La classificazione delle attività economiche

Indice dei contenuti dell'articolo


Tutte le attività economiche sono classificate in una tabella e contraddistinte da un apposito codice identificativo

Tutte le attività economiche sono classificate in una tabella e contraddistinte da un apposito codice identificativo che va utilizzato dai contribuenti in tutti gli atti e le dichiarazioni da presentare all'Agenzia delle Entrate.

Dal 1° gennaio 2004 esiste una nuova tabella di classificazione delle attività economiche, denominata ATECOFIN 2004, che ha modificato quella in uso da circa dodici anni. La nuova codifica è stata desunta dalla tabella predisposta dall'Istituto nazionale di statistica, denominata Ateco 2002, che è utilizzata nelle rilevazioni statistiche e costituisce, in pratica, la versione nazionale della classificazione definita a livello europeo.

La nuova tabella ATECOFIN 2004 è strutturata in 17 sezioni, contraddistinte da un codice alfabetico, che corrispondono ai grandi settori di attività economiche (agricoltura, pesca, attività manifatturiere, costruzioni, trasporti, ecc.); alcune sezioni sono ulteriormente suddivise in sottosezioni contraddistinte da due codici alfabetici (ad esempio, la sezione C “Estrazioni di minerali” è suddivisa in due sottosezioni: CA “Estrazione di minerali energetici” e CB “Estrazione di minerali non energetici”).

Nell’ambito di ciascuna sezione o sottosezione sono elencati i vari codici attività, costituiti generalmente da cinque cifre. Per numerosi settori di attività sono previsti dei codici residuali, da utilizzare nell’ipotesi in cui il contribuente abbia difficoltà ad identificare la propria attività con un codice specifico.

La tabella Atecofin 2004 (approvata con provvedimento del Direttore dell'Agenzia del 23.12.2003) è disponibile sul sito internet dell'Agenzia insieme con altri servizi utili ad agevolare professionisti e imprese nell’individuazione del proprio codice attività (ad esempio: Tavola di raccordo tra vecchia e nuova classificazione, Ricerca rapida, Ricerca guidata).

QUANDO È RICHIESTO IL CODICE DELLA ATTIVITÀ ECONOMICA

L’indicazione del codice dell'attività economica esercitata è espressamente richiesta in numerosi modelli che il contribuente è chiamato a presentare all'Agenzia delle Entrate per assolvere gli adempimenti fiscali previsti.

L’individuazione del codice attività assume particolare importanza, ad esempio, quando si presenta la dichiarazione di inizio attività, di variazione dei dati, di cessazione dell'attività.

Inoltre, l’indicazione del codice attività è prevista nelle dichiarazioni annuali da presentare per l’assolvimento delle imposte sui redditi e dell'imposta sul valore aggiunto (si pensi, ad esempio, al Modello Unico, alla Dichiarazione Iva, alla Comunicazione annuale dei dati Iva).

Per porre una domanda sulla classificazione delle attività economiche per avvio attività, su fisco, tasse, dichiarazioni dei redditi, regimi fiscali agevolati, ed altri argomenti correlati clicca qui.

1 Agosto 2013 · Giorgio Valli


Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Avvio attività – prime formalità fiscali
Dal punto di vista fiscale, il primo atto formale per chi intraprende una attività economica, sia di tipo autonomo che imprenditoriale, è quello di segnalarlo all'Agenzia delle Entrate mediante la presentazione di apposita dichiarazione entro 30 giorni dall'inizio dell'attività o dalla costituzione della società. Sostanzialmente, gli adempimenti principali da assolvere sono: la richiesta di attribuzione del numero di partita Iva; la scelta del regime contabile. Anche se si tratta di un adempimento di natura amministrativa, si ricorda che entro 30 giorni dall'inizio dell'attività quasi tutte le imprese (sia individuali che societarie) hanno l'obbligo di iscriversi nel Registro delle Imprese e ...

Avvio variazione e cessazione attività
Quando si intraprende un'attività economica, sia di tipo autonomo che imprenditoriale, il primo passo consiste nel segnalare l'inizio dell'attività al fine di ottenere il numero di Partita Iva (occorre segnalarlo entro 30 giorni dall'inizio dell'attività o dalla costituzione della società). Il numero di Partita Iva (Articolo 35 del decreto del Presidente della Repubblica numero 633 del 1972) viene attribuito dall'Agenzia delle Entrate al momento della dichiarazione di inizio attività e resta invariato fino alla cessazione. Il numero di Partita Iva è formato da 11 caratteri numerici, di cui i primi 7 individuano il contribuente attraverso un numero progressivo, i successivi ...

Avvio attività – i principali adempimenti fiscali
In questo articolo si propone una sintesi sui fondamentali obblighi fiscali che deve adempiere chi esercita un'attività e sui principali documenti previsti ai fini dell'imposizione diretta (Irpef) ed indiretta (in particolar modo, l'Iva). L'Iva è l'imposta (disciplinata dal DPR 633/72) che si applica sulle cessioni di beni e sulle prestazioni di servizi eseguite in Italia da tutti i titolari di partita Iva, per i quali, comunque, è “neutra”, nel senso che non rappresenta né un costo né un ricavo. Di fatto, è pagata dal consumatore finale. Essa si determina sottraendo l'Iva pagata ai fornitori per l'acquisto di beni e servizi ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su la classificazione delle attività economiche. Clicca qui.

Stai leggendo La classificazione delle attività economiche Autore Giorgio Valli Articolo pubblicato il giorno 1 Agosto 2013 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria avvio attività Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi