Agenzia delle entrate » Controlli anche per IVA ed altri tributi

Attenzione » il contenuto dell'articolo è poco significativo oppure è stato oggetto di revisioni normative e/o aggiornamenti giurisprudenziali successivi alla pubblicazione e, pertanto, le informazioni in esso contenute potrebbero risultare non corrette o non attuali. Potrai trovare i post aggiornati sull'argomento nella sezione di approfondimento.

Spesometro integrato: per garantire la lotta all’evasione fiscale, da quanto si evince dalla circolare dell’Agenzia delle Entrate, saranno effettuate verifiche anche per le violazioni relative all’Iva e ad altri tributi.

Novità per gli accertamenti in programma del Fisco: nei mesi a venire, l’attività di controllo dell’Agenzia delle Entrate si concentrerà sulla ricerca di violazioni in materia di imposta sul valore aggiunto (IVA), ma non solo allo scopo di rettificare la specifica imposta, ma anche con la finalità di individuare possibili ricadute sulle altre imposte

Ciò è quanto chiarito dall’AdE con la circolare 25/E/2014.

Il documento funge da vademecum per gli uffici territoriali dell’Ade, chiarendo quali sono le diverse ipotesi di violazioni Iva constatate negli ultimi anni e quale deve essere l’attività di indagine e di controllo che deve essere posta in essere.

Ciò perché l’Iva, negli ultimi anni, è stata utilizzata da contribuenti scaltri per realizzare specifici fenomeni nazionali e internazionali di evasione.

Ma l’Iva, proprio per la sua struttura e per i suoi meccanismi operativi può, viceversa, risultare particolarmente utile al Fisco per individuare non solo violazioni dell’imposta, ma anche comportamenti illeciti a essa strettamente connessi che realizzino una riduzione di gettito ai fini delle imposte dirette.

Proprio per questo motivo, l’Agenzia delle Entrate pone al centro della sua attività investigativa e di analisi del rischio queste situazioni:

  • utilizzo di false lettere d’intento;
  • compensazioni di crediti erariali inesistenti;
  • frodi comunitarie con utilizzo di fatture false o realizzazione di frodi carosello.

Con l’approvazione della circolare, in pratica, gli uffici territoriali dovranno, svolgere un’attività di analisi del rischio, indicando i soggetti che presentano particolari indicatori critici quali crediti Iva di importo elevato non giustificati dal settore di attività o dal volume d’affari.

Inoltre, gli stessi uffici potranno realizzare una specifica analisi di rischio utilizzando un nuovo applicativo messo a loro disposizione nel corso di quest’anno: parliamo dello spesometro integrato.

Lo spesometro integrato rileva in relazione al periodo d’imposta 2010 e 2011 le operazioni poste in essere dai contribuenti.

Inoltre, in relazione alle compensazioni di crediti erariali inesistenti gli uffici possono realizzare analisi per l’individuazione delle compensazioni indebite connesse al pagamento delle somme iscritte a ruolo con la procedura informatica di monitoraggio denominata Moni.C.

10 Settembre 2014 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Coronavirus: Agenzia delle entrate (Ade) e riscossione (Ader) - Quando si ripartirà con i controlli e l'invio di accertamenti?
Agenzia delle Entrate ed Agenzia delle Entrate riscossione hanno, a causa del Coronavirus, sospeso i controlli e l'invio degli accertamenti per questo periodo: vorrei sapere se si sa, più o meno, quando si rientrerà a regime normale. Si sa qualcosa? ...

Spesometro al via » Ora è ufficiale
Come accennato in precedenti articoli, parte ufficialmente lo spesometro: gli acquisti del 2013 saranno senza segreti per l'occhio lungo del Fisco. A partire dal 22 aprile 2014, infatti, è scattato il termine per l'invio alla banca dati dell'Agenzia delle entrate di tutte le fatture emesse dai soggetti Iva con contabilità trimestrale, ossa piccole imprese, professionisti, lavoratori autonomi e artigiani. Il 30 aprile 2014, invece, a girare la comunicazione telematica all'Agenzia delle Entrate saranno le banche e gli operatori finanziari che fanno da intermediari tra il consumatore e il negoziante: quest’anno dovranno rendere noto al fisco se, nel 2013, i loro ...

Notifica delle cartelle esattoriali per accertamenti dell'Agenzia delle Entrate – Termini di decadenza
In tema di accertamenti e controlli delle dichiarazioni tributarie ai sensi dell'articolo 36 bis del DPR 29.9.1973, numero 600, la legittimità della pretesa erariale è subordinata, alla luce dell'intervento legislativo realizzato con l'articolo 1, commi 5 bis e 5 ter, del DL 17.6.2005, numero 106 (convertito con modificazioni con la legge 31.7.2005, numero 156), alla notifica della cartella di pagamento al contribuente entro un termine di decadenza, dovendo l'ordinamento garantire l'interesse del medesimo alla conoscenza, in termini certi, della pretesa tributaria derivante dalla liquidazione delle dichiarazioni. La cartella esattoriale, dunque,  deve essere notificata entro precisi termini temporali a partire dalla ...

Assistenza gratuita - Cosa sto leggendo

Richiedi assistenza gratuita o ulteriori informazioni su agenzia delle entrate » controlli anche per iva ed altri tributi. Clicca qui.

Commenti e domande

Per porre una domanda sul tema trattato nell'articolo (o commentarlo) e visualizzare il form per l'inserimento, devi prima accedere. Potrai accedere velocemente come utente anonimo.

» accesso rapido anonimo (test antispam)