenza di merito ritengono, invece, che la funzione del deposito bancario sottostante all'emissione del libretto di deposito non è quella del mutuo – come, invece, riteneva, fino a poco tempo fa, la Suprema Corte – ma quella della custodia, tipica ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su prescrizione di libretti di risparmio e buoni postali. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • maria_maria 10 Marzo 2012 at 18:55

    Salve, chiedo gentilmente informazioni per un Libretto di Risparmio al Portatore Vincolato del Banco di Napoli (vero ed autentico) di cui vorrei conoscere il saldo, inoltre vorrei alcune spiegazioni per quanto riguarda l’estinzione.

    Tale Libretto di Risparmio reca il n. 357 e risulta essere stato acceso presso la Ag. 32 del Banco di Napoli il 2 Agosto del 1966 con un primo versamento li £ 15.000.

    Si precisa che si tratta, nello specifico, di un Libretto al Portatore “a scadenza indeterminata con preavviso” (difatti, non esiste alcuna notazione in merito all’eventuale “vincolo a scadenza”).

    Ho gia’ provveduto a scrivere una lettera al Banco di Napoli in data 14.10.2011, ho ricevuto risposta in data 02.03.2012 ovviamente con avviso di non essere ritenuti al pagamento essendo da poco decorso il termine di prescrizione decennale a far data dall’ultima operazione registrata, risalente al 02.08.1966.

    Mi aspettavo una risposta del genere, però vorrei segnalare che ho letto in questo sito che i libretti antichi, hanno una durata di 30 anni da aggiungere altri 10 per la prescrizione dello stesso, totale 40 anni, e i 40 anni partono dal momento in cui si è maggiorenni.

    Allora il Libretto è stato acceso il 1966, l’intestatario poteva esercitare su di esso dal 1980, ad oggi sono precisamente 32 anni, 30 di scadenza piu’ 2 di prescrizione, quindi ancora non sono trascorsi i 40 anni.

    Chiedo gentilmente a chi mi devo rivolgere per risolvere questa situazione.
    Con i piu’ distinti saluti.

    • Stefano Iambrenghi 10 Marzo 2012 at 20:33

      L’articolo a cui lei si riferisce, ed in particolare l’affermazione i libretti di risparmio, i certificati di credito e i buoni postali scadono dopo 30 anni, ai quali devono essere aggiunti altri 10 di prescrizione. Dopo 40 anni non valgono più nulla. è ripreso da questo pezzo di Daniele Uva pubblicato sul Giornale.it

      Si tratta della posizione ufficialmente espressa da Bankitalia. Sarebbe proficuo chiedere a Bankitalia maggiori informazioni in merito alla questione che le sta a cuore.