IVA a credito » Omessa dichiarazione? Ecco come recuperare le somme

In caso non fosse stata presentata la dichiarazione Iva a credito dell’anno precedente, è possibile presentare la stessa oggi e recuperare il credito Iva esposto nella dichiarazione dell’anno successivo?

Durante lo svolgimento dell’attività professionale o anche di impresa può’ accadere che la conformazione dei costi porti il contribuente a maturare un’IVA nei confronti dello Stato/erario.

Oppure si ha il caso di un acquisto di bene materiale, esempio impianti o macchinari molto costosi, oppure prima fornitura di materie prime che di fronte ad una mancata rilevazione di ricavi e quindi di IVA a debito porta la liquidazione IVA mensile o trimestrale a credito.

Ebbene, in questi casi bisogna sapere che, poiché la dichiarazione Iva per l’anno precedente è da considerare omessa, nel momento in cui sono decorsi 90 giorni dalla scadenza del termine per la presentazione in forma autonoma o in forma unificata non è ammessa la presentazione della stessa ora per allora.

Il contribuente, tuttavia, può ottenere il riconoscimento del credito Iva evidenziato nella dichiarazione, presentando al competente ufficio dell’agenzia delle Entrate, entro 30 giorni dal ricevimento dell’avviso di irregolarità, idonea documentazione, quale ad esempio i registri Iva, i prospetti delle liquidazioni periodiche, la dichiarazione cartacea dell’annualità omessa, le fatture di vendita e di acquisto.

Se l’ufficio riterrà sussistente il credito, procederà a scomputarlo dalle somme dovute in base all’avviso bonario originario, a titolo di interessi e della sanzione del 30 per cento sulla parte di credito effettivamente utilizzato.

Il contribuente, successivamente, riceverà una comunicazione definitiva di irregolarità e qualora verserà entro 30 giorni da tale comunicazione le somme così determinate, beneficerà della riduzione ad un terzo della sanzione suindicata.

Ovviamente, sanzioni e interessi non sono dovuti nel caso in cui il credito Iva non sia stato utilizzato, ferma restando la sanzione per l’omessa presentazione della dichiarazione.

1 Ottobre 2014 · Stefano Iambrenghi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quanto costa la sanzione per omessa o infedele dichiarazione dei redditi
Per omessi, insufficienti o ritardati versamenti diretti (saldo, acconto, periodici) la sanzione amministrativa è pari al 30% dell'imposta dovuta e non pagata. La sanzione è ridotta a 1/15 per ciascun giorno di ritardo, se il versamento è effettuato entro 15 giorni. In caso di omessa dichiarazione dei redditi la sanzione amministrativa irrogata varia dal 120% al 240% delle imposte dovute, con un minimo di 258 euro. Se non sono dovute imposte, la sanzione ha un minimo di 258 euro ed un massimo di 1.032 euro. La sanzione è raddoppiabile per i soggetti obbligati alla tenuta delle scritture contabili. In presenza ...

Omessa presentazione della dichiarazione dei redditi - il contribuente non è esente da colpa per il solo fatto di aver incaricato un professionista per i relativi adempimenti
La violazione delle norme tributarie suscettibile di sanzione da parte della legge richiede che il comportamento addebitato sia posto in essere con dolo o anche colpa: il contribuente a cui venga contestata la mancata presentazione della dichiarazione dei redditi e l'omessa tenuta delle scritture contabili obbligatorie non può considerarsi esente da colpa per il solo fatto di aver incaricato un professionista per i relativi adempimenti, dovendo egli altresì allegare e dimostrare, al fine di escludere ogni profilo di negligenza, di avere svolto atti diretti a controllare la loro effettiva esecuzione, prova nel caso concreto superabile soltanto a fronte di un ...

Dichiarazione dei redditi – presentazione in ritardo
Se la dichiarazione è presentata con ritardo non superiore a novanta giorni, la violazione può essere regolarizzata eseguendo spontaneamente, entro lo stesso termine, il pagamento di una sanzione di 32 euro, pari ad 1/8 di 258 euro, ferma restando l'applicazione delle sanzioni relative alle eventuali violazioni riguardanti il pagamento dei tributi, qualora non regolarizzate secondo le modalità illustrate precedentemente. Un esempio pratico Supponiamo che un contribuente abbia dimenticato di presentare alla scadenza del 31 luglio la dichiarazione dei redditi (Modello Unico) dalla quale non risultano imposte da versare. Attraverso il ravvedimento operoso egli potrà presentare la dichiarazione nei 90 giorni ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su iva a credito » omessa dichiarazione? ecco come recuperare le somme. Clicca qui.

Stai leggendo IVA a credito » Omessa dichiarazione? Ecco come recuperare le somme Autore Stefano Iambrenghi Articolo pubblicato il giorno 1 Ottobre 2014 Ultima modifica effettuata il giorno 2 Agosto 2017 Classificato nella categoria dichiarazione dei redditi Inserito nella sezione fisco, tributi e contributi

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)