La disciplina antiriciclaggio nel meccanismo prezzo valore

Il prezzo valore interferisce anche con la normativa antiriciclaggio, la quale prevede sanzioni per pagamenti in contanti superiori a mille euro.

La segnalazione di operazioni sospette da parte dei notai

La stessa normativa prevede, oltre agli obblighi di identificazione e registrazione, la segnalazione di operazioni sospette anche da parte dei notai.

Tra gli “indici di anomalia” previsti al fine della comunicazione delle operazioni sospette – utilizzabile anche a fini fiscali – sono stati individuati i seguenti:

  • “il cliente rifiuta di o solleva obiezioni a pagare il prezzo di vendita con bonifico o assegno bancario anche se la somma è superiore a E 1.000”;
  • “il cliente intende regolare i pagamenti con una somma notevole di denaro in contanti”;
  • “il cliente intende effettuare operazioni mediante l’impiego di denaro contante o di mezzi di pagamento non appropriati rispetto alla prassi comune ed in considerazione della natura dell’operazione, non giustificate dall’attività svolta o da altre circostanze”;
  • “il cliente intende effettuare operazioni a condizioni o valori palesemente diversi da quelli di mercato”;
  • “il cliente intende comprare un bene immobile con una somma notevole di denaro in contanti”.

La simulazione del prezzo è privata di razionalità con l’introduzione del meccanismo prezzo valore

E’ chiaro in definitiva che, soprattutto nei casi previsti dalla disciplina tributaria contenuta nella legge numero 266/2005 sul prezzo valore, il comportamento simulatorio delle parti è privo di qualsiasi razionalità: infatti nella gran parte dei casi dalla simulazione del prezzo derivano ormai solo svantaggi e nessun reale vantaggio.

Per porre una domanda sulla disciplina antiriciclaggio nel meccanismo prezzo valore, sul contratto di mutuo in generale, sulle tipologie di mutuo, sulle normative vigenti in tema di mutuo ipotecario, clicca qui.

30 Novembre 2007 · Piero Ciottoli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pagamenti frazionati e normativa antiriciclaggio
La normativa antiriciclaggio, secondo cui non possono essere effettuati pagamenti in contanti oltre determinate soglie, non può essere elusa tramite il frazionamento del pagamento. I limiti previsti dall'articolo 1, primo comma, del d.l. numero 143 del 1991, infatti, devono essere interpretati nel senso che deve farsi riferimento al “valore dell'intera operazione economica alla quale il trasferimento è funzionale e si applica[no] anche quando detto trasferimento si sia realizzato mediante il compimento di varie operazioni, ciascuna di valore inferiore o pari al massimo consentito” (C.Cass. sent. 15103 del 22 giugno 2010). ...

Tracciabilità e antiriciclaggio » Disposizioni su prelievi e versamenti
Tracciabilità del denaro: è possibile effettuare prelievi e versamenti sul conto corrente bancario, anche se di importi pari o superiori a tremila euro, secondo la normativa antiriciclaggio vigente? Facciamo chiarezza all'interno dell'articolo. Una delle domande più frequenti che ci si pone e quella sulla possibilità del prelievo dal conto corrente di una somma superiore pari o superiore a tremila euro. In questo senso, è bene chiarire che non vi è alcun divieto di legge a prelevare, dal proprio conto corrente, somme pari o superiori a tremila euro. Dopo l'entrata in vigore delle nuove norme sulla tracciabilità (legge di stabilità 2016), ...

Normativa Antiriciclaggio - Va segnalata ogni movimentazione del cliente di importo in contanti pari o superiore a 10 mila euro, anche se realizzata attraverso operazioni frazionate
Le banche (anche quelle operanti in Italia ma aventi sede legale e amministrazione centrale in altro Stato membro dell'Unione Europea) e Poste italiane devono inviare alla UIF, Unità di informazione finanziaria per l'Italia, con cadenza mensile una comunicazione contenente i dati relativi a ogni movimentazione di denaro contante di importo pari o superiore a 10 mila euro eseguita nel corso del mese solare a valere su rapporti ovvero mediante operazioni occasionali, anche se realizzata attraverso più operazioni singolarmente pari o superiori a mille euro. A tal fine, devono essere sommate le operazioni eseguite dal medesimo soggetto, in qualità di cliente ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la disciplina antiriciclaggio nel meccanismo prezzo valore. Clicca qui.

Stai leggendo La disciplina antiriciclaggio nel meccanismo prezzo valore Autore Piero Ciottoli Articolo pubblicato il giorno 30 Novembre 2007 Ultima modifica effettuata il giorno 21 Settembre 2017 Classificato nella categoria normativa antiriciclaggio - termini di presentazione data valuta data disponibilità Inserito nella sezione assegni cambiali e conti correnti

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)