Indice del post contenzioso tributario - lo strumento deflativo della conciliazione

La conciliazione giudiziale è il mezzo attraverso il quale si può chiudere un contenzioso aperto con il fisco: si applica a tutte le controversie per le quali hanno giurisdizione le Commissioni tributarie, può aver luogo solo davanti alle Commissioni tributarie provinciali e non oltre la prima udienza. La conciliazione permette al contribuente di usufruire di una riduzione delle sanzioni amministrative, che saranno dovute nella misura del 40% delle somme irrogabili. In ogni caso, la misura delle sanzioni non può essere inferiore al 40% dei minimi edittali previsti [ ... leggi tutto » ]

La conciliazione giudiziale può essere realizzata sia "in udienza" sia "fuori udienza" e può essere proposta:  dalla stessa Commissione tributaria provinciale, che, in sede di prima udienza, può prospettare alle parti il tentativo di conciliazione;  dalle parti (contribuente, ufficio dell'Agenzia delle Entrate, ente locale, Agente della riscossione), ciascuna delle quali può proporre all'altra la conciliazione totale o parziale della controversia. Il tentativo di conciliazione comunque non è vincolante. Infatti, se il contribuente nel tentare l'accordo non lo raggiunge, [ ... leggi tutto » ]

La conciliazione in udienza può essere avviata su iniziativa delle parti o dello stesso giudice. In particolare, si può verificare uno dei seguenti casi:  il contribuente o l'ufficio, con una domanda di discussione in pubblica udienza depositata presso la segreteria della commissione e notificata alla controparte entro i 10 giorni precedenti la trattazione, può chiedere di conciliare in tutto o in parte la controversia  l'ufficio, dopo la data di fissazione dell'udienza di trattazione e prima che questa si sia svolta, può depositare una proposta scritta già concordata con il ricorrente  il giudice tributario, con intervento autonomo, può invitare le [ ... leggi tutto » ]

La conciliazione fuori udienza viene formalmente avviata dopo che è intervenuto l'accordo tra l'ufficio e il contribuente sulle condizioni alle quali si può chiudere la controversia. In questa ipotesi, lo stesso ufficio, fino alla data di trattazione in camera di consiglio o alla discussione in pubblica udienza, può depositare presso la segreteria della Commissione una proposta di conciliazione con l'indicazione dei contenuti dell'accordo. Se l'accordo viene confermato, il Presidente della Commissione [ ... leggi tutto » ]

Il versamento degli importi concordati a seguito di conciliazione delle controversie tributarie deve essere effettuato:  con modello F24 per le imposte dirette, per l'Irap, per le imposte sostitutive e per l'Iva con modello F23 per le altre imposte indirette. Per il versamento di imposte dirette, Irap, imposte sostitutive e Iva dovute per effetto della conciliazione giudiziale, è possibile effettuare la compensazione con eventuali crediti d'imposta vantati. Non è possibile invece compensare le imposte che si versano con il modello F23 (per esempio, imposta di registro). Il pagamento va fatto:  in unica soluzione, entro 20 giorni dalla data di redazione [ ... leggi tutto » ]

Nello schema di seguito riportato vengono sintetizzati i vantaggi della conciliazione giudiziale. [ ... leggi tutto » ]

