La carta di Cicciobello (Francesco Rutelli) …..


Recuperare a sinistra e nel mondo gay – L’ex sindaco in cerca di nuove alleanze. A sinistra, Rutelli può guardare a “Sinistra critica” e a Franco Grillini (socialisti, gay, trans, transgender)…..

Questo l’occhiello di un articolo apparso sul Corriere della Sera e che riporta alcune dichiarazioni del “pupone”.

La cosa suscita non poche perplessità.

Innanzitutto: il contributo della sinistra critica non porterebbe ad un consiglio comunale ingovernabile? Si tratta, in fondo, di gente senza cultura di governo.

Anche I gay ….. sarebbe interessante conoscere il parere, in tal senso, del Cardinal Ruini (un caro amico di Francesco).

Addirittura i socialisti poi. Roba da non credersi. Se non lo scrivesse il Corriere della Sera articolo da visualizzare in una finestra di navigazione anonima del browser, penserei ad una bufala.

Ed infine, sorge spontanea la domanda: con Walter Veltroni, Rutelli, ha parlato prima di fare queste esternazioni?

Secondo me meglio sfondare …. al centro. Con Luciano Ciocchetti (Udc) e Mario Baccini (La rosa bianca).

La sinistra meglio lasciarla perdere. Anche perchè per trovare oggi qualcuno di sinistra bisognerebbe cercare con la lanterna …

Francè, come dicono a Napoli, “Cà niscuno è fesso”.

16 Aprile 2008 · Patrizio Oliva



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Cosa sto leggendo

Stai leggendo La carta di Cicciobello (Francesco Rutelli) ….. Autore Patrizio Oliva Articolo pubblicato il giorno 16 Aprile 2008 Ultima modifica effettuata il giorno 16 Dicembre 2017 Classificato nella categoria attualità gossip politica

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)

  • Gianluca Santilli 21 Aprile 2008 at 17:56

    In questi giorni, facendo campagna elettorale per il Sindaco Rutelli, mi è capitato più volte di sentirmi dire che RUtelli e sua moglie (la giornalista Barbara Palombelli) fossero “implicati” in un poco chiaro “affaire” riguardante i parcheggi a pagamento (c.d. strisce blu), la S.T.A. ed altre fantomatiche società di riscossione. Tali notizie, artatamente messe in circolazione in campagna elettorale, sono anni che vanno in giro, sono VERGOGNOSE e COMPLETAMENTE DESTITUITE DI OGNI FONDAMENTO. In merito esiste anche una senzenza penale, la nr.5726 del 2006, che ha definito del tutto falsa questa leggenda metropolitana sul conto della moglie di Rutelli. L’autore della notizia, un certo Enrico Iapoce, che pubblicò l’articolo sul sito della Sapienza nelle pagine relative al programma Erasmus, è stato condannato per diffamazione. Tuttavia la notizia è ancora fatta circolare tra la gente e qualche “prode destrorso” senza vergogna e senza un programma per Roma, ha ben pensato di ridare fiato alle trombe della menzogna. Che dire? E’ a questi vogliamo consegnare Roma?

  • STANCO 21 Aprile 2008 at 15:00

    Ma quale Ciocchetti, ma quale centro, ma stiamo scherzando, tanto vale consegnare Roma ad Alemanno e agli amici della lega (Bossi? noi tifiamo x l’ictus!!!!).Sinistra Critica? xkè no…ma con chi…con Rutelli? Chi quello che ha mangiato i soldi della missione Arcobaleno? No x carità. Purtroppo grazie a voi elettori ci siamo ridotti a questa scelta amara. L’unico che meritava di essere eletto era ANDREA ALZETTA. Documentatevi.Grazie.

  • Barbara Palombelli 21 Aprile 2008 at 14:54

    Forza Francesco…riprendiamoci roma…ho bisogno di aprire qualche altra società fittizia ad hoc !!

  • c0cc0bill 16 Aprile 2008 at 15:43

    Beh, mi sa che con questa carta Rutelli potrà solo pulircisi il deretano.

    Comunque questi parlano e parlano, ci hanno rotto la minchia per mesi sulla necessità di andare da soli per assicurare la governabilità.

    Poi quando capiscono che le cose si mettono male per loro,che la poltrona a cui sono destinati si allontana, sarebbero disposti anche a scendere a patti con il diavolo.

    E della linea politica declamata prima, se ne fottono ampiamente.