7 aprile 2012 · Giorgio Valli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Riforma del processo tributario - La conciliazione giudiziale
Se in pendenza del giudizio le parti raggiungono un accordo conciliativo, presentano istanza congiunta sottoscritta personalmente o dai difensori per la definizione totale o parziale della controversia (conciliazione perfezionata fuori udienza). Se la data di trattazione è già fissata e sussistono le condizioni di ammissibilità , la commissione pronuncia sentenza di ...
Come evitare il contenzioso tributario
Per evitare il contenzioso tributario e sottrarsi a lunghi e costosi giudizi, esistono diversi strumenti deflativi, tra i quali l'acquiescenza, l'accertamento con adesione, la conciliazione giudiziale. Tra le più recenti modifiche normative, si segnala l'abolizione, dal 6 luglio 2011, dell'obbligo di presentare idonee garanzie in caso di pagamento a rate ...
Acquiescenza, accertamento con adesione e conciliazione giudiziale - nuove riduzioni
Sanzioni ancora più ridotte per acquiescenza, accertamento con adesione ed altri strumenti deflativi. La legge di stabilità 2011 ha modificato, infatti, la misura delle sanzioni ridotte dovute dai contribuenti in caso di: acquiescenza; accertamento con adesione; definizione agevolata delle sanzioni; adesione agli inviti al contraddittorio e ai processi verbali di ...
Contenzioso tributario - Esecuzione delle sentenze di condanna in favore del contribuente e giudizio di ottemperanza
A far data dal primo giugno 2016, le sentenze di condanna (anche non passate in giudicato) al pagamento di somme in favore del contribuente e quelle emesse su ricorso avverso gli atti relativi alle operazioni catastali sono immediatamente esecutive. Il pagamento delle somme dovute a seguito della sentenza deve essere ...
Contenzioso tributario - La sospensione dell'atto impugnato può essere chiesta anche nei gradi di giudizio successivi al primo
La proposizione del ricorso tributario non sospende gli effetti giuridici dell'atto impugnato. Tuttavia, il ricorrente può chiedere alla Commissione tributaria competente, con un'apposita istanza, la sospensione dell'atto, se ritiene che dallo stesso gli possa derivare un danno grave e irreparabile. La richiesta motivata può essere contenuta nel ricorso o essere ...

Spunti di discussione dal forum

Nuova richiesta di pagamento TIA sulla quale pende già un ricorso alla CTP – Parte seconda
CHIEDE all’Onorevole Commissione Tributaria adita di volere sospendere preliminarmente l’atto motivato di accertamento per omessa o infedele dichiarazione numero xxx, e previa fissazione dell’udienza di discussione pubblica ai sensi dell’art. 33 del D.lgs. 546/1992, annullare l’atto impugnato, con vittoria di spese e compensi. ----------------- Questo e' quello che e' stato…
Pignoramento pensione – posso chiedere la riduzione della trattenuta ad un decimo?
Chiedo a voi per favore, dopo l'emissione della sentenza del giudice che ha stabilito la trattenuta di 1/5 per pignoramento presso terzi (inps),è possibile fare opposizione per chiedere riduzione, di applicare 1/10? Seconda domanda: ...udienza rimandata, ci sono dei termini/scadenze per eleggere/attivare domicilio presso avvocato? Al fine di essere avvisati…
Mancata lettura da parte del giudice di pace del dispositivo in udienza
Durante un'udienza dal giudice di pace per violazione del codice della strada ho chiesto al giudice di leggermi il dispositivo ma rispondeva dicendo che voleva prima pensarci su e che potevo successivamente recarmi in cancelleria per conoscerne l'esito. Alcuni giorni dopo, il ricorso era stato respinto, tuttavia appariva sulla stampa…
TFR non corrisposto dal datore di lavoro e proposta di conciliazione stragiudiziale
Volevo ottenere un consiglio pratico su come ottenere il TFR dalla ditta per cui lavoro dato che tale ditta dal 2007 ha cambiato nome della società senza dichiarare fallimento e quindi sono stato licenziato e immediatamente riassunto senza percepire il suddetto TFR. In seguito la ditta mi ha proposto un…
Pignoramento dello stipendio per debito ordinario
Mi è stato notificato atto pignoramento dello stipendio per un debito con una finanziaria: il mio stipendio è di circa 800 euro perché ho un contratto part time. Pago un affitto di 200 euro. Hanno diritto di sottrarmi il 5° dello stipendio? Udienza sarà il 30 settembre 2015 l'esecutività sarà…

Assistenza gratuita e link a ritroso

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su indice del post contenzioso tributario - lo strumento deflativo della conciliazione. Clicca qui.

Stai leggendo Indice del post Contenzioso tributario - Lo strumento deflativo della conciliazione Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 7 aprile 2012 Ultima modifica effettuata il giorno 5 ottobre 2017 Classificato nella categoria contenzioso tributario mediazione ricorso transazione fiscale e accordo per debiti tributari (legge 3/2012) Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi.

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti



Cerca

Domande?